Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Cantori Martanesi: E Pussiùna u Kristù
..
kalin emera na sas-ssi pò-kho Buon giorno voglio dirvi
Na sas Kuntefso ma ti Passiùna, e raccontarvi della passione,
Ja possa patefse ce o Kristò-mma quanto patì il nostro Cristo
Ce kusete-ti ja devoziuna. ascoltate con devozione.
.
C' embièfse lèonta ce o Padreterno, Mandò a dire il Padre Eterno
Na mas sarvefsi ma ti fsikhì-khi, per salvarci l'anima,
Ce na mi pàme plèo ston infèrno e non andare all'inferno,
Ti maritèamo oli mì-khi. che meriteremmo tutti noi.
.
C'e Patriarki pu en etardèane I patriarchi non tardarono
Ce prakalònta ma to Teò-kho, supplicando (a supplicare) Dio
Ce n'akhi puru ma liberefsi che venisse a liberarli
Ma 's ùtto tòpo to skotinò-kho da questo luogo tenebroso.
.
Ma c'e Maddònna ‘s tin oraziùna E Maria nell'orazione
Ma ce kontàmplefse to pedì-khi contemplò il figlio:
Ce cini ìkhe ma ti furtùna ebbe Ella quella fortuna
ma ‘sti ccilìa-ti na ‘nkarnerftì-khi. che si incarnasse nel suo ventre.
.
Ma ìsan an angelon iu di kànto Fu un angelo così di canto
Pu mas salùtefse tim Maria; che (ci) salutò Maria;
Operan ìsa tu Spìrdu Sàntu Fu opera dello Spirito Santo
Na To 's inkarnìsi mes ti’ cilìa. che (Dio) Le s’incarnasse nel ventre.
.
Cen arte arscizo ce na sas pò-kho: E adesso comincio a raccontarvi:
Ce passosènas e’ na penzèfsi ognuno deve pensare
ja possa patèfse ce o Kristò-kho a quanto patì il Cristo
Ma ti fsikhì - khi na mas sarvèfsi. per salvare la nostra anima.
Ma ìs ' as Petro mes sti lumèra San Pietro tormentato (nel fuoco era),
Ce strakkon èpese na kaìsi, stanco (cadde) si mise a sedersi.
Vresi diaènnonta mia khiatera Si trovò a passare una ragazza
Ce cion eskòsi n’is kanonìsi. e lui si alzo per guardarla.
.
Ma lèi ti: “ pai ma tom Messia Ella dice: "Tu sei insieme al Messia
Ka irtes es o(de?)-kho t'e’ na sarvefsi e sei venuto qui per salvarci,
Evò s'ennorizzo ‘s tin amilìa” io ti riconosco dalla voce (dal parlare)"
ce o Petro èbbike na nikefsi. Egli cominciò a negare.
.
Ma tuo ìsan to dispiacere Questo fu il dispiacere
Ma o plèo mea p'ukhe o kristòmma, più grande che ebbe i nostro Cristo:
Ma satti o Petro se giuramento, quando Pietro in giuramento
Ce on ebbandònesfe manekhò-kho lo abbandonò da solo.
.
Ta ‘mmaddia t'akha skoso' o Kristò-kho Gli occhi aveva levato il Cristo
Ma on a Ppetro na kanonìsi per guardare San Pietro:
'E ma ston ennìkefse to priko-kho Questi rinnegò il poveretto (Cristo)
Ce kusti o gaddho na kantalisi. e si udì il gallo cantare.
.
Ma ce e Maddònna p'ùbbie votonta La Madonna andava cercando
A s olò tto tikho, 's ole tes strade, dietro ogni muro, per tutte le strade:
Ce on ìvrike-to me mia kolonna lo trovò legato ad una colonna
Pu ste ce u dìane poddhè mazzate mentre gli stavano dando molte mazzate.
.
Cini ngotanise ma ci mèsa Ella si inginocchiò per terra
Ce o padretèrno se na pragalisi a pregare il Padreterno
Ma n'i in piaki ma tin difesa affinché le prendesse le difese,
Ka doglia p'ùkhe ìa poddhì mali perché il dolore che provava era molto grande
.
Evo en estazo ma sas pò-kho Io non riesco a dirvi
Ja pòssa pàtefse c'e Maddònna quanto patì la Madonna
Satti to ìvre ce to petai-ti quando ritrovò suo figliolo
Ce nfracellato me mia kolonna. flagellato ad una colonna.
.
Efse khjìates abastunate Sei migliaia di bastonate
Ma pentakòsce ma n afsintàfse e cinquecento sessantasei
Ma somppòrtezze ampì ste platè egli sopportò dietro la schiena
Ma diontà-tu ma m'itte mazze. che gli diedero con quei randelli.
.
Ma t'ornisèddhe ma na ghennìsune Le galline che partoriscano
Ma pentakòscia ma tin emera cinquecento (uova) al giorno
E quella bella ma signorina e quella bella signorina
ma 'na pramazzi ma passomia. una cosetta per ognuna. (ognuna delle belle signorine ci dia una cosetta)
.
C'iso kristò-ma Ciso vloimèno Quel nostro Cristo benedetto,
Ka ìbbie mbènnonta es angonìa che stava per entrare in agonia,
Ce ambrò-tu tòri khijaden gheno migliaia di persone lo stavano a guardare
Ce tispo t'oddie mian afidìa. e nessuno gli prestava aiuto.

********************************

************************************
Es tin emèra tos Vaìo sta khorìa tis Grecìa èrchete travudimmèni e Passiùna tu Khristù.
Ettùcau ti' sòzete cusi
*********************
Il canto della passione è tratto dai passi del vangelo che trattano degli ultimi giorni della vita di Gesù e precisamente dal tradimento di Giuda fino alla sua morte per crocifizione. A questo sito si può ascoltare il racconto riportato nel vangelo di Marco:
La Passione di Cristo dal vangelo di Marco
***************************
Il canto della passione registrato a Martano
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com