Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: 15 Dàmmata ce filìa
Dàmmata ce filìaVoce Antonio Costa

1 Dopu ùtta pràmata,

1 Dopo tali fatti,
utto lòo tu Kirìu votìsti questa parola del Signore fu rivolta
es ìpuno ston Abramo: ad Abram in visione:
"Mi' foristu, Abrame, se filàsso evò; «Non temere, Abram. Io sono il tuo scudo;
i danisìa-su e' n'ane poddhì mali". la tua ricompensa sarà molto grande».

2 Epàntise o Abramo:

2 Rispose Abram:
"Kìrie, Tehè-mmu, ti e' na mu doki? «Mio Signore Dio, che mi darai?
Ivò pao apode senza pedìa Io me ne vado senza figli
ce to eredo tu spitìu-mu ene o Eliazer apu Damasco". e l'erede della mia casa è Eliezer di Damasco».

3 Culùtise o Abramo:

3 Soggiunse Abram:
"Nah es emena e' mu dòdike sporo «Ecco a me non hai dato discendenza
ce ena dulo-mu jènete to eredo-mu". e un mio domestico sarà mio erede».

4 Ce nah, utto lòo tu vòtise o Kìrio:

4 Ed ecco gli fu rivolta questa parola dal Signore:
"'En ène tuo to redo-su, «Non costui sarà il tuo erede,
ma ena pu èrkete asce sena, ene". ma uno nato da te sarà il tuo erede».

5 Pocca ton pire ecipèzzu ce tûpe:

5 Poi lo condusse fuori e gli disse:
"Canòniso tin anghera «Guarda in cielo e conta le stelle,
ce mètriso t'astèria an anarìsi na ta metrìsi". se riesci a contarle»
Ce ìpe mapale: e soggiunse:
"Iu e' nâne o sporo-ssu". «Tale sarà la tua discendenza».

6 Cino pìstesce sto Kìrio,

6 Egli credette al Signore,
ce ja tutin pisti-tu o Kìrio tu annòrise ta digghi-tu. che glielo accreditò come giustizia.

7 Ce tûpe:

7 E gli disse:
"Evò ime o Kìrio pu s'ècama n'àggui a'tin Ur tos Caldeo «Io sono il Signore che ti ho fatto uscire da Ur dei Caldei
na dòco is'esena tuttin chora.". per darti in possesso questo paese».

8 Epàntise:"

8 Rispose:
Kìrie, Theè-mmu, «Signore mio Dio,
pos canno na scero ca e'nâne dikì-mu?". come potrò sapere che ne avrò il possesso?».

9 Tu ìpe :

9 Gli disse:
"Pià-mmu mia damalìda tris chronò, mia ìzza tris chronò, «Prendimi una giovenca di tre anni, una capra di tre anni,
ena krio tris chronò, mia tùrtura ce 'na peristèri". un ariete di tre anni, una tortora e un piccione».

10 Pìrte na piài ola tutta ttinà, ta èscise is dio

10 Andò a prendere tutti questi animali, li divise in due
ce èvale pàssio mira mia ambrò stin àddhi; e collocò ogni metà di fronte all'altra;
ta puddhìa però 'e' ta èscise. non divise però gli uccelli.

11 Ta agricà puddhìa catevènnane panu sta sciofìmmata

11 Gli uccelli rapaci calavano su quei cadaveri,
ma o Abramo ta èguaddhe. ma Abram li scacciava.

12 Satti o ijo ìstike n'àmbi,

12 Mentre il sole stava per tramontare,
o Abramo èpese is ena varèo ìpuno, un torpore cadde su Abram,
ce nah 'na' mavro fòvo ton èbbike. ed ecco un oscuro terrore lo assalì.

13 Pocca o Kìrio ìpe u Abramu:

13 Allora il Signore disse ad Abram:
"Na to sceri calà «Sappi che i tuoi discendenti
ti ta gheni-su e' nâne zzeni is mia chora pu 'en ene diki-to; saranno forestieri in un paese non loro;
ce' èrcutte jenomèni duli saranno fatti schiavi
ce mènune acauvalomèni tessaracòsciu chronu. e saranno oppressi per quattrocento anni.

14 Ma i chora pu èchun dulomèna, tin varò evò:

14 Ma la nazione che essi avranno servito, la giudicherò io:
depòi cini guènnune me male plusìe. dopo, essi usciranno con grandi ricchezze.

15 Ce ja sena, esù pai is filìa ambrò stus mbropàppus

15 Quanto a te, andrai in pace presso i tuoi padri;
ce se chònnune dopu ena charùmeno ghèrama. sarai sepolto dopo una vecchiaia felice.

16 Sto tètrado jènnima jurìzune ittù,

16 Alla quarta generazione torneranno qui,
jatì i cakìa tos Amorrèos perché l'iniquità degli Amorrei
en èstase ncora st'ampisinìa". non ha ancora raggiunto il colmo».

17 Satti o ijo mbìke ce jètti scotinò,

17 Quando, tramontato il sole, si era fatto buio fitto,
nah ce efàni 'na camino pu cànnize ecco un forno fumante
ce 'na fanò foterò e una fiaccola ardente
javìke mesa sta ttinà scimmèna. passarono in mezzo agli animali divisi.

18 Is cittin imèra o Kìrio

18 In quel giorno il Signore
ècame tutton patto me ton Abramo: concluse questa alleanza con Abram:
Sto spòro-ssu evò dio tuttin chora, alla tua discendenza io do questo paese
a'ton fiumo tu Egittu ros to mea fiumo Eufrate; dal fiume d’egitto al grande fiume, fiume Eufrate;

19 i chora pu zìune i keniti, i kennizzìti,

19 il paese dove abitano i Keniti, i Kenizziti,
i kadmonìti, i Kadmoniti,

20 i Hittìti, i Perizzìti,

20 gli Hittiti, i Perizziti,
i Refaim, i Refaim,

21 i Amorrèi, i Cananei,

21 gli Amorrei, i Cananei,
i Gergesèi, i Evèi ce i Gebusèi". i Gergesei, gli Evei e i Gebusei».
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com