Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: 21 To ghènnima tu Isaccu
I So ghènnima tu Isaccu Voce Antonio Costa

1 O Kìrios nazìtisce tin Sara pos ìche pònta

1 Il Signore visitò Sara, come aveva detto,
ce ècame is Sara cundu ìche tammìsonta. e fece a Sara come aveva promesso.

2 I Sara èmine ètimi

2 Sara concepì
ce jènnise tu Abramu 'na pedì sta gheràmata, e partorì ad Abramo un figlio nella vecchiaia,
sto' cerò pu o Theò ìche pònta. nel tempo che Dio aveva fissato.

3 O Abramo onomàtise Isacco to pedì pu tu ìche ghennisònta,

3 Abramo chiamò Isacco il figlio che gli era nato,
pu i Sara tu iche ghennìsonta. che Sara gli aveva partorito.

4 O Abramo ècame tin circoncisiùna tu pedìu-tu ton Isacco

4 Abramo circoncise suo figlio Isacco,
satti tuo ìone ottò mere quando questi ebbe otto giorni,
cundu o Theò tu ìche ponta. come Dio gli aveva comandato.

5 O Abramo ìone acatò chronò

5 Abramo aveva cento anni,
motti ìche to pedì, ton Isacco. quando gli nacque il figlio Isacco.

6 Pocca i Sara ìpe:

6 Allora Sara disse:
"Prama asce alòcharo jèjo mu dòdike o Theò: "Motivo di lieto riso mi ha dato Dio:
tis ton mattènni jelà asce mena!". chiunque lo saprà sorriderà di me!".

7 Depoi ìpe:

7 Poi disse:
"Tis ìche pònta mai u Abramu: "Chi avrebbe mai detto ad Abramo:
i Sara e' na vizzàsi pedìa! Sara deve allattare figli!
Ce nah tu ghènnisa 'na pedì sta gheràmatà-tu! ". Eppure gli ho partorito un figlio nella sua vecchiaia!".

8 To pedì àssise ce tu guàlane to gala

8 Il bambino crebbe e fu svezzato
ce o Abramo ècame 'na' mea banketto e Abramo fece un grande banchetto
motti guàlane to gala tu Isaccu. quando Isacco fu svezzato.

9 Ma i Sara ìde ti to pedì tis Agar i egiziana,

9 Ma Sara vide che il figlio di Agar l'Egiziana,
cino pu ecini ìche jennìsonta tu Abramu, quello che essa aveva partorito ad Abramo,
èpeze me to pedì, ton Isacco. scherzava con il figlio Isacco.

10 Ìpe pocca tu Abramu:

10 Disse allora ad Abramo:
"Guàle aputtù utti dula ce to pedì-tti, "Scaccia questa schiava e suo figlio,
jatì to pedì tunì dula 'en e' n'ane perché il figlio di questa schiava
redo antama me to pedì-mmu, ton Isacco". non deve essere erede con mio figlio Isacco".

11 To prama cacofàni poddhì u Abramu

11 La cosa dispiacque molto ad Abramo
ja tin agapi tu pedìu-tu. per riguardo a suo figlio.

12 Ma o Theò ìpe tu Abramu:

12 Ma Dio disse ad Abramo:
na min su cacofàni tuo, ja to pedì ce tin dula-ssu: "Non ti dispiaccia questo, per il fanciullo e la tua schiava:
cuse to lòo tis Sara ce cio pu su lei, ascolta la parola di Sara in quanto ti dice,
cuse tin fonì-tti, ascolta la sua voce,
jatì me ton Isacco apu sena pianni ton ònoma 'na gheno. perché attraverso Isacco da te prenderà nome una stirpe.

13 Ma evò canno na jettì mia mali chora

13 Ma io farò diventare una grande nazione
puru to pedì tis dula, jatì ene sporo dicòs-su". anche il figlio della schiava, perché è tua prole".

14 O Abramo scosi pornà pornà,

14 Abramo si alzò di buon mattino,
èbbiake to sciomì ce ena ascò nerò ce ta dòdike is Agar prese il pane e un otre di acqua e li diede ad Agar,
fortonnontà-ta panu sto nomo-tti; caricandoli sulle sue spalle;
tis dòdike to pedàci ce tin ègguale apù 'ci. le consegnò il fanciullo e la mandò via.
Cini tàrasse ce chàsi sto deserto apù Bersabea. Essa se ne andò e si smarrì per il deserto di Bersabea.

15 Satti ìchane pìonta olo to nerò,

15 Tutta l'acqua dell'otre era venuta a mancare.
cini accùmbise to padàci acau 's ena procàttàci Allora essa depose il fanciullo sotto un cespuglio

16 ce pirte ce catìse ambrò-ttu na spirì pleon cirtèa

16 e andò a sedersi di fronte, alla distanza di un tiro d'arco,
jatì èle: perché diceva:
“E' telo na torìso to pedàci na pesàni!" "Non voglio veder morire il fanciullo!".
Satti cini tu càtise ambrò, cino àscose tin fonì ce èclasce. Quando gli si fu seduta di fronte, egli alzò la voce e pianse.

17 Ma o Theò ìcuse tin fonì tu pedàci

17 Ma Dio udì la voce del fanciullo
ce enas ànghelo tu Teù fònase tin Àgar a' tin anghera e un angelo di Dio chiamò Agar dal cielo
ce tis ìpe: e le disse:
"Ti èchi, Agar? "Che hai, Agar?
Min forìstu, Non temere,
jatì o Theò ìcuse tin fonì tu pedàci ecì pu vrìskete. perché Dio ha udito la voce del fanciullo là dove si trova.

18 Scòsu, pìae to pedàci ce cràtisò-tto a' tin chera

18 Alzati, prendi il fanciullo e tienilo per mano,
jatì evò canno apu cio mia mali chora". perché io ne farò una grande nazione".

19 O Theò tis ànisce t'ammàddia ce cini ide 'na frea nerò.

19 Dio le aprì gli occhi ed essa vide un pozzo d'acqua.
Pocca pìrte na gomòsi ton ascò ce ècame na pìi to pedàci. Allora andò a riempire l'otre e fece bere il fanciullo.

20 Ce o Theò stasi me to kecci pu àssise ce èmine sto deserto

20 E Dio fu con il fanciullo, che crebbe e abitò nel deserto
ce jetti 'nan arcieri. e divenne un tiratore d'arco.

21 Cino èmine sto deserto tu Paran

21 Egli abitò nel deserto di Paran
ce i mana-tu tu èbbiake mian ghinecan a'tin chora tu Egittu. e sua madre gli prese una moglie del paese d'Egitto.

22 Is itton cerò o Abimèlech me to' Picol,

22 In quel tempo Abimèlech con Picol,
pu ìone o cumandanto a'ton esercito dicò-ttu, capo del suo esercito,
ìpe tu Abramu: disse ad Abramo:
"O Theò ene me sena ja cio pu canni. "Dio è con te in quanto fai.

23 Pocca catarrèttu ittù ambrò sto Theò

23 Ebbene, giurami qui per Dio
ca isù mai combonnis emèna, che tu non ingannerai né me
ta pedia-mu ce ta ghenìa-mu: né i miei figli né i miei discendenti:
pos ivò ècama, is filìa, me sena, come io ho agito amichevolmente con te,
iu esù e' na cami me mena ce me tin chora ipù ise zzeno". così tu agirai con me e con il paese nel quale sei forestiero".

24 Epàntise o Abramo: "To amonno".

24 Rispose Abramo: "Io lo giuro".

25 Ma o Abramo èbbiake ma ascima lòja ton Abimèlech ja 'na frea nerò

25 Ma Abramo rimproverò Abimèlech a causa di un pozzo d'acqua,
pu i duli-tu tu to ìchane piàconta. che i servi di Abimèlech avevano usurpato.

26 O Abimèlech ìpe:

26 Abimèlech disse:
"Evò 'en scero tis ècame utto prama: "Io non so chi abbia fatto questa cosa:
ce esù 'en mu to ìpe mai, né tu me ne hai informato,
ce mancu ìcusa na milìsuse prita apu simberi". né io ne ho sentito parlare se non oggi".

27 Toa o Abramo èbbiake campossa proata ce vùddìa

27 Allora Abramo prese alcuni capi del gregge e dell'armento,
ce ta dòdike sto Abimèlech: mes saftu càmane 'na' patto. li diede ad Abimèlech: tra loro due conclusero un'alleanza.

28 Depoi o Abramo èvale 's ena mero ettà arnàte a'tin mandra.

28 Poi Abramo mise in disparte sette agnelle del gregge.

29 O Abimèlech ìpe tu Abramu:

29 Abimèlech disse ad Abramo:
"Ti èrcutte sto pì citte ettà arnàte pu schòrise?". "Che significano quelle sette agnelle che hai messe in disparte?".

30 Epàntise:

30 Rispose:
" Esù e'na piachis utta ettà arnàte a' tin chera-mmu "Tu accetterai queste sette agnelle dalla mia mano,
jatì tuo e' na mu felasi san simài perché ciò mi valga di testimonianza
ti evò èscascia utto frea". che io ho scavato questo pozzo".

31 Jà tuo ciso' ttopo ton ìpane Bersabea,

31 Per questo quel luogo si chiamò Bersabea,
jatì ecì càmane scinìa oli ce dio. perché là fecero giuramento tutti e due.

32 Ce dopu pu clìsane to' patto is Bersabea,

32E dopo che ebbero concluso l'alleanza a Bersabea,
o Abimèlech ascòsi me ton Picol, Abimèlech si alzò con Picol,
cumandanto a'ton esercito dico-ttu capo del suo esercito,
ce iurìsane stin chora tos Filistèos. e ritornarono nel paese dei Filistei.

33 O Abramo fìtesce 'nan àrgulo asce tamarìce is Bersabea

33Abramo piantò un tamerice in Bersabea,
ce ecì pracalise to noma tu kirìu, ton athànato Theò. e lì invocò il nome del Signore, Dio dell'eternità.

34 Ce èmine zzeno stin chora tos filistèo ja poddhì cerò.

34 E fu forestiero nel paese dei Filistei per molto tempo.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com