Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
vari (cunti): E tris tàlasse
Io mia forà, c'ikhe mia mana ma tria pedìaC'era una volta una madre con tre figli.
Fse tua, dio isan àscimi ce dìskuli, Di questi due erano cattivi e discoli,
pu e' tti kànnan makà mi mana, c'enan io kalò. e non se la intendevano affatto con la mamma, ed uno era bravo.
O mea ipe: enna pao puttù, ce pirte. Il primogenito disse: devo andare via di qui, e partì.
Prai, prai, èftase enan daso, on èbbie e nifta Cammina, cammina, raggiunse un bosco, si fece notte,
c'ensìgnase na kami strèmmata, e cominciarono lampi,
vrontè, kalazi ce nerò. tuoni, grandine e pioggia.
Cino nsìgnase na kami kàtare. Questi cominciò a maledire.
Eftase sse mia ceddhùzza, ide lustro ce tùzzefse. Giunse ad una capanna, vide luce e bussò.
Ec'essu ikhe enan vekkiaruddhi, pu t'upe: Lì dentro c'era un vecchietto, che gli disse:
mino pu arte su nifto. t'ònifse (tu ànifse) aspetta che adesso ti apro. Gli aprì,
ce tuo embìke olos agrò kànnonta kàtare, e questi, tutto bagnato, entrò bestemmiando.
Mùttiso, pedài-mu, ipe o vèkkio, mi kami kàtare. Taci, figlio mio, disse il vecchio, non imprecare.
Pais agrò, teli n'addhàssi? Vai bagnato, vuoi cambiarti d'abito?
Ti e' me torì? E non mi vedi?
Iso maro vekkiaruddhi on estàvnose ce ipe: Quel povero vecchietto, lo asciugò e disse:
teli na fai? Se pinài? Vuoi mangiare? Hai fame?
Umme, ti me pinài. Si che ho fame.
On èkame na fai, na pìi ce na kordòsi. Lo fece mangiare e bere a sazietà.
Dopo efe c'èbbie: teli na plosi? Ipe. Dopo aver mangiato e bevuto: vuoi dormire? Chiese.
U t'òkame (tu èkame) enan òrrio kratti Gli acconciò un bel letto
ce on èkame na plosi. e lo fece dormire.
Fsemèrose, cino eskosi, ce o vekkio, t'upe: Albeggiò e questi si levo (dal letto), e il vecchio gli disse:
ti te' na mini o te' na pai? vuoi restare o andare via?
Enna mino ma sena. Devo restare con te.
Meh! Ellàe, ipe. U doke enan gramma Bene! Vieni gli disse. Gli diede una lettera
ce mia muleddha, ce àmone ecì pu se ferni ed una mula, e vai dove ti porta,
(perni): mi faristì. non temere.
Dèje. No, (non temo).
Nneke apanu sti muleddha ce tàrasse. montò sulla mula e parti.
Ncìgnase na pratisi c'èstase mia ttàlassa Cominciò a camminare e arrivo ad un mare
aspro sa khiòni. bianco come neve.
E muleddha pirte na pegliastì ec'essu. La piccola mula fece per tuffarsi dentro.
Umme, arte embenno, na! Ipe cino, t'ime minna? Si, si, mo entro na! Disse questi, che sono pazzo?
Prai, prai na pame pu cì pu ìrtamo: ce jùrise. Su, cammina, torniamo da dove siamo venuti: e tornarono.
Pirte ston vekkio. Ti èkame? jùrise, ipe tuo? Andò dal vecchio. Che hai fatto? sei tornato? disse questi.
ka s'ìmo minghia n'ambo sti ttalassa? Che ero (forse tanto) stupido da entrare in mare?
Nah! Nah! Ipe, to gramma-su Ecco, tieni la tua lettera! Disse.
Ah! Ipe cino, allàe, allàe, pedài-mu Ah! disse (il vecchio), vieni vieni, figlio mio,
ce àmon èssu-su ti e' kanni ghià mea. e vai a casa tua, ché non fai per me.
Emba ec'essu, na, ti eki turnìscia, ce kkudèftu. Entra lì dentro, ecco, che ci sono i denari e pagati.
Cino tappu ide ena kulumi turnìscia, Costui allorché vide un mucchio di soldi,
fortòsti ka en ìsoze pai nde ampì nde ambrò si caricò (tanto) che non poteva andare né avanti ne indietro.
Gòmose es punghe o petto ce pirte. Si riempi le tasche ed il petto e partì.
En èsire èssu-su makà, Non andò affatto verso casa,
èsire st'addho mero ce èvale fùndiko. andò da un'altra parte, dove apri un esercizio.
Addhos aderfò èbbie i stessa strà. L'altro fratello prese la stessa strada.
Nzìgnase o tristo cerò, ce tuo ibbie na kami kàtare Cominciò il cattivo tempo e costui comincio a imprecare.
Pleo ele kàtare ce pleo o nerò t'òzzafse sto muso. Più bestemmiava, più la pioggia gli batteva sul viso.
Eftase ecì citto spiti ce tùzzefse. Arrivo in quella casa e bussò.
O maro vèkkio: mino pedài-mu, ti arte èrkome. Il povero vecchio: aspetta figliuolo mio, che adesso vengo.
Dela, dela, ti me khonni o nerò: Vieni, vieni, ché l'acqua mi sta sommergendo:
u vòtise sia t'ìone o servitùri-ttu. gli si rivolse come se fosse il suo servitore.
Ti pais agrò! teli na fai? Come vai bagnato! Vuoi mangiare?
Pao agrò ce me pinài puro. Vado bagnato ed ho anche fame.
O vèkkio u doke na fai na pì ce on estavnose, IL vecchio gli diede da mangiare, da bere e lo asciugò,
depoi, ipe: teli na plosi pedài-mu? poi disse: vuoi dormire, figlio mio?
Des ton eh! ka pokka? E' tto fseri ka telo na ploso. Guardalo eh! e allora! non lo sai che voglio dormire.
u t'òftiase enan òrrio krattài ce on èkame na plosi Gli acconciò un bel lettino e lo fece dormire.
Fsemèrose o pornò ce t'ùpe: Fattasi l'alba (il vecchio) gli disse:
Teli na pai o meni llio ma mena? Vuoi andartene o restare un po' con me?
Telo na mino. Voglio restare.
Meh, piào tutto gramma ce tuti muleddha, Bene! prendi questa lettera e questa muletta,
ce àmon ecì pu se perni, min foristì, e vai la ove essa ti porta, non temere,
ti en ekhi àdeko. che non avrai nessun danno.
Tuo èbbie i muleddha ce nsignase na pratisi Costui salì sulla mula e si mise in cammino.
Eftase sti tàlassa ce i muleddha pelisti n'ambi. Arrivò al mare e la mula fece per entrarvi.
Cini en io muleddha, àremo ti ione? Questa non era una muletta, chissà cos'era?
Cino ìpe: umme, umme! Ettù mbenno, stasu mali! Questi disse: si,si! qui entro io, stai grande!
Ebbie i strà ce jùrise ston vekkio. Rifece la strada e ritornò al vecchio.
Ti èkame esù, jùrise? Cosa hai fatto, sei ritornato?
ka s'imo pàccio n'ambo sti ttàlassa! Che ero pazzo da entrare in mare!
Ah! ipe, evò s'upa n'ambi ti en'ei kakò. Ah! disse, io ti ho detto di entrare che no avresti avuto danno.
Meh!, allae, allae essu, ipe. Me! vieni vieni dentro, disse.
Pirte sto kulumi tos turnìscio, Andò al mucchio dei quattrini,
o fòrtose, c'epirte. lo caricò e questi se ne andò.
Tuo jùrise sti khòra-ttu c'evale mia puteka. Costui tornò al suo paese e apri un negozio.
Fìnnome puttù ce piànnome atto kecci Ci fermiamo qui e riprendiamo dal piccolo
pu stei min mana. che è rimasto con la mamma.
En ìfsere tìpo atta diu adèrfia. Non sapeva niente dei due fratelli.
Evò, mana, ipe, pao: ti mènome ettù na fsofìsome? Io disse, mamma, vado: restiamo qua per morire (di fame)?
Telo na pao vriko tipo ce na su doko sena. Voglio andare a trovare qualcosa per portarlo a te.
Pedài-mu, ipe mana, ma tria pedia meno manekì-mu, Figlio mio, disse la mamma, con tre figli rimango sola.
arte pai ce me finni c'evò meno senza tinò. Adesso parti e mi lasci ed io rimango senza nessuno.
Mi mmini prikì fsemu, ti evò jurìzo panta. Non ti dolere di me, perché io ritorno sempre.
Ebbie tuo c'èbbie i stessa trà, c'eftase sto stesso daso. Parti e prese la stessa strada e arrivo allo stesso bosco.
Strèmmata, vrontè, nerò pleo khiru. Fulmini, tuoni, pioggia, peggio di prima.
Ma tuo tus èbbianne ja gapi tu Teù. Ma questi li prendeva per l'amore di dio.
Ide lustro, pirte cirtea, ide ena spitai, Vide luce, si diresse colà, e vide una casetta,
pirte sti porta ce tùzzefse. si avvicinò alla porta e bussò.
O vèkkio n'èbbianne alla_dura, ma il vecchio se la prendeva con calma,
na dume an ei flemma, ele. per vedere, diceva se avesse flemma.
Tappu pirte, t'ònifse. Dopo andò e gli aprì.
Uh! pedài-mu, ipe, pais poddhìn agrò? Oh!, figliuolo mio, disse, vai molto bagnato?
Pao alio. Un poco.
Teli na stavnosi? Ti vuoi asciugare?
kame kundu teli. Fai come vuoi.
U doke na fai, na pìi ce na plosi. Gli diede da mangiare, da bere e da dormire.
Eskòsi o pornò ce ipe: Si levò il mattino e ( il vecchio) gli chiese:
Pos teli, na pai o na mini? Cosa vuoi, andare o restare?
Evo, ipe, ìsela na mino, ma ìsela na mu doi Io, disse, vorrei restare, ma vorrei che mi desse
tipo na pao n'o paro i mana-mu, qualcosa da portare a mia madre,
ti stei fsofà, depoi jùrizo. che sta morendo ( per la fame), dopo ritorno.
Tunù tu piàcefse o deskurso: torì ti tuon e' kalò? A questi piacque il discorso: vuoi vedere ( disse tra se) che questo è buono?
U doke kanè prama ce on èfike. Gli diede qualcosa e lo lasciò (andare).
Itto pedì, dappu is pire na fai i màna-tu, jùrise. Questo ragazzo, dopo che ebbe portato da mangiare alla madre, ritornò.
Pedài-mu, ipe tuo, i stammèni diu addhi ettù, Ragazzo mio, disse questi, sono stati due altri qui,
ma tispo tèlise na kami cio pu tos ipa. ma nessuno volle fare ciò che dissi loro.
Sù pià' tutto gramma, neà panu es tutti foratèddha Prendi questa lettera, sali su questa giumenta,
ce àmone ecì pu se perni tui, mi foristì. e vai dove essa ti conduce, non aver paura.
Deje, ipe tuo. No (ho paure), rispose questi.
Ebbie o gramma, nneke panu sti forateddha Prese la lettera e sali sopra la giumenta
ce tàrasse. e partì.
Prai, prai, eftase sse mia ttàlassa aspri sa khioni. Cammina e cammina, arrivò ad un mare bianco come neve.
E forateddha pelisti n'ambi ce sia pu vresì La piccola cavalla si buttò per entrare, e fu come trovarsi
mes ena kampo khioni ce khalazi: in un campo di neve e di grandine:
jetti mia strà ce diavike. si fece una strada e vi passò.
Guike pu cì tui, ce pratonta, pratonta, Usci da quel (mare) e camminando, camminando,
èftase addhi ttàlassa turkìna, òrria, raggiunse un altro mare turchino, bello e
kupa kupa, sia ti stei i torò. cupo, come se lo stessi vedendo
E forateddha pelisti n'ambi, jetti mia strà La cavalla fece per entrarvi, si apri una strada
ce embike. e vi entrò.
Egguìke pu cì, pràtise lion addho, Usci di là, camminò un altro poco,
c'èftase mia ttàlassa rodinì, rodinì san ghièma. ed raggiunse un mare rosso, rosso come (fosse) sangue.
E forateddha mapale mbìke, jetti mia strà, La giumenta entrò nuovamente, si fece una strada,
c'egguike attin addhi merèa. ed usci dall'altra parte.
Pratonta, pratonta, èftase ena kampo, Camminando, camminando, arrivo ad un campo,
san àstriko, ma mia murra pròata, liparà, liparà. come lastricato, con un grande gregge di pecore, grasse, grasse.
De, de, ipe, senza khorto ce tua steu liparà! Guarda, guarda, disse, senza erba, e queste stanno grasse!
Eftase enan addho kampo mo khorto afsilò, Raggiunse un altro campo con l'erba alta,
ma poddha vùja fiàkka, nnankàta. con molte vacche magre e allampanate.
De, ipe tuo, a pròata mes ton àstriko, Guarda (un po'), disse questi, le pecore nel lastricato
ìsan gomata, ce tua mes tossi khari Teù erano piene, e queste in mezzo a tanta grazia di Dio
stè fsofune! stanno morendo (di fame)!
Guike pu cì, pràise kamposso cerò Uscì di là, cammino per parecchio tempo
c'èftase ena palài, ma mia signura sti barkunà, ed arrivò ad un palazzo, con una signora al balcone,
pu stè ce on èmene: t'ùfsere t'ìkhe na ftasi. che lo stava aspettando: lo sapeva che doveva arrivare.
Eftase, nneke, ce i signura ipe: vuh! padài-mu! Arrivò, salì e la signora esclamò: oh! figliuolo mio!
Ebbie to gramma, on èkame na fai, na pìi Prese la lettera, lo fece mangiare e bere,
ce u doke enan addho gramma, e gli diede un'altra lettera,
ce on èkame na jurisi atti stessa podimà. e lo fece ritornare dalla stessa strada.
Eftase tuo ston vèkkio ce ipe: na! Giunse al vecchio e disse: ecco!
Bravo, ipe o vèkkio! Bravo, disse il vecchio!
U kùntefse ola ta pràmata. Gli racconto tutto ciò (che gli era accaduto).
Eftasa i pronì ttàlassa: ion aspri sa khioni; Giunsi al primo mare: era bianco come neve;
guika apù cì c'embika es mian addhi, oli turkino. uscita da lì entrai in un'altro tutto turchino.
To fsero, ipe o vèkkio. Lo so, disse il vecchio.
Eftasa in addhi, kulùsise o kecci, rodinì sa koraddho, Arrivai in un altro, continuò il piccolo, rosso come corallo,
dopo tuo ena korafi senza khorto do po questo un campo senza erba
ce ma pròata liparà, liparà. e con le pecore grasse, grasse.
O fsero, ipe o vèkkio. Lo so, disse il vecchio.
Dopo a pròata ìvrika ena kampo ma vùja, Dopo le pecore trovai un campo con le vacche,
m'o khorto pu mbroglièato sta pòja-to, con (tanta) erba che s' impigliava tra i loro piedi,
ce cina pia' pèttonta. ed esse andavano cadendo (per la fame).
Guika pu 's tua, èftasa ena palai òrrio finito tutto ciò, raggiunsi un bel palazzo,
ìvrika mia signura, i doka to gramma, trovai una signora, le diedi la lettera,
ce cini m'èkame na fao, na pio ce m'embiefse. ed ella fece mangiare e bere e mi mando ( indietro).
kalà, ipe o vèkkio. Bene, disse il vecchio.
E' na su pò ti èrkutte sto pì. Ti devo spiegare tutto ciò cosa significa.
E pronì ttàlassa, pu ìon aspri sa kioni, Il primo mare, che era bianco come neve,
e' to gala tis Maddonna, pu u doke tu kristù. è il latte della Madonna, che diede a Cristo.
E turkina ene o manto tis Maddonna Il (mare) turchino è il manto dalla Madonna,
pu enna mas vali olus ecì kau. sotto cui ci deve accogliere tutti.
E rotinì ene o ghièma tu kristù pù èrifse ja ma. Il (mare) rosso, rappresenta il sangue di Cristo che fu versato per noi.
Itta pròata liparà, pu stèan eci ston àstriko, Quelle pecore grasse che stavano lì sul lastricato,
ion oli e Angeli. erano tutti gli Angeli.
Itta vùja pu stèane sto kalò, ce stèa fiakka Quelle mucche che erano nel bene e stavano male,
ìon ola ta demogna. erano tutti i demoni.
Isi Signùra, ìone e Maddonna pu este ecì. Quella signora che stava là era la Madonna.
Esù, ipe, arte àmon èssu-su sti màna-su, Ora tu vai a casa tua da tua madre,
ce kùlusa kundu pu ise, kalò. e continua ad essere buono come sei.
Emba cì simà ce pia' turnìscia possa tteli. Entra li vicino e prendi quanto denaro vuoi.
Cino pìrte ce èbbie alìa. Questi andò ma ne prese poco.
Dèje, ipe o vèkkio, ngòma es pùnghe-su No, disse il vecchio, riempi le tue tasche
na fate esù ce i manèddha-su. affinché possiate vivere (mangiare) tu e tua madre.
Tàrasse, o pedai, ce pirte stin màna-ttu. Il giovanotto partì e ritornò da sua madre.
Mana, ipe, èmasa ti ekhi adèrfia-mu ettù: Mamma, ho appreso che ci sono i miei fratelli qui:
en ènghize na kàmome mia mali tavla non sarebbe il caso che imbandissimo un gran banchetto
ce n'us fonàsome? ed invitarli?
Umme, ipe i mana, elèi kalà. Si, disse la madre, dici bene.
E mana èmine essu na marefsi, La mamma restò in casa a cucinare,
ce cino pirte na fonasi t'adèrfia. e questi andò ad invitare i fratelli.
Tui motti on ìdane, pistèfsonta ti pai n'o ghiurèfsi tipo, Questi, allorché lo videro, pensando che andasse a chiedere qualcosa,
u nkarnèfsa o scìddho. gli avventarono contro il cane.
Uh dèrfia-ma, ipe cio, ti kànnete? Oh, fratelli miei, disse, cosa fate?
Evò èrkome na sas paro sti tavla, ti èkama sordu, Io son venuto ad invitarvi al banchetto, ché ho fatto fortuna,
ce e mana sas teli na fame nomeni. e la mamma desidera che mangiamo insieme.
Tui pìrtane na fane. Costoro andarono per mangiare.
Stu ìmisi tavla, kalefsan diu krokki A metà banchetto scesero due uncini
(a pràmata t'àscima, skanza_e_libera!) (cose brutte, scansa e libera!)
ce us sira apanu. e li tirarono su.
O pedì to kecci, tòronta tossi lumera, Il figlio piccolo, vedendo tanto fuoco,
èpese ci mesa ce pèsane. cadde per terra e morì.
Irte enan àngelo ce to ppire sto paradiso, Venne un Angelo e lo porto in paradiso,
ce e mana èmine manekhì-ti. e la mamma resto da sola.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2020
© www.rizegrike.com