Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Maria Luce: Iane èpuke fiàcche
Iane èpuke veramente fiàkke,Erano epoche veramente cattive,
veramente fiàkke. veramente cattive.
[...] [...]
Si, si, an èvrekhe basta na ìkhe i gristerna. Si, si, se pioveva era sufficiente avere la cisterna.
Cie ka piànnane apu pa ste làmmie Quelle che si alimentavano dai terrazzi
[ikhe j'a pìi, de] erano per bere, no!
perké ia plèo pulite [...], perché erano più pulite, ...
eh, ma cìe ka piànnane apù ecimesa, eh, ma quelle che si alimentavano da terra,
ole es avlèe tutti i cortili
ole tes stràe ole suzze, tutte le strade tutte sporche
ekko ian ole suzze che poi erano tutte sporche
perké apparte ka erkamosto oli tti 's kampagna e a parte che venivamo tutti da campagna
en ène ka ... m'es skarpe purziane ìa toa non è che ... con gli scarponi si andava allora
ka depòi ìa t'addha animàja ìkhe stes strae, e poi erano gli altri animali che c'erano per le strade
ec'es tes avlèe, es pukanene dentro i cortili, dappertutto.
Emì, ec'es stin avlì apumpì ston A Jorgi, Noi, nella corte di dietro a San Giorgio,
erikordèo ka emì in ìkhamo i gristerna, ricordo che noi l'avevamo la cisterna
però pu cessu ediavènnane ... però da lì dentro passavano ...
o ciuri mu ìkhe t'ampari, mio padre aveva il cavallo,
o zio Tore ìkhe t'ampari zio Tore aveva il cavallo,
o zio Linardo ìkhe, ìkhe ampari, dio tria pròata, zio Leonardo aveva, aveva il cavallo, due tre pecore.
ediavènnane apu cessu in avlì, passavano da dentro il cortile,
allora motti èvrekhe allora quando pioveva
o nerò ìbbie ecessu i gristerna. l'acqua si riversava nella cisterna.
Epulizeàmo, skupèamo Pulivamo, scopavamo,
skupìzamo ole de! scopavamo tutte, no!
Ce [stin avlì ìkhe] na stasùmesta mì, Che nel cortile dovevamo starci noi,
però ìkhe panta ti suggeziùna ka pu cimesa, però avevi sempre quella soggezione che da terra ...
invece e làmmie ìa pleo pulite. invece i terrazzi erano più puliti.
Cini ìan èpoka! Quella era l'epoca!
Ma soggeste ka ione kàddhio o nerò pu kampagna. Ma forse che era migliore l'acqua di campagna.
O nerò pu kampagna e' panta kàddhio, L'acqua di campagna è sempre migliore,
cio depoi es kampagna quella poi in campagna
ia panta spirì ambrò ste gristerne. era sempre un poco(più pulito) vicino alle cisterne.
A ikhe tosso, tosso ti kai Se avevi tanto, tanto da fare
pìe ce pìanne o nerò apucì, andavi a prendere l'acqua da lì.
ma cio asto paìsi ia pleo suzo ma quella del paese era più sporca.
[...] [...]
Però ecì ìan èpoke però quelle erano le epoche
ce ezìsamo oli eh, e' pèsane tinò ma siamo sopravvissuti tutti, eh, non è morto nessuno
[...] [...]
e' pèsane tinò. non è morto nessuno.
Ekàmato, ekùene, "antikorpi" Avete fatto, si chiamano, gli "anticorpi"
Però o bonànima tu ciurù mu ele: Però la buonanima di mio padre diceva:
Tispu ìkhe lumerèddha ce fsomài Chi aveva fuoco e pane
afe scimòna e' pèsane mai. di inverno non è mai morto.
Ce allora toa puru ka pìnnamo Ed allora in quei tempi anche se bevevamo
itta pràmata iu quelle cose così
ezìsamo lostessu. abbiamo vissuto ugualmente.
Epìamo ... Andavamo ...
evò kai forè, kànnone, Io qualche volta, fanno (dicono),
èkanna proi, àrtena e' pensèo pleo facevo prima, adesso non penso più
èkanna evò: facevo (dicevo) io:
na, apombrò pìane ta pròata ecco, davanti andavano le pecore
ce pumbì pìamo sto skòjo, e da dietro noi andavamo allo scoglio,
es to skòjo epìnnamo motti pìamo sto bagno, dallo scoglio bevevamo quando andavamo al bagno,
ste konke apà sto skòjo. nelle buche sopra lo scoglio.
Ande su fèrnane nerò, Se non ti portavano acqua,
pos ìkhe na kami? come dovevi fare?
Epinne ecessu! Ci bevevi lì dentro!
[ius ìa, ìus ia èpoka] Così era, così era l'epoca.
ìus ia èpoka, allora! così era l'epoca, allora!
Na min ghiurìsome matapale ampì! Speriamo di non tornare nuovamente indietro!
Maisìa, Maddònnam òria mu! mai sia, Madonna mia bella!
Evò enna pao na doko kuntu u kristù. Io devo andare a dar conto a Dio (sono anziana)
E' pisteo ka stazo na do Non credo che arriverò a vedere
probbio ta pràmata fiàkka, proprio le cose peggiorate di molto
allora, invece na do ta pràmata fiàkka, allora invece di vedere le cose peggiorate,
mesia ka e' torò manku ta kalà, sia che non vedo neanche le (cose) buone,
basta ka stèu kalì addhi. basta che staranno bene gli altri.

Bidone
Per parecchi anni i maestri costruttori
attingevano acqua alle fontane e la trasportavano sul luogo di lavoro facendo rotolare il bidone lungo la strada.

Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com