Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Prassaì 3 Abblirìu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
D.Tondi : O Mèscio Chicco
O mesciu Kicco c'i fsikhi-tu voce: Antonio Costa
Mian forà c'enan cerò, motan o khristòs Una volta, quando il signore
ìpie pratonta ton kosmos me tus dòdeka camminava per terra con i dodici,
ton èpiake vradi is mia khora c'en ìvrike lo colse la sera in una città e non trovò
topon na diavì tin nifta. kulusonta tin posto per passare la notte. Proseguendo
strada, guènnonta attin khora, àntise is ta per la strada, uscendo dalla città, s’imbatté , alle
protinà spìtia enan màstora skarpari. prime case, in un maestro calzolaio.
O mesciu Kikko (itos nomatizato) ìstike Maestro Chicco (così si chiamava) stava
mea-mea mesa stin porta anù neu èfceru gonfio e tronfio sulla porta di una casa nuova e vuota
spitiu pu en ikhe ankomi dè porte che non aveva ancora ne porte
dè fenestre dè tòneko. ne finestre ne intonaco.
O khristò ton ekherètise ce ton eròtise Il Signore lo salutò e gli chiese
an tus ìsoze deftì ghià cinin tin nifta sto spiti. se potesse accoglierli in casa per quella notte.
Opos tèlete, ipe o skarpari; i tikhi en in' Come volete, disse il calzolaio; i muri non sono
poddhi stennì, ma kàddhio na diavute molto asciutti, ma meglio che passiate
tin nifta apanu st'àkhiro s'ena spiti grò la notte sopra la paglia in una casa umida
para akau st'astèria. che sotto la stelle.
Tos èfere tèssaru sakku àkhiro, Portò loro quattro sacchi di paglia,
tus khèretise c'epìrte. li salutò e andò via.
O khristò ce i dòdeka askòsisan pornà-pornà Il Signore ed i dodici si levarono di buon mattino
na kulusisun tin strada; per proseguire il cammino;
ma dopu alion cerò, o khristò fonase ton Petro. ma dopo breve tratto, Cristo chiamo Pietro.
Petre, tu lei, pos su fènete ti kàmamon Pietro, gli dice, come ti pare che ci siamo comportati
me ton mèsciu Kikko? con maestro Checco?
Cino, toson kalò, na mas deftì, ce imì Egli tanto buono da ricoverarci e noi
na fìome ce manku na ton kheretìsome, andarcene senza neanche salutarlo.
Ghiùrison, Petre, arteampì, ìvron-ton Ritorna indietro, pietro, trovalo
ce kheretisòn-mu-ton; ce dès an teli khari e salutamelo; e vedi se desidera grazia,
na tu tin kami. e fagliela.
Edrame o Petro ce àntise ton skarparin Corse Pietro ed incontro il calzolaio
isa isa pu èmbenne sto spiti na skupisi t'àkhero. proprio mentre entrava nella casa a scopare la paglia.
kalimera, tu lei, kalò-mmu Kikko; Buon giorno, gli dice, mio buon Checco;
o Màstora ènghise na pai pornà; se kheretà il maestro è dovuto partire per tempo; ti saluta
poddhin poddhi, ce an telis khari ghiura-tin molto molto e se desideri grazia chiedila
ce son (su ene) domeni. e ti sarà data.
Bah, ti khari e' na teliso? Bah, che grazia ho da volere?
apàntise o mèsciu Kikko. rispose maestro Checco
Posi, ti khari? En efseri esù tinon ikhes Come, che grazia? non sai tu chi hai avuto
tu-nifta sto spitin-su? O Mastoras ìtone questa notte in casa tua? era il Maestro,
o khristò, o Messia; ce imì imesta i dòdeka il Cristo, il Messia; e noi siamo i dodici
pu ton kulusune. che lo seguono.
kalà, kalà, ìpe o mèsciu Kikko; a den Bene, bene, disse maestro Checco; se non
t'ùfsera (ton ìfsera), t'òmasa (ton èmasa); lo sapevo l'ho appreso;
ma khari na ghiurefso en ekho. ma grazie da chiedere non ho.
En ekhi kharin na ghiurefsi? fsikhi en ekhi? Non hai grazie da chiedere? anima non ne hai?
Tìpoti su endiàzete? Ce ti antropì ghià mena, Niente ti occorre? E che vergogna per me
na ghiuriso ce na pò tu Màstora ti en anàrisa tornare e dire al Maestro che non sono stato capace
kami khari ghiatì o mesciu Kikko di far grazia perché mastro Checco
m'àrise ma buzareftò. m'ha mandato a quel paese.
An en' ghià tuo, en telo na su kakofani. Se è per questo, non voglio che ti dispiaccia.
Su ghiureo ghià khari na dokis tin dinami Ti chiedo per grazia che tu dia potenza
pu telo is tutta tria lòghia: Andeva, kàison, Zafse. che io voglio a queste tre parole: Sali, Siediti e Picchia.
Ma ti diàvalon khari pais ghiureonta? tu lei o Petro. Che diavolo di grazia vai chiedendo? gli dice Pietro.
Ma ti diàvalon pais vrìskonta Aftentia-su? Ma che diavolo va cercando la signoria tua?
Addhin khari en telo; an teli na mu tin kai, Altra grazia non voglio; se me la vuoi fare,
ka-mu-tin; andè stasu kalò. fammela; altrimenti ti saluto.
Ios teli; ce ios sia. Petro àskose tin khera Così vuoi, così sia. E Pietro alzò la mano
kanònise ston ìlio, evlòise ce fònase: guardo il sole, benedisse e esclamo:
N'akhun (na èkhune) ta tria lòghia kharin Che abbiano le tre parole grazia
ce dinamin me to tèlima tu M. Kikko Skarpari! e potenza con la volontà di M. Checco calzolaio!
Andeva!, fònase o Petro Sali!, gridò Pietro.
Ce min akadevì an den to telo, vòtise o M.Kikko. E non discenda se non lo voglio, soggiunse M. Checco.
kàison! Siediti!
Ce min askosì an den ton telo. E non alzarti se non lo voglio.
Zafse! Dagli!
Ce spase ta rusùnia ospu to thelo. E rompigli il muso finché lo voglio.
khari ce dinami is ta tria lòghia Grazia e potenza alle tre parole
me to tèlima tu mesciu Kikku Skarpari. con la volontà di maestro Checco calzolaio.
Ammen, ìpe o M. Kikko; ce kheretìstisan. Amen, disse M. Checco; e si salutarono.
Diavìkan kampossi khroni; O M. Kikko Trascorsero parecchi anni; M. Checco
ikhe gheràsonta (vekkiànonta) ce vrìsketon s'era fatto vecchio e si trovava
adìnato sto grovatti. Isan mia mera alonariu, a letto ammalato. Era una giornata di luglio,
me kàma ce faùnion pu se tròane, calda e afosa da crepare,
satti ìkuse pu tuzzulìsan is tin porta quando senti bussare all'uscio.
Tis ene?, erotà o M. Kikko. Chi è?, domanda M. Checco.
Ime o kharo; i ora-su èstase; ìrta na se paro. Sono la Morte; l'ora tua è giunta; son venuta a prenderti.
Anìfsò-mmu ti pao strakko; m'utto kama pu Aprimi che vado stanca; con questo caldo che
kanni, en ìvrika mia rantan nerò stin strada fa, non ho trovato una goccia d'acqua per strada
ce mu fsèrose o lemò. e la mia bocca è arsa.
kalà, khare-mu, toso na ndistò, ce kadevenno. Bene, Morte mia, tanto che mi vesta e scendo.
Os toson sozis anevì anu stin portokallea Fin tanto puoi salire sopra la pianta di arancio
na assuppefsi ton lemòn-su. e bagnarti la bocca.
kalà, anevenno, ce siànosu, ipe o kharo. Bene, salgo, e sbrigati! disse la Morte.
Andèva! fònase o M. Kikko; ce krifà krifa èvale: Sali! gridò M. Checco; e pian piano aggiunse:
ce me kharin ce me dinamin. e con grazie e con potenza.
O kharo annèvike èfe, refìskefse, ma La Morte sali mangiò, si ristorò, ma
motti pirte n'akatevì, en ìsoze sistì pleo. quando andò per scendere, non si poteva più muovere.
Diàvale! ti pràmata e' tua? Diavolo! che cose son queste?
En ime pleon o kharos evò? Non sono più la Morte io?
Vota ce afsevòta, t'andevì t'òkane (ton ékane) Gira e rigira, a salire ce la faceva,
t'akatevì dè. a scendere no.
Mèsciu Kikko! Mèsciu Kikko! fonazi. Maestro Checco! Maestro Checco! grida.
Ti teli? Cosa vuoi?
Avìsa-me, Kikko-mu, ti kòddhisa. Aiutami, Checco mio; che sono appiccicata.
Ce teli evò na s'afsekoddhiso? E vuoi che io ti spiccichi?
An to sosis kai, Kikko-mu, su to ghiureo ghià khari. Se lo puoi, Checco mio, te lo chiedo per grazia.
Ce su ti mu dì? E tu cosa mi dai?
Cio pu teli, Kikko-mu kaluddhi. Ciò che vuoi, Checco mio caro.
Telo deka khronu addhu zoì; Voglio dieci anni altri di vita;
grafse-mu khartì ce s'avisò. Firmami una carta e ti aiuterò.
Ce o kharo ègrafse khartì , akatèvike ce pirte. E la Morte firmò la carta, scese e se ne andò.
I deka khronu diavìkane, ce mian addhi emera I dieci anni passarono, ed un'altra giornata
alonariu, termì ce varea san tin protinì di luglio, calda e pesante come la prima,
ghiùrise o kharo na tuzulisi. tornò la morte a bussare.
Tis ene? erotà o M. kikko pu ton emine. Chi è? domanda M. Checco che lo attendeva.
To khartì eskàdefse, c'en me kombonis pleo. La carta è scaduta e non mi inganni più.
Ce tis teli na se kombosi, khare-mu? E chi ti vuole imbrogliare, Morte mia?
Toson na stiazo ta sciàfalà-mu, tanto che aggiusti le mie faccende,
ce attevrai stesso epame. e questa sera stesso ce ne andremo.
Ftiase-ta; ti vò kaizo ce se meno. Aggiustale; che io mi siedo e ti aspetto.
Ce kàise sto limitari. e sedette sulla soglia.
kàison, khare-mu, fònase M. Kikko; Siediti, morte mia, grido maestro Checco;
e ce krifà krifà: ce me kharin ce me dinamin. e pian piano: e con grazie e con potenza.
O kharos kàtise, ma tappu pirte mapale na skosì La morte sedette, ma quando di nuovo andò ad alzarsi
mapale vresi koddhimeno, ce ton ènghise di nuovo si trovo incollato, e lo toccò
na grafsi kharti ghià deka khronu addhu, sottoscrivere carta per altri dieci anni,
ce na ghiurisi sakundu irte. e tornarsene com'era venuta.
Purun tusi deka khroni ghiavìkane Anche questi dieci anni passarono
ce M. Kikko ikhe ghiurìsonta kukko. e M. Checco era divenuto una polenta,
Ikhe piàkonta grovatti ce en sìato pleo. aveva preso letto e non si muoveva più.
Ce mian emera, nah ce ftazi o kharo, Ed un giorno, ecco che giunge la morte,
ma en isan manekhò-tu. ma non era da sola.
M. Kikko, M. Kikko, tu fonazi. Maestro Checco, maestro, Checco gli grida.
Emba, tu lei o M. Kikko; Entra gli dice maestro Checco;
mah... tinon èfere ma sena? mah ... chi hai portato con te?
En m'ennorizi Kikko-mu kaluddhi? Non mi riconosci, Checco mio bello?
O diàvalos ise! Ipe o M Kikko, Il diavolo sei! Disse M.Checco,
pu t'ukhe (tu ikhe) vlèfsonta ta ceratùddhia. che gli aveva scorti i cornetti.
Cios ime; c'en ekhi dè portakalle de limitària! Quello sono; e non ci sono ne aranci ne limitari!
En mas kombonni pleo! Dela, khàre, zàfome! Non ci inganni più! Vieni, Morte, percuotiamo(lo)!
Ma ecì pu ànifse ta anìkhia na tu zafsi, Ma, mentre apri le unghie per dargli addosso
o M. Kikko, m'itto spirin fonì pu t'ukhe mìnonta, M. Checco con quel poco di voce che gli era rimasta
ipe: zafse, ce me khari ce me dinamin. disse: percuoti, e con grazie e con potenza.
Ce nah pu sirti apo katu sto grovatti Ed ecco, di sotto il letto, venne fuori
ena kòpano kalòn khrondò, ce arcìniase un randello bello e grosso e cominciò
na zafsi ce na zafsi cinù diàvalu sta pòdia, a picchiare, a dare a quel diavolo, sui piedi,
sto kutursi, sta rusùnia. Azzumpe o diàvalos sul groppone, sul muso. Saltava il diavolo
ettù c'ecì, ambèlia nsurfo, kannò ce lumera, di qua e di là, lanciava zolfo, fumo e fuoco,
ma to kòpano ton ètrekhe ce ton peleka; ma il randello lo rincorreva e lo picchiava;
ce an den t'isan diàvalo me ta stèata sterea e se non fosse stato che era un diavolo dalle ossa dure
ton ikhe klàsonta kalòn kalò. lo avrebbe fracassato ben bene.
Afi-me, Kikko-mu, ti fèo! Lasciami, Checco mio, che me ne scappo!
khasu ce alevrosu; ce su, kòpane, zafse-tu Perditi e infarinati; e tu, randello mio, dagli
ce kopanisòn-ton ospu na khasì. e manganellalo finché si sperda.
Ce to kòpano ton èdrame Ed il mangano lo inseguì
ce ton pelèkise ospu khasi. e lo picchiò finché si sperse.
Tote, ipe tu kharu o M. Kikko: Allora, disse M. Checco alla morte:
En t'òmena (ton èmena), khare, Non me l'aspettavo, o Morte,
ti m'òkanne (mu èkanne) olon tuo che mi facessi tutto ciò
Ce an ikha telìsonta ce an ìtela, kopàniza puru esena. e se avessi voluto e se volessi, manganellerei pure te.
Piakon arte o soman-mu, Prendi adesso il mio corpo,
ti i fsikhì en' dulia dikì-mu. che l'anima e affar mio.
Ce o kharos èpiake to soman-tu, E la morte prese il suo corpo
ce o M. Kikko ghiùrise fsikhì. e M. Checco divento anima.
Epiake o M. Kikko tin stratan Prese M. Checco la strada
tu paradisu ce tùzzefse. del paradiso e busso.
Tis ene?, fonazi As Petro. Chi è? grida San Pietro.
O M. Kikko skarpari. Maestro Checco calzolaio.
Ti telis afse-mu? Es khare pu mu ghiùrefse Che vuoi da me? Le grazie che mi hai chiesto
s'es èkama (su tes èkama). Su piàcefse na buffunisi? te le feci. Ti piacque fare il buffone?
Amon arte ston infierno ti 'ci se nghìzi. Ora va all'inferno che la ti tocca.
Pao c'en kidei, ipe o M. Kikko; ce vòtise e plae. Vado e non importa, disse M. Checco e volto le spalle.
Satti ìstike na stasi ston infierno, ide Quando stava per arrivare all'inferno, vide
mian mali portan siderènia, me tessarus diàvalu una grande porta di ferro, con quattro diavoli
na tin filàfsune ce me ton diavalòn-tu ghià nikìrio. che la guardavano e con il suo diavolo per caporale.
Tuo, motti skupèrefse c'ennòrise ton M. Kikko Questi, come scoperse e riconobbe M. Checco,
siònose tin guàrdia essumereo, èklise raccolse la guardia nell'interno, chiuse,
ce mandàlise, ce me posin fonì ìkhe, tu fonase: sbarro la porta, e con quanta voce aveva gli gridò:
Fìon aputtù, lazzaruna futtue, ti en mu Via di qua, lazzarone fottuto,
tin kannis pleo! che non mela fai più!
O M. Kikko ghèlase ce vòtise tes plae, M. chicco rise e volto le spalle,
piànnonta mapale tin strata tu paradisu prendendo di nuovo la via del paradiso.
Pratonta pratonta, nah ce antinni mian Camminando camminando ecco che incontra una
fsikhèddhan prikìn prikì: ian i fsikhì tu filu-tu animella afflitta afflitta: era l'anima del suo amico
M. Dunàu, tu kantinièri pu puli nerò ghià krasì Mastro Donato, il cantiniere che vendeva acqua per vino
kumpare Dunàe, ti pai kànnonta Compare Donato cosa vai facendo
prikò, prikò s'tutta meri? così afflitto da queste parti?
Ah, kumpare Kikko! Ti pao kànnonta? Ah, compare Checco, Che vado facendo?
Arte nnorizo to kakò pu èkama! Ma ti me dulei? Comprendo ora il male che ho fatto, ma cosa mi giova?
Aremo pulìsontà-o kalò stus pateru, Chi sa se vendendolo buono ai preti,
ti forsi An Petro en m'ikhe orìsonta toson akau? forse che San Pietro non mi avrebbe mandato tanto giù.
Ce sù ti kanni? Pos pai pu stei ghiurìzonta? E tu cosa fai? Come va che stai tornando?
T'enna su pò kumpare-mu kaluddhi? Cosa ti devo dire compare mio bello?
Emena en me tèlune dè apanu dè akau. A me non mi vogliono ne su ne giù.
Sogeste na kulusisi panta io? Ste ce ghiurizo E' possibile che continui sempre così? Sto tornando
ston An Petro, na dò an soso afsekombosi utto ciklì. da San Pietro per vedere di dipanare questa matassa.
Ma arte pu penseo, ghiatì en èrkese ma mena? Ma, ora che ci penso, perché non vieni con me?
Ce ti èrkome sto kai? E fare che cosa?
Dela, su leo; kati votò sto mialòn-mu. Vieni ti dico; qualcosa rimugino nel cervello.
Ti ta fseri? mas sozi pai kalì. Ce an den ene Chi lo sa? Ci potrebbe andare bene e se no,
ghiurìzome mapale arteampì oli ce dio. torneremo di nuovo indietro entrambi.
Pame, ipe o M. Dunao; Ce ftàsane ston paradiso. Andiamo, disse M. Donato; ed giunsero al paradiso.
krivistu ampi-mu, mi se dì as Petro, Nasconditi dietro di me, ché non ti veda S. Pietro,
ipe o M. kikko tu kumparu. O kantinieri krivisti. disse M. Checco al compare. Il cantiniere si nascose.
Tuppi tuppi. "Tuppi", "tuppi".
Tis ene? Chi è?
O M. Kikko skarpari. M. Checco, il calzolaio!
Mapale ettù? Ti pai vrìskonta? Di nuovo qui? Cosa vai cercando?
Spiti, na kaiso. Ittu en me tèlete, cikau manku; Casa, per sedere. Qui non mi volete e laggiù nemmeno,
pè-mu sù pos enna kao. dimmi tu come devo fare.
Cikau e se tèsane? ghiatì? Laggiù non ti hanno voluto? Perché?
Fsero vò? Pisteo, ghià citto kòpanon ton So io? Credo, per quel mangano
vloimeno pu Anteftia-su t'òdikes tosin khari. benedetto a cui la Signoria tTua diede tanta grazia.
As Petro ghèlase: Ah, Kikko, Kikko, San Pietro rise: Ah Checco, Checco,
vastà malode!... Minon a spirì, ti pao c'èrkome. ne hai scarafaggi (astuzie). Aspetta un po', vado e torno.
Pirte ce ghiùrise me ton khristò. Andò e tornò col Signore.
Ti telis afse-mu, Kikko, Cosa vuoi da me, Checco,
ton èrotise glicea o Cìrio. gli chiese con dolcezza il Signore.
khristè-mu, tu lei o M.Kikko; Signore, gli dice M. Checco,
Poddhà kalà en èkama, molte opere buone non le ho fatte,
poddhà stravà manku; ma neanche molte cattive.
man den ìsosa pai Ma se non son potuto andare
ecì pu i Malikhàri-su me mbifse, là dove la Tua Grande Grazia mi mando,
evò en eftèo; io non ci ho colpa;
eftèi i Mali Khàri-su, ha colpa la tua grande grazia
pu èdoke tosin ce tòsin che dette tanta e tanta potenza
dinami cinù kòpanu vloimènu. a quel mangano benedetto.
Ekhi dìgghio, èmba, tu lei o Cirio. Hai ragione, entra, gli dice il Signore.
Lista, cumpare Dunàe , anferròsu apànu-mu!, Lesto, compare Donato, afferrati a me,
lei krifa krifà o M.kicco. dice zitto zitto M. Checco.
O M. Dunào anferrosi ce ghetti minciò minciò, M. Donato si afferrò e si fece piccino piccino,
ma o Màstora ton ide. ma Il Maestro lo vide.
Ti pràmata in’ tua?, lei. Che cose sono queste?, dice.
Khristè, fsikhoriso-mu, mìlise glicèa glicèa o M.Kikko, Signore, perdonami, parlò dolce dolce M. Checco,
satti i Mali khàri-se ce i Dòdeka diavìkaton apossu-mu quando la Tua Grande Grazia ed i dodici passaste da casa mia
evò en sas nòriza, io non vi conoscevo,
ma en ròtisa ma non chiesi
dè tis ìsesta, dè tis en ìsesta, né chi foste né chi non foste,
sas ànifsà olò, apersi a tutti
ce to minciò to spìti-mu chòrise ghià dekatrì. e la mia piccola casa basto per tredici.
Ma tus dekatrì ìsan tuso Petro, Fra i tredici era questo Pietro,
pu kanni tossin fuddha m’a klidìa, che fa tanto chiasso con le chiavi,
san pu ti en to fsèrome ti se nèghefse tris forè. come se non sapessimo che ti ha rinnegato tre volte.
Bravo o Mèsciu Kicco, ipe o Cìrio, Bravo M. Checco, disse il Signore,
pu ìfsere ce ìtele. che sapeva e che voleva.
Ce askònnonta ti vloimènin, tripimenin khèra-tu: Ed alzando la benedetta trafitta sua mano:
Embàte, ipe, sas efsikhòrisa. Entrate, disse, vi ho perdonato.
Domenicano Tondi
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com