Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
A. Costa: 8 to accatevì tos nerò
To accatevì tos neròVoce Antonio Costa

1 U Theù t’ùrte stennù o Noè

1Dio si ricordò di Noè,
ce ola ta agricà ce spitarà ttinà di tutte le fiere e di tutti gli animali domestici
pu ìsane me cio stin arca. che erano con lui nell'arca.
o Theò ècame n'ascosì nan ànemo apanu stin ghi Dio fece passare un vento sulla terra
ce ta nerà catevìcane. e le acque si abbassarono.

2Ta nerà tu malu àbissu ce e cateràtte tis anghera klìstisa

2Le fonti dell'abisso e le cateratte del cielo furono chiuse
ce cratèsti to vrechi a' tin anghera; e fu trattenuta la pioggia dal cielo;

3 ta nerà sianòsisa ssadìa ssadìa a' tin ghi

3 le acque andarono via via ritirandosi dalla terra
ce catevìcane dopu acatòpettìnta imere. e calarono dopo centocinquanta giorni.

4 O mina ettà, stes decaettà tu mina,

4 Nel settimo mese, il diciassette del mese,
i arca accumbise apanu sta gonìa tu Ararat. l'arca si posò sui monti dell'Ararat.

5 Ta nerà catevìcane ssadia ssadia ja deca minu.

5 Le acque andarono via via diminuendo fino al decimo mese.
Sto mina deca, i protinìn imera tu mina, Nel decimo mese, il primo giorno del mese,
efànisa ta kirimìzzia tos gonìos. apparvero le cime dei monti.

6 Diavemmène saranta mere,

6 Trascorsi quaranta giorni,
o Noè ànisce tin finèstra pu ìche càmonta stin arca Noè aprì la finestra che aveva fatta nell'arca
ce ècame n'àggui 'na craulo e fece uscire un corvo
na torisi an ìchane sianosònta ta nerà. per vedere se le acque si fossero ritirate.

7 Cino guìke cànnonta ambrò ce ampì

7 Esso uscì andando e tornando
ros stannòsisa ta nerà panu stin ghi. finché si prosciugarono le acque sulla terra.

8Depoi o Noè ècame n'àggui 'na peristèri

8 Noè poi fece uscire una colomba,
na dì an ta nerà ìchane sianosònta apucimesa; per vedere se le acque si fossero ritirate dal suolo;

9 ma o peristèri,

9 ma la colomba,
en evrìsconta macata pu ìsoze accumbisi to poda, non trovando dove posare la pianta del piede,
tu jùrise ampì stin arca, tornò a lui nell'arca,
jatì ìche ncora to nerò apànu is oli tin ghi. perché c'era ancora l'acqua su tutta la terra.
Cino àplose tin chera, t'òbbiake Egli stese la mano, la prese
ce t'òcame n'àmbi stin arca me cio. e la fece rientrare presso di sé nell'arca.
Èmine addhe ettà mere
10 Attese altri sette giorni
ce mapàle ècame n'àggui to peristèri a' tin arca e di nuovo fece uscire la colomba dall'arca

11 ce o peristeri tu jùrise satti ste ce vràdiaze;

11 e la colomba tornò a lui sul far della sera;
ce nah cino vàsta sto' pizzo 'na còpiddho fse alea. ecco, essa aveva nel becco un ramoscello di ulivo.
O Noè anòise ca ta nerà ìchane sianosònta a'tin ghi. Noè comprese che le acque si erano ritirate dalla terra.

12 Èmine àddhe ettà mere,

12 Aspettò altri sette giorni,
depoi àfiche na pai to peristèri; poi lasciò andare la colomba;
cino 'e' tu jùrise pleo ampì. essa non tornò più da lui.

13 O chrono esciacòscieena tis zoì tu Noè,

13 L'anno seicentouno della vita di Noè,
o protinò mina, i protinin imèra tu mina, il primo mese, il primo giorno del mese,
ta nerà ìchane stannosònta apo panu tin ghi; le acque si erano prosciugate sulla terra;
o Noè ègguale tin sciòpi tis arca Noè tolse la copertura dell'arca
ce nah to choma pu stei apopànu tin ghi, ìone stannò. ed ecco la superficie del suolo era asciutta.

14 Sto dèttero mina, stes ìcosiettà tu mina;

14 Nel secondo mese, il ventisette del mese,
oli i ghi ìone stannì. tutta la terra fu asciutta.

15 O Theò ìpe tu Noè:

15 Dio ordinò a Noè:

16 "Èggua a' tin arca isù ce i ghineca-ssu,

16 "Esci dall'arca tu e tua moglie,
ta pedia-su ce e ghineke tos pedìos-so me sena. i tuoi figli e le mogli dei tuoi figli con te.

17 Ola ta ttinà se passio spòro pu vrìscutte me sena,

17 Tutti gli animali d'ogni specie che hai con te,
puddhìa, ttinà ce ola t'afìdia pu sìrnutte apà sto choma, uccelli, bestiame e tutti i rettili che strisciano sulla terra,
came n’àgguone me sena falli uscire con te,
na pratìsune tin ghi perché possano diffondersi sulla terra,
ce na chijastùne apanu-ti. siano fecondi e si moltiplichino su di essa".

18 O Noè guìke me ta pedia, tin ghineca

18 Noè uscì con i figli, la moglie
ce tes ghinèke tos pedìo. e le mogli dei figli.

19 Ola ta zontanà ce ola ta ttinà, ola ta puddhìa

19 Tutti i viventi e tutto il bestiame e tutti gli uccelli
ce ola t'afìdia pu sìrnutte apanu sto choma e tutti i rettili che strisciano sulla terra,
cundu to spòro-tto, guìcane a' tin arca. secondo la loro specie, uscirono dall'arca

20 Pocca o Noè èghire n'artàri ja ton Kìrio;

20 Allora Noè edificò un altare al Signore;
èbbiake passo sorta sce casarà ttinà ce sce casarà puddhìa prese ogni sorta di animali mondi e di uccelli mondi
ce tu ta èsciasce ja danisìa apa st’artari. e offrì olocausti sull'altare.

21 O Kìrio ìcuse tin òrria mirodìa ce pènsesce:

21 Il Signore ne odorò la soave fragranza e pensò:
"En catarrèo pleo to choma ja tin attìa tu antròpu, "Non maledirò più il suolo a causa dell'uomo,
jatì ta ampodìmata tis cardia tu antròpu perché l'istinto del cuore umano
pèrnune sto cacò apu motti ene pedaì; è incline al male fin dalla adolescenza;
ce en antinno pleo passo zoì pos ècama. né colpirò più ogni essere vivente come ho fatto.

22 Ospu culusà i ghi,

22 Finché durerà la terra,
sporo ce tèrimma, scichrò ce termò, seme e messe, freddo e caldo,
calocèri ce scimòna, imera ce nitta estate e inverno, giorno e notte
e' chànnutte mai plèo". non cesseranno".
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2022
© www.rizegrike.com