Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
Ssuntina: Tàlassa
Sti tàlassa?Al mare?
Sti ttàlassa, tis ìbbie! Al mare, chi ci andava?
Eh.. evò ... Eh!, io ...
Evò motti èbbika ìtton àndra, Io quando ho preso quell'uomo,
màttisa cikàu, ce pìrta ho imparato laggiù, e vi andai
ecikàu cìttu skòju. sotto quella scogliera.
ìkhe o Vilìtri, cio ìstike cipànu c'era Vilitri, egli stava sopra
st'an'àddho mèro. in un’altra parte.
Embìka, ègguala u kkarzunèttu, Entrai, mi tolsi la mutande,
na eh! i vèsta, na eh! la veste,
ce mbìka mo reggipètto ce mu kkarzunèttu e sono entrata col reggiseno e con le mutande
ambrò stu skoju. vicino agli scogli.
Eskornèamo, i protinì forà. Mi vergognavo, la prima volta.
I protinì forà! La prima volta!
Andrammu pìrte ecistèa Mio marito andò da quella parte
ce kùnte mo Vilìtri. e parlava con Vilitri.
Pòsso khronò ... Quanti anni ...
Pòsso khronò imone? 'kosinnèa. Quanti anni avevo? ventinove.
Kosinnèa. Ventinove.
Motti ermàstimo. Quando mi sposai.
Mòtti pìrte i protinì forà sti ttàlassa. Quando andasti la prima volta al mare.
Apo pànu sti làmmia Da sopra il terrazzo
i ttàlassa 'e ttin ìde mai? il mare non l'hai visto mai?
Plèa làmmia, epopù Martàna? Quale terrazzo, di Martano?
Eh! Eh!
Nde eputtù! Non di qua!
Etorìete, etorìete. Si vede, si vede.
Apu Serràna fènete. Da Serrano si scorge.
Eh apu Serràna, puru apu ttu torìete. Eh da Serrano, pure da qua si vede.
E' ffènete apu 'ttu, Non si scorge di qua,
E' fènete, e fènete, apu pànu stes kàve. Non si scorge, non si scorge, da sopra le cave
etorìete i ttàlassa. si vede il mare.
Apà sta palàddia. (da) sopra i palazzi.
Apà sta palàddia aputtù etorìete i talassa. Da sopra i palazzi di qui si vede il mare.
No, e' torì tìpiti. No, non vedi niente.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2023
© www.rizegrike.com