Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
A. Costa: 35 O Thànato tu Isaccu
O Thànato tu Isaccu.


1 O Theò ìpe tu Giacobbe:

1 Dio disse a Giacobbe:
"Scòsu, àmo stin Betel ce stasu ecì; "Alzati, va' a Betel e abita là;
àghiro is citton topo 'nan artàri sto Theò pu su fàni costruisci in quel luogo un altare al Dio che ti è apparso
poa pu èfie a'ton Esaù, ton adreffò-ssu". quando fuggivi Esaù, tuo fratello".

2 Toa o Giacobbe ìpe stus dicù-ttu

2 Allora Giacobbe disse alla sua famiglia
ce es possu stèane me cio: e a quanti erano con lui:
"Fìete apombrò tus theùs tus zzenus pu èchete me sas, "Eliminate gli dèi stranieri che avete con voi,
casaristìtesta ce addhàscete ta rùcha. purificatevi e cambiate gli abiti.

3 Depoi sconnomesta ce pame stin Betel,

3 Poi alziamoci e andiamo a Betel,
ecì pu ivò gherno 'nan artàri sto' Theò dove io costruirò un altare al Dio
pu me ìcuse sto' cerò tis fotìa-mu che mi ha esaudito al tempo della mia angoscia
ce stasi me mena sto pratìsi pu ècama". e che è stato con me nel cammino che ho percorso".

4 Cini dòcane tu Giacobbe

4 Essi consegnarono a Giacobbe
olus tus theù tus zzenu pu ìchane tutti gli dèi stranieri che possedevano
ce ta cremazzuja pu vàstùane st'aftìa; e i pendenti che avevano agli orecchi;
o Giacobbe ta èchose acàu sti' velanèa cisimà stin Sichem. Giacobbe li sotterrò sotto la quercia presso Sichem.

5 Depoi èffiane to' campo

5 Poi levarono l'accampamento
ce 'na fovo poddhì dinatò e un terrore molto forte
èbbiake ta gheni pu tus ciclònnane, assalì i popoli che stavano attorno a loro,
tosso pu 'en edràmane ta pedìa tu Giacobbe. così che non inseguirono i figli di Giacobbe.

6 O Giacobbe ce olo to jeno pu ìstike me cio èstase stin Luz,

6 Giacobbe e tutta la gente ch'era con lui arrivarono a Luz,
cioè stin Betel, pu vrìskete stin chora tis Canaan. cioè Betel, che è nel paese di Canaan.

7 Ittù cino èghire nan artàri ce nomàtise citton topo "El-Betel",

7 Qui egli costruì un altare e chiamò quel luogo "El-Betel",
jatì ecì o Theò tu ìkhe fanònta satti pu èfie a' ton adreffò-ttu. perché là Dio gli si era rivelato, quando sfuggiva al fratello.

8 Toa pèsane i Debora, i nutrìce tis Rebecca

8 Allora morì Dèbora, la nutrice di Rebecca,
ce ìrte chomèni cicau stin Betel, sta pòdia tis velanèa, e fu sepolta al disotto di Betel, ai piedi della quercia,
pu ja tuo tin fonàsane "Velanèa tos morolòio ". che perciò si chiamò Quercia del Pianto.

9 O Theò fani mian àddhi forà tu Giacòbbe,

9 Dio apparve un'altra volta a Giacobbe,
motti jùrize a' tin Paddan-Aram ce ton vlòise. quando tornava da PaddanAram, e lo benedisse.

10 O Theò tu ìpe:

10 Dio gli disse:
"O nomas-su ene Giacobbe. E' cui pleo Giacobbe, "Il tuo nome è Giacobbe. Non ti chiamerai più Giacobbe,
ma Israele ene o nomas-su ". ma Israele sarà il tuo nome".
Iu ton fonàsane Israele. Così lo si chiamò Israele.

11 O Theò tu ìpe:

11 Dio gli disse:
"Evò ime o Theò Pantodìnamo. "Io sono Dio onnipotente.
Na chijasi ce jùriso mia murra Sii fecondo e diventa numeroso,
gheno ce vuli tos ghenos èrcutte es esena, popolo e assemblea di popoli verranno da te,
ce vasilèi guènnune asce sena. re usciranno dai tuoi fianchi

12 I chora pu dòdica tu Abramu ce tu Isaccu

12 Il paese che ho concesso ad Abramo e a Isacco
dio 's esena ce sto sporo-ssu dopo 's esena dio tin chora". darò a te e alla tua stirpe dopo di te darò il paese".

13 O Theò chàsi apo mbro-ttu, apò to' topo pu tu ìche milìsonta.

13 Dio scomparve da lui, nel luogo dove gli aveva parlato.

14 Toa o Giacobbe eghire mia stele, ecì pu tu ìche milìsonta,

14 Allora Giacobbe eresse una stele, dove gli aveva parlato,
mia stele lisarègna, una stele di pietra,
ce apanu tis èchiuse alai. e su di essa fece una libazione e versò olio.

15 O Giacobbe nomàtise Betel

15 Giacobbe chiamò Betel
to' topo epù o Theò tu ìche milìsonta. il luogo dove Dio gli aveva parlato.

16 Depoi èffiane tes tende a' tin Betel.

16 Poi levarono l'accampamento da Betel.
Istike ncora 'na spirì makrèa Mancava ancora un tratto di cammino
na stasi stin Èfrata, per arrivare ad Èfrata,
satti i Rakele jènnise ce ìche 'na ghènnima na spirì dìscolo. quando Rachele partorì ed ebbe un parto difficile.

17 Satti epàti na jennìsi, i mammàna tis ìpe :"

17 Mentre penava a partorire, la levatrice le disse:
Min foristu: puru tuo e' na pedì!" "Non temere: anche questo è un figlio!".

18 Satti ste ce tis ègguenne tin scichì,

18 Mentre esalava l'ultimo respiro,
jatì ìstike na pesàni, perché stava morendo,
cini ton nòmase Ben-Oni, essa lo chiamò Ben-Oni,
ma o ciùri-tu ton fònase Beniamino. ma suo padre lo chiamò Beniamino.

19 Iu i Rakele pèsane

19 Così Rachele morì
ce tin chòsane apà stin strata pu perni stin Èfrata, cioè Betlemme. e fu sepolta lungo la strada verso Èfrata, cioè Betlemme.

20 O Giacobbe èghire panu sto nima-tti mia stele.

20 Giacobbe eresse sulla sua tomba una stele.
Usi stele tu nima tis Rakele vrìskete ros sìmberi ecì. Questa stele della tomba di Rachele esiste fino ad oggi.

21 Depoi o Israele èffie to campo

21 Poi Israele levò l'accampamento
ce èvale tin tenda diavònta tin Migdal-Eder. e piantò la tenda al di là di MigdalEder.

22 Satti o Israele ìstinne is cittin chora,

22 Mentre Israele abitava in quel paese,
o Ruben stasi me tin Bila, Ruben andò a unirsi con Bila, concubina del padre,
tin concubina tu ciurù-tu, ce o Israele to màttese. e Israele lo venne a sapere.
Ta pedia tu Giacobbe ìsane dòdeca. I figli di Giacobbe furono dodici.

23 Ta pedìa tis Lia:

23 I figli di Lia:
o protoghennimèno tu Giacobbe, o Ruben, il primogenito di Giacobbe, Ruben,
depoi o Simeone, o Levi,o Giuda,o Issacar, ce o Zabulon. poi Simeone, Levi, Giuda, Ìssacar e Zàbulon.

24 Ta pedia tis Rakele:

24 I figli di Rachele:
o Ciseppi ce o Beniamino. Giuseppe e Beniamino.

25 Ta pedia tis Bila, i dula tis Rakele:

25 I figli di Bila, schiava di Rachele:
o Dan ce o Nèftali. Dan e Nèftali.

26 Ta pedia tis Zilpa, i dula tis Lia:

26 I figli di Zilpa, schiava di Lia:
o Gad ce o Aser. Gad e Aser.
Tua ine ta pedìa tu Giacobbe Questi sono i figli di Giacobbe
pu tu jennìsisa stin Paddan-Aram. che gli nacquero in Paddan-Aram.

27 Depoi o Giacobbe jùrise sto' ciùri-ttu ton Isacco stin Mamre,

27 Poi Giacobbe venne da suo padre Isacco a Mamre,
stin Kiriat-Arba, cioè Ebron, a Kiriat-Arba, cioè Ebron,
epù o Abramo ce o Isacco ìchane zìsonta san zzeni. dove Abramo e Isacco avevano soggiornato come forestieri.

28 O Isacco èttase tus acatòquattruvinti chronu.

28 Isacco raggiunse l'età di centottat'anni.

29 Depoi tu Isaccu tu guiche tin scichì, pèsane

29 Poi Isacco spirò, morì e si riunì al suo parentado,
ce sianòsti me tus dicù-ttu, ghero ce cordomèno asce mere. vecchio e sazio di giorni.
Ton chòsane ta pedia-tu, o Esaù ce o Giacobbe. Lo seppellirono i suoi figli Esaù e Giacobbe.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2022
© www.rizegrike.com