Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Tridi 28 Jennarìu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
Religiosi: E Maddonna u trìstu cerù
Pài ce stèane plònnonta Non vuoi che stavano dormendo
sto mèro ttu pornù verso le ore del mattino
e màli-mu ce o pàppo-mmu mia nonna e mio nonno
es khàre tu Teù, nelle grazie di Dio,
.
mòtti eghèrti an ànemo quando si levò un vento
ma a mmèa ttrìsto ccerò con un gran cattivo tempo,
pu òli tòa fsunnìssane, sicché tutti allora si destarono,
ce pùpeti pornò. e in nessuna parte (si vedeva) il mattino.
.
Evò 'e ssa llèo ta fsèmata Io non vi dico bugie,
ti 'o fsèrete òli esì ché lo sapete tutti voi
cìo ppu tòan akkàdefse, quello che allora accadde
o mènu ce o poddì. più o meno.
.
Ion ghi 'es amartìe-mma Fu per i nostri peccati
pu tèlise o Teò che volle Iddio
no mmènu na kastièfsi non di meno punire
'o ffiàkko ka 'o kkalò. il cattivo e il buono.
.
Anemi eskatinèftisa, I venti si scatenarono,
khalàzi ce nerò grandine ed acqua,
lisària ìo' ppu èvreke sassi erano ciò che pioveva
jà pòsson ià kròndo! per quanto era grossi!
.
E tìkhi òli pèttane, I muri tutti cadevano,
e vàsci ce afsilì, i bassi e gli alti,
tòssi àrguli zzippànnatto tanti alberi venivano sradicati,
c'epìane ettu c'ecì. e andavano di qua e di là.
.
Ncignàsane ta strèmmata, Cominciarono i lampi,
epèttane e vrontè, cadevano i tuoni,
aghèran eskotìgnase il cielo si fece buio
c'ekùatto pplèo ffonè. e si udivano molte grida
.
Tis esbùrre es klàmata, Chi scoppiava in pianti,
tis èkanne na fì, chi tentava di fuggire,
tis ìbbie ce tis èrkato, chi andava e chi veniva,
tis èmene àrte ampì. chi invece restava indietro (impietrito).
.
Oh! nìfta pòddin àscimi! Oh! notte molto brutta!
oh! nifta skotinì! Oh! notte buia!
Pedàcia-mu, manèdda-mu, Figli miei, madre mia,
ti kànnome arte emì? che facciamo ora noi?
.
Trèkhome es ti Mmaddònna-mma Corriamo alla nostra Madonna,
pàme oli ampì ce ambrò, andiamo tutti avanti e indietro,
an den emì ti kànnone altrimenti noi cosa facciamo
a mes tòsso kkakò? In mezzo a tanto male?
.
E vèkki ma tu ggiòvenu, I vecchi con i giovani,
'a kèccia n’an ma mà, i piccoli stiano con noi,
as ertu' tta koràssia-ma vengano le nostre giovani
m' 'a ammàdia rotinà. con gli occhi arrossati.
.
Es tin Assùnta tràmato All'Assunta correste
ce kàmato kkalà, e avete fatto bene
jatì kalà to fsèrato perché ben lo sapevate
pòsso ssas agapà. Quanto vi ama.
.
Es tùtto ttòpon ìrtato In questo luogo veniste
ma pòno es ti fsikì, con il dolore nell'anima,
ettù ìa ppu 'ngotanìsato qui fu dove vi inginocchiaste
fiàkkii oli ce kalì. tutti, cattivi e buoni.
.
'Ttu mèsa ankòra stèato Per terra ancora stavate
m' 'o klàma es to llemò, col pianto nella bocca,
ce mòtti eghertisòsto, e quando vi alzaste
pu pìrte iso cerò? dove era andato quel (brutto) tempo?
.
Assùnta ìkhe pensèfsonta L’Assunta aveva pensato
(ce pòsso pròppi esà) (e quanto prima di voi!)
na kàmi na furnèfsune a far cessare
khalàzia ce nnerà. grandine e pioggia.
.
Epù è' pplèo ta strèmmata? Dove sono più i lampi?
Pu pirtane e vrontè? Dove sono finiti i tuoni?
Epù è' plèo cis' ànemo? Dove è più quel vento?
Pu ène àrie skotinè? Dove sono finite quelle tenebre?
.
Otikanène furnèfse, Tutto terminò,
kumpàrefse o pornò; e ritorno la luce;
ple’ 'ppi èna ppràma pàtefse, più di una cosa patì,
ma den a Mmartanò. Ma non un Martanese.
.
Tùo kùsane, tùon ìdato Questo fu udito, questo vedeste
e fsèni ce oli esì; forestieri e tutti voi;
an de, kuntèato sìmberi: altrimenti si sarebbe detto oggi:
- 'Ttu ìane e Martanì! - - Qui vivevano i Martanesi!-
.
Ce pùru 'o ppào pensèonta E pure io vado pensando,
depòi tòsso kkalò dopo tanto bene
pu Assùnta-ma mas èkame che la nostra Assunta ci fece
pròppi na pùme 'o llò. prima che proferissimo parola,
.
Sàppu t' 'en io' mmai tìpoti, come se non fosse successo mai niente,
ascimi ce fsikhrì, brutti e freddi,
jà safti mànku èkhome per Lei non abbiamo
dè skòrno dè antropì. né scorno né vergogna.
.
Tùi ène e obligaziùna-mma, Questa è la nostra obbligazione,
tùo to kalò skopò questa è la buona attenzione
pu n’àkhome mas ènghize che ci toccherebbe avere
tòronta ampì ce ambrò? pensando al futuro ed al passato?
.
ka 'en ène tùi Maddònna-ma Che Questa non è la nostra Madonna
jà ppràma manekò; per una cosa soltanto;
(ène) ess'òlu ttu bbisògnu-mma è per tutti i nostri bisogni
na mas èrtu' es kalò. ché si risolvano in bene.
.
'En ène ettù pu trèkhome Non è qui che corriamo
mott'ìmesta fsifti? Quando ci troviamo alle strette?
Es Tùi ène pu ghiurèome E’ a Questa che chiediamo
alài òli ce fsomì. tutti pane ed olio.
.
Ettù è' ppu ngotanìzome ... Qui è dove mi inginocchio …
'en èkho plèo ffonì, non ho più voce,
'o rèsto esì to fsèrete il resto lo sapete,
esì oli e Martanì. voi tutti Martanesi.
.
Jà tùo òli na kamòme Per questo tutti osserviamo
'i llèggi ttu Teù, la legge di Dio
ce ùttin emèra sìmberi e questa giornata oggi
kratènnome stennù. teniamo a mente.
.
C'evò kècci, Maddònna-mu, Ed io, Madonna mia,
pùru ìme Martanò: pure sono Martanese:
nà-mèna es ta pòja-su, eccomi ai tuoi piedi,
evò se prakalò. io ti prego:
.
Vlòiso ton arciprèto-mma, benedici il nostro arciprete,
vloisò-mma ti fsikhì; benedicici l’anima;
c'esù, Maddònna, kame-me e tu, o Madonna, fammi
na ìme kalò pedì. essere un buon figliolo.
.
kàme tùo, Madònna-mu, Fai questo, madonna mia,
ess onòma tu Teù, nel nome di Dio
vlòiso to Martàna-ssu benedici la tua Martano
ce òlu ttus kristianù. e tutti gli uomini.
.
C'esì àrte pòssi ìsesta, E voi adesso tutti quanti siete,
pedàcia, òli kalì, ragazzi, tutti bravi,
alìo è 'ccìo pu kàmato, poco è ciò che avete fatto,
kàmete plèo ppoddì. fate di più!
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com