Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
La poesia Grica: oli i zoissu, kristemuddhi, na dziso o kosmo, ...
Oli i zoìssuTutta la vita
oli i zoissu, Tutta la vita,
oli i kardìassu, tutto il cuore,
olo esù èdoke tutto hai donato
na mas gapisi! per il nostro amore!
Ce àrte 'sù mas finni, E ora tu ci lasci
ce àrte 'sù mas pài, e ora te ne vai,
ma 'vò pànta 'sèna, ma io sempre te,
pànta 'sèna 'gapò! sempre te amerò!
Ce àrte 'sù mas pài, E ora te ne vai,
ce àrte 'sù mas finni, e ora tu ci lasci,
ma 'sena ji zoimmu ma te per la vita
evò pànta 'gapò! io sempre amerò!
*****
Kristemuddhi O mio piccolo Gesù
Tise òrio, Kristemuddhi, Quanto sei bello,
pòsso, pòsso evò s'agapòvo! piccolo Gesù quanto, quanto io ti amo!
Esù kècci kundù 'mèna Tu, piccolino come me
evò pànta 'steo ma 'Sena. io sto sempre, sempre con te.
Ce iu mài kanè kakovo E così mai alcun malanno
e' mmu pètti pleon ambrovo! non potrà succedermi più!
Ce îu mài kanè kakovo E così mai alcun malanno
e' mmu pètti pleon ambrovo! non potrà succedermi più!
*****
Na dziso 'o kkòsmo Vivere il mondo
'O kkòsmo tèlo na dziso, Il mondo voglio vivere
Teommu! Signore!
'Okkòsmo ène agàpi: Il mondo è amore:
kunforta Esù conforta Tu
'o pistèzzimu, questa fede,
ti fziximmu la mia anima
ajro; solleva;
tèlo na kámo 'in agàpi voglio fare l'amore
m'i zoi con la vita
pàssio momento, ogni istante
panta, sempre,
ma charà màli! con grande gioia!
*****
Simmeri ce àvri Oggi e domani
Milonta m'o matrikòna 's ti psichì Languidamente loquaci
e kardìema parpitèune i nostri cuori palpitano
's to cittisi klimmèno nel profondo silenzio
fortomèno ze agàpi pregno d'amore
a tti nìftan glicèa della notte serena
mm’es t'òrrio skotinò. ovattata di buio.
Àvri Domani
on ànemo kumpagnúna il vento amico
nnakèi cullerà
kantali canterà
skiddhèi urlerà
ta glicèa pràmata janomèna, i dolci ricordi,
ce itta kalà ka e na jettune. le speranze liete.
*****
Nomèni jà pànta Uniti per sempre
Nà, pedàimmu, kuseme: Ecco, figlio mio, ascoltami:
àfi ti chèrammu. lascia la mia mano.
Eptase e ora na pài E' giunta l'ora che tu vada
manechòssu mmes to jèno. solo tra la gente.
Ce na min votisi main ampì: E non ti voltare mai indietro:
evò s'odizza ecì pu e nna ftàsi. io t'ho indicata la meta.
Praìsamo panta Sempre siamo andati avanti
ce praìsamo nnomèni; e abbiamo camminato insieme;
ce meràzzano o fzomì: e ci siamo divisi il pane:
s'ùddione ce m'ùddie. te lo porgevo e me lo porgevi.
Torìsamo e stràe att'astèria Abbiamo scrutato il corso delle stelle
pràtònta m'i chèra ec'ès sti chèra camminando con la mano nella mano
ji strà makrèa per la strada lunga
ka stràkko m'èkame na pèso. che stanco mi ha fatto fermare.
àrte evò kaìzzo. Ora io mi siedo.
Ma esù àmo, pràiso: Ma tu vai, cammina:
evò se kanonò. kùseme io ti guardo, sii certo,
rissòpu e' torièse plèo... finché non sparirai all'orizzonte...
Ce en e' na klafzi: Non devi piangere:
mì katalisi non rovinare
itto 'lìo ka 'vò su dòka. quel poco che io t'ho dato.
En e' na tramàssi: E non devi tremare:
àrnizze 'sù ìtto pistèzzi ìo, rinnegheresti la viva fede,
o kàjo pràmammu,ka 'vò su doka. la mia parte migliore, che io t'ho affidato.
Na mi mmìni mài. Non ti fermare mai.
Ce a ssòrti kukkia o pòno tanatò E se feroce ti assale il dubbio mortale
na mì katarisi, non imprecare,
ma pènsa ce kùse: ma pensa e ascolta:
èchi pànta èna c'è sempre uno
che tu conosci bene;
ka su 'stèi 'mbròssu, che ti è accanto,
ène pànta cino: è sempre quello:
o dàskalo stràkko il tuo maestro stanco
ka simmeri se cheretà. che oggi ti saluta.
*************
Esù Tu
Orrio Bello
ze agapi d'amore
na pesàmi ma charà màli morire felice
ce e
m'i zoi cinùrria na sempre rinascere a
jennisi pànta mapàle nuova vita
jà 'sèna per te
charitomèni agàpi. meraviglioso amore.
Ti zoimmu La vita mia
esù jennà panta mapàle lieta
poddhin orria ricrei
panta ce panta. eternamente.
Teo me kànni Dio mi renda
Agàpimu! Amore!
***************
I màli charàmmu La mia felicità
'S t'òrrio pornò àspro-rodino Nel sereno roseo mattino
o mèan ijo il sole possente
poddhi kama spittarizzi, splendido
's tin anghèra satìa satìa nnènni ascende lento
ce e quèta tàlassa e il placido mare
ze astèria 'gomònni di fulgide stelle
ka lamparizzune ze àspri lumèra. accende.
Cherète e kardiamu Esulta il cuore mio
ce trèchonta 'pài nella corsa veloce
pànu i stra' z'astèria cha lustrèune sulla rotta di sfolgoranti stelle
ka i bàrchamu fèonta che la mia veloce barca
'kàu 's ti tàlassa nel mare profondo
'sbìnni. spegne.
Astèria mmes to nnerò Stelle sul mare
e màli charàmmu? la mia felicità?
Panu, In alto,
làrga ce 's ti kardia, lontano e nel cuore,
on ijo! il sole!
*****
O travùdi tin Grecia Salentina L'inno della Grecía Salentina
(Ji Stele Ateniki tis Kalimèra) (Alla Stele Ateniese di Calimera)
Zèni 'su en ise ettù 's ti Kalimèra, Straniera tu non sei qui a Calimera,
jati o 'mbropàppomu, ka 'ttu irte perché il mio progenitore che qui venne
pròppi 'sèna, jennisi ecì prima di te, nacque lì
ka pùru esù jennisi. dove pure tu nascesti.
Cino ìrte ma t'adèrfia ce ma ta pedìa, Egli venne coi fratelli e coi figli,
men ghinèke ce m'oli tin ghetonìa. con le donne e con tutto il gruppo etnico.
Esù a torì: òla ettù ìvrike Tu li vedi: tutti qui hai trovato
cìna ka en estèune ecì, quelli che non stanno lì,
ce àrte òla ta norìzzi e ora tutti li conosci
ta grika pedìa. i figli greci.
Lìo 'stàsi ma t'àdda esù pronà Un poco sei stata con quelli, tu dapprima
ce àrte, m'òli ti kardia, ed ora, con tutto il cuore,
ma 'mà pànta 'mèni es kumpagnìa. con noi sempre rimarrai in compagnia.
Irte m'i Patròklea, ka i "kalì-mèra" Sei venuta con Patròklea, che il saluto "kalì-'mèra"
's to lemò vastà, 's ti Kalimèra ìrte ha sulle labbra, a Calimera sei venuta
ka, ma 'sèna, ène òlicharà. che con te è molto felice.
Esèna 'gapùme kajo ka èna rrìa, Te amiamo più di qualsiasi cosa al mondo,
jatì vloimmèni èkame perché sacra hai reso
oli tin Grecia san aglisìa! tutta la Grecia, come un tempio!
*****
Èsira! Ho vinto!
Èsira, ce o prikò Ho vinto, e l'amaro
m'èmine 's to lemo! mi è rimasto in bocca!
Cherùmeno, pronà: Gioioso, prima:
jatì? Ce àrtena, àrtena perché? E ora, ora
ka 'nnèka pànu, che la cima ho conquistato,
ti ène torò che cosa è, vedo,
cinì ka 'nghèra 'fènato: quello che cielo sembrava:
spèkkia monte
sènza lumèra! privo di luce!
Tòa, tòa ka i fotia Quando l'ansia
m'èkazze i kardìa il cuore ardeva,
ce nènnonta e salendo
o crèamo trìpizza, le mie carni laceravo,
satìa èglone, di nascosto piangevo,
krifà krifà, in silenzio,
ka 'mpì sta dàmmia perché tra le lacrime
spittàrizze on ijo, il sole dardeggiava,
ce plèo poddhì polèmone... e con rabbia faticavo
ce ìbbio pánu, e in alto salivo,
pànta plèo pano sempre più in alto
panta ce panta, sempre e ancora sempre,
ris tin anghèra! fino al culmine!
Ce àrtena? E ora?
àrte Ora
j'o priko Per l'amaro
ka 's to lemò vastò, che mi è rimasto in bocca,
s'efcharistò, Kristèmu! ti ringrazio, Signore!
*****
Me tèli ka se tèlo? Mi ami che ti amo?
O paddhikari nnamurào: Il giovane innamorato:
"Me tèli, ka se tèlo?": "Mi ami, che ti amo?"
mott'imasto kècci Quando eravamo piccoli
na pèzzome nzignàsamo. per gioco cominciammo.
Pedacia jettimòsto Ragazzi diventammo
c'iu panta kulusisamo e così sempre continuammo
ris t'àrtena, koràssia. finora, giovani fatti.
Se filo ce me fili, Ti baciavo e mi baciavi,
òrriamu agapimèni, o mia bella amata,
ce àrte na piào tèlo e ora cogliere voglio
'tto vittulo rotino, questo rosso bocciolo,
kalèddhamu charitomèni! mia bella piena di grazia!
O spiti ste ma 'mèni La casa ci sta aspettando
m'us fiurù es tin avli coi fiori nel cortile
m'a làchana 's to cìpo la verdura nell'orto
ce e merodie miristè. e le profumate piante aromatiche.
Mesàvri, ciuriacì, Dopodomani, domenica,
milùme m'o patèra: parleremo col prete:
e'sòzzo mìni pplèo! non posso più aspettare!
De'pòsso cerò e'diammèno: Vedi quanto tempo è passato:
'sù, rodàki, àrte e'ttèli tu, rosellina, non brami finalmente
o kortarò spasì-mu? l'affilato mio spadino?
Tùsi' ddomà ka 'mbènni La settimana prossima
feonta enn'armastò; di corsa mi devo sposare;
tùo manechò tèlo 'vò: soltanto questo voglio io:
o tèli pùru esù? lo vuoi pure tu?
Fike en dòta ampì: Tralascia la dote ormai:
"Umme!" e na mu pìvi, "Sì!" mi devi rispondere;
de',prèsta, decidèu, su, presto, su deciditi,
ka 'ndè 'ttelisi esù.... che, se titubante sei....
evò,..evò.. se fèo! io,...io ti rapisco, sai!".
O koràsi nnamurào: La ragazza innamorata:
"Vuh,vuh,vuh, ohimmèna! "Oh, oh, oh, ahimè!
Fèome, ùmme, prèsta: Presto, sì, fuggiamo:
tùo tèlo pùru 'vò!". Pure questo voglio anch'io!".
*****
J'ùs Ulissidi Kalimeriti Agli Ulissidi Calimeresi
Tarasse o Vriziomma,tàrasse; E' partito il nostro Brizio,
tàrasse,mapàle tàrasse, è partito si è allontanato di nuovo,
ce làrga'pìrte poddhì: sta viaggiando, e molto lontano è andato:
pòsse forè e' pamèno! quante volte è partito!
Pirte,ce kùndu panta, E' andato via, e come sempre,
m'itto kòkkalo ze asìmi con l'intelligenza acuta
ka otikanè tèli na màsi, che tutto vuole apprendere
ce otikanè tèli na vrìki, e tutto vuole ricercare,
fèonta kampòssa 'nnònni veloci molti raccoglie
a ti tàlassa luludia dal mare i fiori
ce mèli a ta poràddia e il miele dagli alberi
ce krusàfi a tin ghì e l'oro dalla terra
ce agàpi a tes kiatère e l'amore dalle ragazze
ce a to 'zzìsi rodakina e dalla vita roselline
cherèonta m'ì psichì. rallegrandosi nell'intimo.
Ma itton ijo ce itt'astèria Ma questo sole e queste stelle
ka ecèssu 's ti kardìattu vastà racchiusi nei recessi del cuore
m'in glòssattu 'mbropalèa insieme alla lingua materna
tis Kalimèrattu 'es ti psichì della sua Calimera nell'anima
mapàle ce panta o kànnune di nuovo e sempre lo fanno
na jurisi petònta ettù. tornare volando qui.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2022
© www.rizegrike.com