Rize Griche: il portale del grico 🇬🇷
Esegue: decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori

A. Costa: 29 O Giacobbe stazi sta meri tu Labanu
O Giacobbe stazi sta meri tu Labanu
Voce Antonio Costa

1Depoi o Giacobbe tàrasse

1 Poi Giacobbe si mise in cammino
ce pirte cirtèa stin chora apù guenni ijo. e andò nel paese degli orientali.

2 Ide sta corafia 'na frea

2 Vide nella campagna un pozzo
ce tris mandre pròata aplomene cisimà, e tre greggi di piccolo bestiame, accovacciati vicino,
jatì is itto frea potìzatto e mandre, perché a quel pozzo si abbeveravano i greggi,
ma to lisari pu ìstike apanu sto vuccali ìone mea. ma la pietra sulla bocca del pozzo era grande.

3 Motti ole tes mandre ìchane sianosònta ecì,

3 Quando tutti i greggi si erano radunati là,
i proatari, cureddhèane to lisari a' to vuccali tu frea i pastori rotolavano la pietra dalla bocca del pozzo
ce potìzane ta ttinà; e abbeveravano il bestiame;
depoi vàddhane mapale to lisari apà sto vuccali tu frea. poi rimettevano la pietra al posto sulla bocca del pozzo.

4 O Giacobbe ìpe cinò:

4 Giacobbe disse loro:
"Adrèffia-mu, apùtten ìsesta? «Fratelli miei, di dove siete?».
"Epantìsane: Risposero:
"Ìmesta apù Carran", «Siamo di Carran».

5 tos ìpe:

5 Disse loro:
"Nnorìzete ton Làbano, to pedì tu Nacor?" «Conoscete Làbano, figlio di Nacor?».
Epantìsane: Risposero:
"To' nnorìzome". «Lo conosciamo».

6 Tos ìpe:

6 Disse loro:
"Stei calò?", «Sta bene?».
epantìsane : Risposero:
"Ùmme, nah i kiatera, i Rakele ste c'èrkete me tin mandra". «Sì; ecco la figlia Rachele che viene con il gregge».

7 Culùtise:

7 Riprese:
"Èchi 'ncora ijo: «Eccoci ancora in pieno giorno:
'en e' cerò na sianòsete e mandre, non è tempo di radunare il bestiame.
dòkete na pìi stin mandra ce depoi pate na voscìsete! Date da bere al bestiame e andate a pascolare!».

8 Epantìsane:

8 Risposero:
"'e' sòzome ospu e' sianònnutte ole e mandre «Non possiamo, finché non siano radunati tutti i greggi
ce curuddhùme to lisari a' to vuccali tu frea, e si rotoli la pietra dalla bocca del pozzo;
toa cànnome na pìi tin mandra". allora faremo bere il gregge».

9 Cino ncora ste ce mili me cinu,

9 Egli stava ancora parlando con loro,
satti èttase i Rakele me tin mandra tu ciurù, quando arrivò Rachele con il bestiame del padre,
jatì cini ìone proatarèddha. perché era una pastorella.

10 Motti o Giacobbe ìde tin Rakele,

10 Quando Giacobbe vide Rachele,
kiatera tu Làbanu, adreffò tis mana-ttu figlia di Làbano, fratello di sua madre,
me ta pròata tu Làbanu, adreffò tis mana-ttu, insieme con il bestiame di Làbano, fratello di sua madre,
tis guìke ambrò, Giacobbe, fattosi avanti,
curùddhise to lisari a' to vuccali tu frea rotolò la pietra dalla bocca del pozzo
ce ècame na pìune ta pròata tu Làbanu, adreffò tis mana-ttu. e fece bere le pecore di Làbano, fratello di sua madre.

11 Depoi o Giacobbe, fìlise tin Rakele ce èclasce dinatà.

11 Poi Giacobbe baciò Rachele e pianse ad alta voce

12 O Giacobbe ìpe 'is Rakele

12 Giacobbe rivelò a Rachele
ti ìone ena a' tus dicù-ttu tu ciurù-ti, che egli era parente del padre di lei,
jatì pedì tis Rebecca. perché figlio di Rebecca.
Toa cini èdrame na to pì sto' ciùri. Allora essa corse a riferirlo al padre.

13 Motti o Làbano màttese ca ìone o Giacobbe,

13 Quando Làbano seppe che era Giacobbe,
pedì tis adreffì-ttu, tu èdrame ambrò, ton mbràzzose, il figlio di sua sorella, gli corse incontro, lo abbracciò,
ton fìlise ce to' pire sto spiti-ttu. lo baciò e lo condusse nella sua casa.
Ce cino mìlise tu Làbanu asce ola ta pràmata dica-tu Ed egli raccontò a Làbano tutte le sue vicende

14 ce o Làbano tu ìpe:

14 Allora Làbano gli disse:
"jalìssia isù ise steo ce krea dicò-mmu!" «Davvero tu sei mio osso e mia carne!».
Iu èmine me cio 'na mina. Così dimorò presso di lui per un mese.

15 Depoi o Làbano ìpe tu Giacobbe:

15 Poi Làbano disse a Giacobbe:
"Jatì ise a' tu' dicù-mmu, «Poiché sei mio parente,
arèmu nghizi na me dulesci ja tìpoti? mi dovrai forse servire gratuitamente?
Pe-mmu cio pu e'na su doco". Indicami quale deve essere il tuo salario».

16 Arte o Làbano ìche dio chiatère;

16 Ora Làbano aveva due figlie;
i mali ìggue Lia la maggiore si chiamava Lia
ce i pleon kècci ti' fonàzane Rakele. e la più piccola si chiamava Rachele.

17 I Lia ìche t'ammàddhia na spirì svimmèna,

17 Lia aveva gli occhi smorti,
ce i Rakele ìche 'nan òrrio soma ce mian òrria fanomìa, mentre Rachele era bella di forme e avvenente di aspetto,

18 ja tuo o Giacobbe agàpa tin Rakele.

18 perciò Giacobbe amava Rachele.
Pocca ìpe: Disse dunque:
"Ivò se duleo jà ettà chronu ja tin Rakele, «Io ti servirò sette anni per Rachele,
ti' kiatèra-ssu ti' kecci". tua figlia minore».

19 Epàntise o Làbano:

19 Rispose Làbano:
"Telo càjo na tin doco 's esena piri is ena zzeno. «Preferisco darla a te piuttosto che a un estraneo.
Mìno me mena". Rimani con me».

20 Iu o Giacobbe dùlesce ettà chronu ja tin Rakele:

20 Così Giacobbe servì sette anni per Rachele:
tu fànisa alie e mere, tosso ìone i agapi ja cini. gli sembrarono pochi giorni tanto era il suo amore per lei.

21 Depoi o Giacobbe ìpe tu Làbanu:

21 Poi Giacobbe disse a Làbano:
"Dò-mmu to coràsi-mmu jatì jàvike to' cerò dico-mmu «Dammi la mia sposa, perché il mio tempo è compiuto
ce telo na stasò me cini". e voglio unirmi a lei».

22 Toa o Làbano siànose olus tus antròpu a' to' topo

22 Allora Làbano radunò tutti gli uomini del luogo
ce èdike 'na' bankètto. e diede un banchetto.

23 Ma satti vràdiase,

23 Ma quando fu sera,
cino èbbiake tin kiatera, tin Lia ce tu ti' pire, egli prese la figlia Lia e la condusse da lui
ce cino cukkètti me cini. ed egli si unì a lei.

24 O Làbano èdike tin dula-ttu

24 Làbano diede la propria schiava Zilpa
ti' Zilpa, sti' kiatera ja dula. alla figlia Lia, come schiava.

25 Satti zimèrose.......nah ìone i Lia!

25 Quando fu mattina... ecco era Lia!
Pocca o Giacobbe ìpe tu Làbanu Allora Giacobbe disse a Làbano:
"Ti m'òcame? «Che mi hai fatto?
'En ene àremu ja tin Rachele pu stàsimo stin dulìa-ssu? Non è forse per Rachele che sono stato al tuo servizio?
Jatì me còmbose?". Perché mi hai ingannato?».

26 Epàntise o Làbano:

26 Rispose Làbano:
"Tui en ene i parmàtica sto khorìo-mma «Non si usa far così nel nostro paese,
na doki ti' pleon kèccia proppi tin mali. dare, cioè, la più piccola prima della maggiore.

27 Culùsiso uttin addomàta tis armasìa

27 Finisci questa settimana nuziale,
ce depoi su dio puru tuttin àddhi ja tes dulìe poi ti darò anche quest'altra per il servizio
pu esu mu canni ja ettà chronu ncora". che tu presterai presso di me per altri sette anni».

28 O Giacobbe ècame iu:

28 Giacobbe fece così:
ècame na jiavì tin addomata tis armasìa terminò la settimana nuziale
ce toa o Làbano tu dòdike ja ghineca ti' kiatera, tin Rakele. e allora Làbano gli diede in moglie la figlia Rachele.

29 O Làbano èdike sti' kiatera tin Rakele

29 Làbano diede alla figlia Rachele
tin dula-ttu, tin Bila, ja dula. la propria schiava Bila, come schiava.

30 Cino agàpise pure tin Rakele

30 Egli si unì anche a Rachele
ce ti' tèlise pleon poddhì piri tin Lia. e amò Rachele più di Lia.
Èmine ncora stin dulìa-ttu ja addhu ettà chronu. Fu ancora al servizio di lui per altri sette anni.

31 Artena o Kìrio, torònta ca i Lia èrcato allimonimmeni

31 Ora il Signore, vedendo che Lia veniva trascurata,
tin ècame calì na sosi mini ètimi, la rese feconda,
ce i Rakele èmene alonàra. mentre Rachele rimaneva sterile.

32 Iu i Lia èmine ètimi ce jènnise 'na pedì

32 Così Lia concepì e partorì un figlio
ce to nomàtise Ruben, e lo chiamò Ruben,
jatì ìpe: perché disse:
"O Kìrio ìde to vrìmma-mmu; «Il Signore ha visto la mia umiliazione;
arte o àndra-mmu e' na m'agapisi". certo, ora mio marito mi amerà».

33 Depoi èmine ncora ètimi es enan àddho pedì ce ìpe:

33 Poi concepì ancora un figlio e disse:
"O Kìrio ìcuse ca ìvò culùtona n'ame allimonimmèni «Il Signore ha udito che io ero trascurata
ce mu dòdike puru tuo e mi ha dato anche questo».
Ce to nomàtise Simeone. E lo chiamò Simeone.

34 Depoi jènnise ncora 'na pedì ce ìpe:

34 Poi concepì ancora e partorì un figlio e disse:
"Tunì forà o àndra-mmu e' na desì is emena «Questa volta mio marito mi si affezionerà,
jatì tu dòdica tria pedìa". perché gli ho partorito tre figli».
Ja tuo to nomàtise Levi. Per questo lo chiamò Levi.

35 Emine ancora ètimi ce jènnise 'na pedì ce ìpe:

35 Concepì ancora e partorì un figlio e disse:
"Tunì forà calonomatìzo ton Kìrio". «Questa volta loderò il Signore».
Ja tuo to onomàtise Giuda. Per questo lo chiamò Giuda.
Depoi en ècame pleon pedia. Poi cessò di avere figli.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2024
© www.rizegrike.com