Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
Maria Luce: Asto to Minecuna
Epìane ce kotanìzane o sitàriAndavano a sarchiare il grano
ce kòttan ta khòrta e tagliavano le erbe.
ce èndenne pùru kammìa kiànta sitàri. e capitava anche qualche pianta di grano.
Mòtti pìrtane sto pratùna n'us ekkudèfsi Quando andarono dal padrone per essere pagati,
embìke o protinò ìpe: Entrò il primo e disse:
meh, ekotanìsato kalò.. o khòrto, avete sarchiato bene.. l'erba,
to kòfsato? l'avete tagliata?
Sine. Si.
Ce e kiànte? E le piante? (di grano)
Ma, pòsse endèsane tòsse ekòfsamo Ma, quante sono capitate, tante abbiamo tagliate.
Allòra su fèo dìu sòrdu. Allora ti tolgo due soldi.
Eguìke cìo c'ìpe: Uscì questi e disse:
o pratùna m'òffie dìo sòrdu il padrone mi ha tolto due soldi
attin ghiurnàtan jatì ekòfsa kiànte poddhè. dalla giornata perché ho tagliato molte piante.
Embìke àddho. entrò un altro.
Meh, esù ekotànise kalà? Meh, hai sarchiato bene?
Sìne! Si!
Ce ekòtte pòddhe kiante? E tagliavi molte piante?
En èkofsa kammìa. Non ho tagliato neanche una.
Allòra esù e' kotànise, tìpiti. Allora tu non hai sarchiato, niente.
Cìo guìke mapàle.. Questo usci e di nuovo..
ìpe ka e t'òdike tìpoti jatì disse che non lo aveva pagato perché
ìpe ka en èkofse disse che non aveva tagliato
makà kiànte. per niente piante (di grano).
Allòra, as es èkofse Allora, se le tagliava
U t'òffie u ssòrdu gli toglieva i soldi,
andè e' ttes èkofse e' polèmi se non le tagliavi non avevi lavorato.
Embìke o Minekùna. Entro il Minecone.
O Minekùna prepàrefse an òrio margiàli Il Minecone preparò un bel randello,
ekàu stin kàppa nascosto sotto il cappotto
ce embìke … ed entrò…
Na na o Minekùna.. Ecco, ecco il Minecone..
esù pòi epìrte es kampàgna.. ekotànise? Sei andato in campagna.. hai sarchiato?
Sìne si.
Ekofse poddhè kiànte? Hai tagliato molte piante?
Pòsse endèsane. Quante sono capitate.
Allòra su sti rruvìna me pèrni. Allora tu alla rovina pi porti.
Ebbike in ghiurnàta Si prese la giornata (non intendeva pagarlo).
Beh ìpe cìo, Beh, disse quello,
ka àrte su kànno evò na torìsi adesso ti faccio io vedere
an èkofsa, ìpe an den èkofsa. se ho tagliato, disse o se non ho tagliato.
Mi kkutèi tin ghiurnàta o de! Mi paghi la giornata o no.
Egguale o margiàli pu kàu sti kkàppa, Tolse il randello da sotto la cappa
ce èkame mòssa n'u zàfsi. e fece finta di colpirlo.
Allòra ìpe: dègghe, dèddhe, na, na, Allora disse: no, no, ecco, ecco
ìpe, us sòrdu. disse, i soldi.
Mòtti eguìkane sti mmèsi Quando uscirono (andavano) in piazza
na vàlun tus àddhu antròpu per assumere altri operai
na pàne mapàle na.. kotanìsune.. perché andassero nuovamente a sarchiare..
.. èvale tus antròpu?.. Hai assunto gli operai?..
u fattùri ele o pratùna.. al fattore diceva il padrone..
Sìne èvala.. o Pantalèo, o Paskàli,.. Si, ho assunto Pantaleo, Pasquale,..…
èvala pùru o Minekùna.. ho assunto anche il Minecone..
Asto to Mnninekùna! Lascialo il Minecone!
Asto to Mminekùna ìpe. Lascialo il Minecone, disse.
.. e ton èvala e nghiurnàta. e non lo mise a giornata (non lo assumeva).
Allòra mòtti estàze o Minekùna Quando arrivava il Minecone
non ekkùdefsi, per essere pagato,
on ekkùde ce ìstike cìtto, lo pagava e stava zitto,
en ròta an ekòfse poddhè, non chiedeva se avesse tagliato molte,
ce an èkofse alìe. o se ne avesse tagliate poche.
khrònus ampì, Anni addietro,
dìo, tris khrònus ampì due, tre anni fa,
epìrte sti pòsta, andò alla posta,
ma fòrsi ìa prìma ka dìo khrònus ampì, ma forse era più di due anni fa,
dìamo e librètte na kkutettùmesta. davamo i libretti per pagarci.
Cini ka èbbike e llibbrètte quella che ritirava i libretti
embròjefse kammìa libbrètta fece imbrogli con qualche libretto,
ce ekkùdefse èna, e pagò uno,
dòpu ekkùdefse us àddhu, dopo pago gli altri
ekkudèfse èna ka on ènghize dòpu o Minekuna pagò uno che lo toccava dopo il Minecone
Akkùtefse.. Ipe cìo ma tùo Pagò.. Disse quello (il Domenicone): ma questo
ènghize dòpu emèa. lo toccava dopo di me.
Mapàle fònaze on àddho. Di nuovo chiamò un altro.
Ebbike.. fònase o direttùri o cìno t'ìò.. prese e chiamo il direttore che era..
on A.... Ipe .. A... Disse: vieni che ti devo dire, direttore, vieni.
Tòa e vìtri ìan vàsci, Allora i vetri ( di protezione) erano bassi,
..arte ìpe, us ìpe divèrsa.. adesso disse, gli disse diversamente. Adesso ti rompo la testa a te
ìpe.. ce depòi tunì, ìpe disse, e poi a questa (l'impiegata), disse,
ka cìo, ìpe on ènghìze dòpu emèa, ìpe. che quello, disse, lo toccava dopo di me, disse.
ka evò, ìpe, ìme pànta, ìpe, petì cinù Che io, disse, sono sempre figlio, disse, di quello
àsto to Minekùna”, ìpe. “lascia il Minecòne”, disse
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2023
© www.rizegrike.com