Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Nina: O fsaderfo-mmu o Ntoni
On fsaderfò-mmu on efsèri esù?Mio cugino lo conosci tu?
O Ntòni. Ntoni.
Cìo pu ìkhe o negòzio. Quello che aveva il negozio.
Cìo pu ìkhe o negòzio. Quello che aveva il negozio.
Ciò pu èkhi i Stabbinàena. Quello sposato con una della famiglia dei Stabbinai
Ah, o fsèro. Ah, lo conosco.
Cìo e' fsaderfò dikò-mmu. Quello è mio cugino.
E màna-tu ce màna-mu ìane adreffè. Sua madre e mia madre erano sorelle.
Evò ìkha kànta mian òrria vèsta afse sèta, Io mi ero fatta una bella veste di seta,
ìan a rùkho quàsi quàsi afse kalocèri. era una stoffa quasi d'estate.
Cìo u ndiàzato mia vèsta A lui serviva una veste
na ndisì afse karnevàli, de! per vestirsi per carnevale, no!
Eh, cìo ìa magrolino; Eh,lui era magrolino;
u t'ùbbie. Irte ìpe: gli andava bene (il vestito). Venne, disse: cugina
enna mu dòi ti vèsta. mi devi dare la veste.
Ipa evò: a tto mmàsi e màna-mu me fsàzi Dissi io: se lo viene a sapere mia madre mi ammazza,
emèa ce esèa. (ammazza) me e te.
krifà atti màna-mmu u tin èdika. Di nascosto da mia madre glielo data.
Cìo pùru ìkhan kànta mìa squàddra Anche lui aveva raggruppato una squadra
ka epìane, pos leis esù, sta spìddia, e andavano, come dici tu, nelle case
's an mèro es t'àddho. da una parte all'altra,
Ekànnan barzellètte ìu, etravestèato. facevano barzellette così, si travestivano.
ka depòi su dìan pùru na pìi mòtti ... E poi ti davano anche da bere quando ...
Allòra, e skàrpe-mu afse ciuriacì Allora le mie scarpe della domenica
e' ttu pìane. non gli calzavano.
Cìo ìsele na ndisì afse ghinèka [kompleto]. Egli voleva vestirsi completamente da donna.
Atta maddhìa t'èkame? Per i capelli cosa fece?
ka cìo ìo pùru barbièri, Che lui era anche barbiere,
èkanne o barbièri cìo mòtti ian giòvani. faceva il barbiere quando era giovane.
E t'ekame? Epìrte c'ìvrike a màzzo kànnevi, Cosa fece? Andò a trovare un mazzetto di canapa,
kànnevi sènza filàta, ìu. canapa senza filata, così;
In èdefse ìu, in èvale ettupàu c'èkame la legò così, la mise qui sopra e fece
a maddhìa biònda. i capelli biondi.
I vèsta u tin èdika evò. La veste glielo data io.
E skàrpe epìrte 'n'àddhi afsaderfì dikì-mmu. Per le scarpe andò ad un'altra mia cugina,
ka cìni vàste o pòda plèo mèa, u t'òdike la quale aveva il piede più grande. (Questa) gli diede
es skàrpe m'o tàkko. le scarpe col tacco.
Endìsi m'e karzètte te llètte, Si vesti con le calze sottili,
èvale e pplèo khrondè pu pànu, kàu, mise delle (calze) più grosse di sopra, sotto (quelle sottili),
na mi tu fenùtte ànke. affinché no gli si notassero le gambe.
Insòmma endisi fse ghinèka. Insomma si vestì da donna.
Ekkukkètti ma tris tèssarus àddhu Si unì con tre quattro altri
ce pìan kànta pùru cìni barzellètte. e (insieme) andavano facendo anche loro barzellette.
ka de pòi mu skiàttefse òli tin vèsta aputtù. Che poi mi ruppe tutta la veste di qua.
Iu edivertèato to ghèno. Così si divertiva la gente.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2020
© www.rizegrike.com