Cardo selvatico


DSCN1572

Acattàcia. Questo il nome grico delle diverse varietà di cardo selvatico per via delle copiose spine che caratterizzano la pianta (acatti  è il nome grico della spina).

Curdune è, invece, il nome dialettale  probabilmente per via delle notevoli dimensioni della pianta adulta.

Tutte le parti della pianta sono edibili,  radici, foglie, midollo del fusto e capolini ,

DSCN1577

tuttavia sono le foglie, debitamente spinate, che vengono usate prevalentemente in cucina.

Curiosità: dal Fusto del cardo selvatico  venivano ricavati i "suluvizzi", bastoncini che fungevano da asse per i "cànnuli" rocchetti da cui veniva dipana  la "stisa" ovvero i fili che costituivano l'ordito per la tessitura col telaio salentino.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *