Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Ssuntina: Itela na spiro evò
... o skòrdoma.... il nostro aglio.
E' kiantèo tìpoti plèo, Non pianto niente più,
en sperno tìpoti, bràvo! non semino niente, bravo!
Evò stèo fiàkka Io.. sto male,
ka evò tèlo na spìro na fào o dikòmmu, che io voglio un per mangiare il mio.
ka cìo pu kiantèo evò Che ciò che coltivo io
en'e' sakùndu cìo ka vorasi. non è come quello che compri.
En e' pompàta 'de! non è irrorata no!
Evò 'e pompèo mài, èna morzo, se pùru. Io non irroro mai, un boccone, se anche.
ka t'ènna pò e mundìzzie cì evò e’ pèrno, Voglio dire le immondizie le porto là,
kànno i fòssa, vàddho cikàu ... faccio una buca le metto dentro.
Ce kànni kròpo. kànni kròpo. E fai letame. Fai letame
kàddhio ìu. Meglio così.
Ia mìa forà, àrte diavènni. Era (così) una volta, ora non è così.
'Ttu mìnane e mundìzze, qui son rimaste le immondizie,
èssu-mu es'èdika atte pornà. quella di casa mia le ho date stamattina.
Diavìkane prìma n'àrto c'es èdika, passarono prima.. e le ho date,
us vìtru. i vetri.
A khartìa 'a vàddho sti llumèra ka e' na nàfso. Le carte le metto nel fuoco per accendere.
Vàscia vàscia vàddho tikanè as pulizìa. Piano piano metto tutto in ordine...
Ma ène kàddhio àrtena! Ma è meglio adesso!
No! no! No! No!
Evò tèlo n'akho.. Io voglio avere..
Ess o Senzakolo, to Mario, Da Senzacolo, Mario,
... epulìsti ìsi stòzza u tìu-tu. si vendette quel pezzo (di terreno) di suo zio.
Evò èkhi ka efabrìkonna Io stavo costruendo
sandè ìkha piànta ‘cì altrimenti avrei comprato là
ce mpìzzonna cìo ka ìtela. e avrei piantato ciò che volevo.
Na! dìo pàssu. Ecco! Due passi appena (da casa).
Iste kùkkia kùkkia ìstike, de! Stavi vicina vicina stavi, vero!
Allora! Piàntoti, pùru fiùru, Certo! prendendolo, pure fiori,
vàddhome 'cèssu tikanène, già!. avremmo piantato, di tutto, proprio così!
Ekhase in okkasiùna. Hai perso l'occasione.
Ja tùo e' tt' èbbika. Per questo non l'ho preso (il pezzo di terreno).
Ikha kànta kàddhio Sarebbe stato meglio
mìa stànza mi ti kkào makàta. una stanza non costruirla affatto.
Meh t'ènna kài! Cosa ci vuoi fare!
Na pò quasi, cìo ìkhe plèo kùkkio Per dire quasi, quello c'era di più vicino
c'ise sònta kalò, t'ùkha piànta! Sarebbe stato bello, l'avessi preso!
Ikhe stasònta kalò 'de, probio kalò! Sarebbe stato buono, vero, proprio buono!
'Vàddha fiùru stu tìkhu. Mettevo fiori lungo i muri.
Poddarsi ka ìkha fabrikèsfonta ecì, Può darsi che avrei costruito là,
stasònta prima. se fosse successo prima (di cominciare a costruire)
Ce ìkha pànta apòde pu ttumpì E sarei andata via da qui dietro (da questo luogo)
'E ssu piacèi ttumpì? Non ti piace qui dietro.
Ndè! No!
Ma ‘sù stèi pànta ci pànu stèi. Ma tu stai sempre li sopra stai (dall'altra casa).
ka panta pùru apòde pu ci simùddhia Che (sarei) andata via anche da li vicino
piàkonta 'itto koràfi. se avessi comprato quel campo.
ka ìstike kùkkia kukkia sto paìsi de! che stavi vicinissima al paese, vero!
Ec'es to Brotopàpa en'èstasa dentro (la proprietà) di Protopapa, non sono arrivata (in temo)
na pò na mu kraìsi i zzòna e Uccia. a dirgli a Uccia di conservarmi una zona.
E Uccia. Plèo Protopàpa? La Uccia. Quale Protopapa?
O Uccio tu Bbrotopàpa e' to fsèri? Uccio Protopapa non lo conosci?
ah! Artena ... ah! adesso...
kosimo! Cosimo!
An èrke… tòa: protinì ìsone esù. Se vieni allora: la prima saresti stata tu.
'E ttis ìpa tìpoti ce is piàgan àddhi. Non le ho detto niente e l'hanno comprata gli altri.
Sandè ìkha pànt'apòde pu ttu simà ka stèo. altrimenti sarei andata via da dove abito.
Jatì ìtele na pài apode pu ci simà, Perché vuoi andare via da li vicino,
en'estèi kalà cì simà? non stai bene lì vicino?
Etèlo n'àrria! Voglio l'aria!
Evò ndevènno apà sti llàmmia. Io salgo sul terrazzo
Etèli pròprio ària esù, de? Vuoi proprio l'aria tu vero?
Pu kànno amartìe! che faccio peccati! (impreco)
Ise proprio kontadìna ìse! Sei proprio contadina sei!
Jin ària ìme anìa! Per l'aria son viva!
Ma sta paìssia ... Ma nei paesi..
Eh! Evò in àrria i ttèlo: Eh..! Io l'aria la desidero:
posson èzisa, en efsèro an ezìso akatò, quanto ho vissuto, no so se vivrò cento,
an ezìso diakòsce, an ezìso trisakòsce, se vivrò duecento, se vivo trecento
àrria i ttèlo! l'aria la voglio!
Ma àrria i ttèli. Ma l'aria la vuoi.
Va be! Ma ap'ucisimà na pai apà sta Foderà Va bene! ma da li vicino per andare ai Foderà
pòsso etèli? quanto ci impieghi?
kàzza! mìan òra! "Cazza!", un'ora!
Mian òra? Un'ora?
Ma pòja. A piedi.
Ma pòja? A piedi?
ce min biciklètta dekòste sa ppampasciùna. E con La bicicletta a fianco come una cretina.
Ce kànni kalà. E fai bene.
Umh! Ei ka e ppào! Si! C'è che non vado.
Meh! Artena e' scimòna, e' sòzi pài. Me! Adesso è inverno non puoi andare?
Ce o kalocèri t'ènna kào? E all'estate cosa devo fare?
Ce o kalocèri ti ènna kài? E l'estate cosa devi fare?
O kaloceri e'... n'àddho pràma. L'estate è sempre un'altra cosa
Arte enna kiantèfsi ka ènna fài! Adesso devi piantare per mangiare.
I deftera, o Pantalèo ìpe ka ... Pantaleo ha detto che lunedì che..
I dettèra, Lunedì?
et'èkame? Cosa ha fatto?
I dettèra ìpe ka ènna vorasi tikanè Ha detto che lunedì deve comprare tutto
a spòra, a sporìata enna vorasi. I semi, le sementi deve comprare.
Avorasi? Epu ta pèrni ecistèa? Comprare?. Dove li porta da quella parte?
Ettu simà sta Foderà. Qui vicino ai Fodera.
Ttu vrisko evò na penzefso Qui trovo io, ci penso io,
... ka na mo dòi, ... che mi deve dare (le sementi).
andè voràzo evò, altrimenti le compro io,
ràpa èkhi dìo bùste. di rape c'è ne sono due buste.
Ecirtèa t'ènna kài ah! Da quella parte cosa devi fare eh!
Cikàu ... ecikàu, tìpoti! Tipoti! Li sotto … Li sotto? (un altro campo) Niente! Niente!
Ettù simà ènna kài tikanène. Qui vicino devi fare tutto.
Ti òra ène? Che ora è?
Ti òra ène? Che ore sono?
E ... E. ...
Esse ce dèka. Sei e dieci.
Esse ce dèka. Sei e dieci.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2020
© www.rizegrike.com