Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Travuddia: Argalio
Kaimmeni st’argalioSeduta al telaio
ste feni mia kiatera, sta tessendo una ragazza,
esìi ta pòddia lio muove un poco i piedi
ce skonni lio mi’ chera… e solleva un po’ la mano …

Ekopanizzi atteni

Batte il pettine
epleo ka mia forà, più di una volta,
o plauna makrieni, il lenzuolo si allunga,
e chèrati to vloà.
la sua mano lo benedice.

Il telaio

t'antì pu ‘mpì tsenònnete,

Il subbio posteriore si svuota,
diaènnonta o cerò, passando il tempo,
t’antì pu ‘mbrò gomònnete il subbio davanti si riempie
linari miristò. di lino profumato.

Ma t’ammàddia, sadia,

Con gli occhi, piano,
grafi enan òrio spiti, disegna una bella casa,
o meletà e kardia la legge il cuore
motti chorèune e miti. mentre ballano i licci

O rucho pu ste feni

il panno che sta tessendo
in visà na petasi, l’aiuta a volare,
jerni lio a pòddia: emeni… solleva un poco i piedi: aspetta …
torìete aspro korasi. si vede bianca sposa.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com