Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
Pascali: I stanga tis sucèa
Mìan àddhi forà ...Un'altra volta ...
Us èkhi u miràkulu eh! Ci sono i miracoli eh!
… mian àddhi forà Un'altra volta
epìrta es kampàgna andai in campagna
evò mon Uccio, tùo io con Uccio, questi
o grambòmmu, grambò de! mio genero, genero no!
Si, si. Si, si.
Ecì ìkhe, èkhi mìa bbankìna. Lì c'era, c'è una panchina.
Esù en èkhi ertomèma mài Tu non sei venuto mai,
jakài esù pensèi . perché tu pensi ...
stus sordù, stu lavòru. ai soldi, al lavoro.
Iu elèi esù! Così dici tu!
Ise ertomèna mài? Sei venuto mai?
Pòsse forè ... Quante volte!
Si? Si?
... ìme ertomèna sto koràfissu! sono venuto al tuo podere!
Eh! allòra i bbankìna afse lisàri Eh, allora la panchina di pietra
in ìse domèna? L'hai vista?
Ekko! [...] mi mmàjina, Ecco, siamo arrivati con la macchina,
i mmàjina in vàlamo cikàu sti sucèa ecì, la macchina l'abbiamo messa sotto il fico là,
fse mìa sucèa màli de, (sotto) un grande fico,
an in ìkhe stennù , se te lo ricordi,
ce ekaìsamo cipàu sti, e ci siamo seduti lì sopra alla,
apà sti bbankìna òli ce dìo. sulla panchina tutti e due.
E bankìna ìstike akà sti ssucèa. La panchina stava sotto il fico.
Ipa evò u Ucciu: Ho detto ad Uccio:
àrte pu evò en èrkome plèo, adesso che io non verro più,
jakài nzìgna ka a pòja perché cominciava che i piedi
e' mu funziunèa plèo de, non mi funzionavano più, no!,
ettusimà enna mantenèfsi pànta pulìto, qui vicino devi mantenere sempre pulito.
en e' na spiri mài non devi seminare mai,
sandè [...] depòi etèli spannào, altrimenti ..., poi ripulire dalle stoppie
ce... apù cìna eh! e ... da lì, eh!
ekànnis apu cì, cominci da lì,
ìu, an e[stàzi], mòtti estàzi lumèra, così se dovesse arrivare, quando arriva il fuoco,
jakài pànta vàddhun lumèra ecistèa de, perché sempre mettono fuoco da quella parte,
mòtti estàzi lumèra, quando arriva il fuoco,
cisimà efermèi si ferma lì vicino
ce en èrkete ettusimà e non arriva qui vicino
sta spìddia pu ìkhe tèssaru argulùddhia. alle case, dove c'erano quattro alberetti.
Epù, èkanne cìo, epù? Dove, faceva lui, dove?
Eh, epù!? epù cìna eh, torì? Dove? da là eh, vedi?
Tòrnu tòrnu apù cisimà. Là intorno, intorno da là.
aggiu kapitu, ìpa evò. Ho capito, dissi io.
Pràe ka su dìfo pròbbio, Cammina che ti mostro proprio ...,
nu pò pròbbio ecisimà pu ìstika o pòsto de! per dirgli proprio dove stava il posto no!
Tòpo. Luogo.
O tòpo... meh. Il luogo .. me!
Espostettimòsto apu ci pà sti bbankìna Ci spostammo da sopra la (dalla) panchina
ce stàsamo ... e arrivammo ...
e' kkàmamo mànko atièmpo Non facemmo neanche in tempo
na stàsume ecisimà ka ìkhamo na stàsume ad arrivare lì vicino in cui dovevamo arrivare
ce èpese ìmisi sucèa ecipàu sti bbankìna e cadde mezzo albero di fico sopra la panchina.
Plèo miràkulo ka cìo! Più miracolo di quello!
Ekhì domèna miràkulu allòra! Ne hai visti di miracoli allora!
Si! Cìo plèo miràkulo ka cìo, Si! Più miracolo di quello,
èpese! Apà sti... akà... cadde sopra (la macchina) là sotto.
Ecì ìkhe i mmàjina akà sti sucèa, Là c'era l'automobile sotto il fico,
in esgrùgnefse a spìri, la graffiò un pochino,
ma e' ttin èbbike ecìni, ma non la prese quello,
e' ttin èbbike e stànga. non la colpì il ramo.
E stànga ìo tòssona eh! Il ramo era così grande eh!
Tòssona ìo e stànga apù cì eh! Tanto era il ramo di lì eh!
Ce jatì èpese? E perché cadde?
Epese, etèlise na pèsi, Cadde, volle cadere,
ka evò efsèro jakài èpese? che io so perché cadde?
Istike nkraulàta? Era tarlato?
Ndè, en ìone nkraulàta, No, non era tarlato,
eskonètti probbìo! si staccò proprio,
Eskonètti. Si staccò.
eskonètti pucì pu ... si staccò da lì dove,
Dè tòsso ka depòi in èguala. vedi tanto che poi l'ho sradicato.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2023
© www.rizegrike.com