Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
vari (cunti): O Rekko ce o Ciùccio
Io mia forà, c'ikhe na kristianò ce ìkeC'era una volta un uomo che aveva
ena ciùccio ce ena rèkko un asino ed un maiale.
Ion àscimo khròno, ce uso kristianò en ikhe Correva una triste annata, e quell'uomo non aveva
tosso na dòi na fane. tanto da dare da mangiare a questi.
Toa mian emèra ìpe o rèkko tu ciùcciu: Allora un giorno disse il maiale all'asino:
En'ènghizze na fìkome o padrùna No sarebbe bene lasciare il padrone,
ti tùo e mas dìi mànku na fàme? ché questi non ci ad neanche da mangiare?
Umme, ìpe o ciùccio u rekku, ce pos kànnome? Va bene, disse l'asino al maiale, ma come facciamo?
Mi pènsa cì, t'ùpe (tu ìpe) o rèkko. Artevrai Non pensare a questo, gli disse il maiale. Questa sera,
arti pu plònni o padrùna, emì pàme. nel momento in cui il padrone dorme, noi andiamo.
Esù, mo rusùni-su ìse plèon afsilò, Tu, con le tue narici, essendo più alto,
eguàddhi to màndalo, evò pu kàu sìrno togli il chiavistello, io dal basso apro
o portùna, ce tòa pàme. il portane e allora andiamo.
Ius kàmane, in nìtta, dopo ìkhe plòsonta o padrùna. Così fecero, la notte, dopo che il padrone si era addormentato.
Guìkane ce nsignàsa na pratìsune, Uscirono e cominciarono a camminare, e andarono
ce pìrtane sto dàso afsilò, e' ttus ìvrike tìspo. e si rifugiarono nel bosco alto, non li scovò nessuno.
Ecì vrìkane na fane: o ciùccio ìvrike ta khorta, Li trovarono da magiare: l'asino trovò l'erba,
o rèkko efsèkhonne ce ìvrike patanèddhe agrikè, Il maiale scavava ,e trovava bulbi selvatici
elipariàsane oli ce diu. ingrassarono entrambi.
Arte pu èftase ablìri, u ciùcciu ncìgnase Quando giunse aprile, all'asino cominciò
no termàni o stavrì: mian emèra ìpe u rèkku: a scaldargli il dorso e un giorno disse al maiale:
evò enn' ankarìso alìo. io devo ragliare un po'.
O rèkko u t'ùpe (tu ìpe): min enkarìsi; Il maiale gli rispose: non ragliare;
a enkarìsi, ekùi o lìko c'èrkete ce mas tròi se ragli, ci ode il lupo, viene e ci mangia.
O ciùccio en enkàrise ittin emèra. L'asino per quel giorno non ragliò.
Stin àddhin emèra, èkanne plo poddhì ìjo, Il giorno successivo, faceva più caldo ancora,
ce pleo poddhì tu tèrmane o stavrì ce u t'ùpe e di più ancora gli si scaldava il dorso e disse (al maiale):
evò enn'ankarìso pe forza, oi ti èrkete Io devo ragliare per forza, o che viene
o ti en èrkete o lìko, evo e' n'ankarìso llìo o che non viene il lupo io devo ragliare un poco.
C'ensìgnase n'ankarìsi. E cominciò a ragliare.
Erkete o lìko ce os ìpe: Eh! ti stète kalà! Viene il lupo e gli dice (disse): eh! come state bene!
C'evò pào pesammeno a' ti' pìna, Ed io vado morto dalla fame,
àrte e' tto fsèrete ti enna sas fào? non lo sapete adesso che vi devo mangiare?
U t'ùpe (tu ìpe) o rèkko: an'e' na mas fài, Il maiale gli rispose: se ci devi mangiare (se è che ci devi..)
fàe proin emèna, depòi tròi to ciùccio. mangia me per primo, dopo mangia l'asino.
Ma solamente ti enna mu sìri proi tin glòssa, Soltanto che mi devi tirare prima la lingua,
jatì evò eskiamèo poddhì, perché io grugnisco molto,
ce iu ekùi o padrùna, èrkete ce pai na se sfassi. e così sente il padrone, viene e cercherà ti ucciderti.
Tòa o lìko: ìu lèi? Ce ìu kànnome. Ebbene (disse) il lupo: così dici? E così facciamo.
Enifse to llemò o rèkko, n'u piài in glossa o lìko. Il maiale aprì la bocca affinché il lupo potesse mangiargli la lingua.
O lìko èvale o rusùni ec'es to llemò tu rèkku. IL lupo mise il muso nella bocca del maiale.
O rèkko esìrni in glòssa ampì Il maiale tirava (ritrae) la lingua indietro,
ce o lìko èle ti en tin eftàzi. ed il lupo diceva di non (riuscire a) raggiungerla.
Ce o rèkko ìpe: vàle o rusùni plèo akàu, Ed il maiale disse: metti il muso più in giù,
ka ìus ti eftàzi kàjo. così la raggiungi meglio.
O lìko èvale o rusùni plèon ec'èssu, Il lupo mise il muso più giù,
ce o rèkko èklise o llemò. ed il maiale strinse la bocca.
O lìko ensìgnase na sistì aputtù ce apucì; Il lupo cominciò a dimenarsi di qua e di la;
ma o rèkko o kràe siftò. ma il maiale lo teneva stretto.
Pìrte o ciùccio c'ensìgnase non estompèssi ma ta pòja. Andò l'asino e cominciò a tempestarlo di calci.
Ce ìu ton esfàssane. E così lo ammazzarono.
Ide, ìpe o rèkko tu ciùcciu; an dè ghià Vedi disse il maiale all'asino, se no per me
mas ìkhe fàonta òli ce dìo. ci avrebbe mangiato entrambi.
Ce ìu mìnane ce stàsisa pànta kerùmeni. E così rimasero e furono sempre contenti.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com