Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: 20 O Abramo sta Gerar
O Abramo sta GerarVoce Antonio Costa

1O Abramo èffie tes tende apù cì

1 Abramo levò le tende di là,
ce sisti artèa sta meri tu Negheb dirigendosi nella regione del Negheb,
ce pirte na zisi mes Kades ce Sur, e si stabilì tra Kades e Sur;
ce èmine san zzeno stin Gerar. poi soggiornò come straniero a Gerar.

2 Jacai o Abramo ìche pònta a'tin ghinèca-ttu, tin Sara:

2 Siccome Abramo aveva detto della moglie Sara:
"Ene adreffì-mu", «È mia sorella»,
o Abimèlech, vasilèas apù Gerar, àrise na piàcune tin Sara. Abimèlec, re di Gerar, mandò a prendere Sara.

3 Ma o Theò asce nitta ìrte assìnnu tu Abimèlech

3 Ma Dio venne da Abimèlec di notte, in sogno,
ce tu ìpe: e gli disse:
"Nah, stei isa isa na pesàni ja tin jineca pu èbbiake; «Ecco, stai per morire a causa della donna che tu hai preso;
cini ene tu àndra tu". lei appartiene a suo marito».

4 O Abimèlech, ti ncora 'e' tin ìche nghìsonta ìpe:

4 Abimèlec, che non si era ancora accostato a lei, disse:
"Kìrie-mu, «Mio Signore,
teli na cai na pesàni puru to gheno pu en attèi tìpoti?' vuoi far morire anche la gente innocente?

5Aremu, e' mu ìpe: ene adreffì-mu?

5 Non mi ha forse detto: è mia sorella?
Ce puru cini ìpe: ene adreffò-mmu. E anche lei ha detto: è mio fratello.
Me tartèa scichì ce chèrria casarà ècama tuo". Con retta coscienza e mani innocenti ho fatto questo".

6 Tu epàntise o Theò assìnnu:

6 Gli rispose Dio nel sogno:
"Puru evò scero ti me tartèa scichì ècame tuo «Anche io so che con rettacoscienza hai fatto questo
ce s'ampòdisa n'amartìsi contra emèna: e ti ho anche impedito di peccare contro di me:
ja tuo 'en ècama na tin enghisi. perciò non ho permesso che tu la toccassi.

7 Arte jùriso ampì tin ghineca tunù anthròpu:

7 Ora restituisci la donna di quest'uomo:
cino ene 'na' profeta: egli è un profeta:
as pracalìsi cino ja sena, ce esù zìi. preghi egli per te e tu vivrai.
Ma an den tin jurìsi, Ma se tu non la restituisci,
na sceri ca pesàni me olu' tus dicus-su ". sappi che sarai degno di morte con tutti i tuoi».

8 Pocca o Abimèlech ascòsi presta sto pornò

8 Allora Abimèlec si alzò di mattina presto
ce fònase olu' tus dulu-ttu ce tos ìpe ola utta pràmata e chiamò tutti i suoi servi, ai quali riferì tutte queste cose,
ce cini forìstisa poddhì. e quegli uomini si impaurirono molto.

9 Depoi o Abimèlech fònase ton Abramo ce tu ìpe :

9 Poi Abimèlec chiamò Abramo e gli disse:
"Ti mas ècame? «Che cosa ci hai fatto?
Ce ti amartìa ècama ivò contra esena E che colpa ho commesso contro di te,
ca isù ìstike na vali emena ce tin vasilìa-mmu cessu guàita tosso mala? perché tu abbia esposto me e il mio regno a un peccato tanto grande?
Esù m'òcame pràmata pu e' cajo na min ghènutte. Tu hai fatto a mio riguardo azioni che non si fanno».

10 Depoi o Abimèlech ìpe tu Abramu:

10 Poi Abimèlec disse ad Abramo:
"Ti ìbbie vrìsconta cànnonta tuo?". «A che cosa miravi agendo in tal modo?».

11 Epàntise o Abramo:

11 Rispose Abramo:
"Evò epènsona: «Io mi sono detto:
sicuro is utto' topo 'en èchune fovo a'to' Theò certo non vi sarà timor di Dio in questo luogo
ce me sciàzune ja tin ghineca-mmu. e mi uccideranno a causa di mia moglie.

12 Ce cini ene jalìssia adreffì-mu,

12 Inoltre ella è veramente mia sorella,
kiatera tu ciurù-mu, ma macata kiatera tis mana-mmu, figlia di mio padre, ma non figlia di mia madre,
ce tin èbbiaca ja ghineca. ed è divenuta mia moglie.

13 Toa pu o Theò m'ècame na pao votonta

13 Allora, quando Dio mi ha fatto errare
larga a'to spiti tu ciurù-mu lungi dalla casa di mio padre,
evò tis ìpa: io le dissi:
tui ene i chari pu e' na mu cai: «Questo è il favore che tu mi farai:
is passo topo pu stàzome, esù e'na pì ja mena: in ogni luogo dove noi arriveremo dirai di me:
ene adreffò-mmu". è mio fratello».

14 Pocca o Abimèlech èbbiake pròata ce vùia, dulu ce dule,

14 Allora Abimèlec prese greggi e armenti, schiavi e schiave,
tu ta dòdike ston Abramo ce tu jùrise tin ghineca, tin Sara. li diede ad Abramo e gli restituì la moglie Sara.

15 Ce o Abimèlech culùtise:

15 Inoltre Abimèlec disse:
"Nah ambrò 's esena i chora-mu: «Ecco davanti a te il mio territorio:
àmo na stasì ecì pu teli!". va' ad abitare dove ti piace!».

16 Sti Sara ìpe:

16 A Sara disse:
"Nah, èdica chije mire asce asìmi ston adreffò-ssu: «Ecco, ho dato mille pezzi d'argento a tuo fratello:
ìne ja sena e scichorìe-mmu sarà per te come un risarcimento
ja cinu pu ine me sena. di fronte a quanti sono con te.
Iu esù ise oli casarì". Così tu sei in tutto riabilitata».

17 O Abramo pracàlise ton Theò

17Abramo pregò Dio
ce o Theò èghiane ton Abimèlech, e Dio guarì Abimèlec,
tin ghineca-ttu ce tes dule-ttu sua moglie e le sue serve,
itu sòsane mapale jennìsi. sì che poterono ancora partorire.

18Jatì o Theò ìche jurìsonta alonàre

18 Perchè il Signora aveva reso sterili
ole tes ghinèke tu spitìu tu Abimèlech tutte le donne della casa di Abimèlec,
ja cio pu iche ndèsonta i Sara, i ghineca tu Abramu. per il fatto di Sara, moglie di Abramo.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com