Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Nina: To plasi
Akau sto furno, motti plàsaneSotto il (nel) forno, quando foggiavano il pane
ka kànna te pucce ce e recce, tikanè, che facevano le "pucce", le “frise” e tutto il resto,
an èmbenne ena cikau se entrava uno li sotto (dentro)
s'òle panta: "Santu Martinu" ti diceva sempre: "Santu Martinu".
ce esù depoi u s'èle [...]: e tu poi gli rispondevi:
"venga" "venga".
"ku venga ku lu sakku kinu", elèa toa. "Che venga con il sacco pieno", dicevano allora.
Va bene! Apà st'aloni Va bene, ma sull'aia (durante la trebbiatura)
Si Si
elèa "ku lu sakku kinu" dicevano "col sacco pieno!
E va bene! E va bene!
ma akà sto furno: "venga". Ma dentro il forno: "venga".
Motti? Quando?
Motti èkanne te ruvane, èkanne te rèccie, Quando facevi il pane, facevi le “frise”,
enfùrnize ce esù ste ce travajèaso infornavi e tu lavoravi
na kai to fsomì m'o furnari. per fare il pane col fornaio.
Motti èplase .. Quando foggiavi il pane ...
Eh! Toa ene o plasi cikàu. Eh, in quella circostanza è il plasmare
O zimosi Lo stemperare
O plasi ene ... Il plasmare è ...
ene essu (si fa) a casa
Cittu, ena enna pai, mia forà! Zitta, per una volta, uno deva andare (parlare)!
Motti plasi ene, "plasi" è quando,
dopo èbbienne ti pasta [...] puttù dopo aver preso la pasta da qui (da casa)
ce in èperne m'o furnari sto furno, e la si portava insieme al fornaio al forno
allora ekkadèvenne tikanè pupau sto trainài quindi si scaricava tutto da sopra il carretto

"Tranài".
Il carretto dei fornai, di norma trainato a mano, era simile a questo. Qui è equipaggiato per il trasporto del mosto.

ka èsirne o furnari, che tirava il fornaio,
esù puru èmponnes apompì tu pure spingevi da dietro,
ka ìan vareo ce ikhe na stasis ecì, che era pesante e dovevi arrivare là (al forno),
ekkadèvennes e kofine, u kòfinu, u limbu si scaricavano le ceste, i cesti, le tinozze
ce ensigna; allora e si cominciava; allora
ikhe mia banka, mbèjase alevri cipàu c'era una panca, vi spargeva della farina sopra
ce èkanne prima e recce, depoi e ruvane, e faceva prima le “frise” e poi il pane soffice d'orzo,
allora ia cio momento ka lei "ste ce plasi": allora era quello il momento in cui dici "sta dando forma al pane":
motti afse apu cessu u kòmitu quando da dentro i contenitori
u t'òvaddhes apà sti banka alìo ce alìo, gliela mettevi (la farina impastata) sulla panca poco a poco
- sakundu motti kanni tu makkarrunu - - come quando fai i maccheroni -
piànnis a morzo pasta. prendi un pezzettino di pasta.
Esù frikulèi ti pasta tu strofini la pasta (per ottenere il maccherone),
ce i furnara èkanne e recce mentre la fornaia faceva le “frise”.
depoi es èvaddhe apà sti tavla poi le metteva sopra il tavolato

"Sanide", ovvero le tavole su cui si poggiava il pane appena foggiato, in attesa di essere infornato.

ce es èfinne na e le lasciava che
na kàune, na kriscèfsune, na ... facessero, che gonfiassero
na vanzinune che lievitassero
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com