Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: 13 To scechòrimma  tu Abramo a' to Lot
To scechòrimma tu Abramo a' to LotVoce Antonio Costa

1A'ton Egitto o Abramo jùrise sto' Negheb

1 Dall'Egitto Abram ritornò nel Negheb
me tin ghineca ce olo to rùcho-ttu; con la moglie e tutti i suoi averi;
o Lot ìone me cio. Lot era con lui.

2 O Abram ìone poddhì plùsio 'sce ttinà, asìmi ce crusafi.

2 Abram era molto ricco in bestiame, argento e oro.

3 Depòi diavònta asce topo is topo, cio a' to Negheb

3 Poi di accampamento in accampamento egli dal Negheb
ìche stàsonta ros tin Betel, si portò fino a Betel,
ros ton topo pu ìche stasònta prita to calìvi-tu, fino al luogo dove era stata già prima la sua tenda,
mes tin Betel ce tin Ai, tra Betel e Ai

4 ston topo tu artarìu pu ìche stiàsonta ecì prita:

4 al luogo dell'altare, che aveva là costruito prima:
ecì o Abramo onomàtise to noma tu Kirìu. lì Abram invocò il nome del Signore.

5 Ma puru o Lot, pu ìbbione me ton Abramo

5 Ma anche Lot, che andava con Abram,
ìche mandre sce pròata, ttinà ce calìvia. aveva greggi e armenti e tende.

6 I chora en ìone tosso mali na sòsune stasì antama

6 Il territorio non consentiva che abitassero insieme,
jatì ìchane rucho poddhì mea perché avevano beni troppo grandi
ce en sòzane stasì nomeni. e non potevano abitare insieme.

7 Ja tuo càmane lòja

7 Per questo sorse una lite
i proatari tu Abràmu ce cini tu Lot, tra i mandriani di Abram e i mandriani di Lot,
satti pu i Cananèi ce i Perizziti stèane toa is cittin chora. mentre i Cananei e i Perizziti abitavano allora nel paese.

8 O Abramo ìpe tu Lot:

8 Abram disse a Lot:
"Na min chasì i filìa mesa emà, «Non vi sia discordia tra me e te,
ce mes tus proatàru-mmu ce tus dicù-ssu tra i miei mandriani e i tuoi,
jatì imì ìmesta adrèffia. perché noi siamo fratelli.

9 En ene i chora oli ambrò-ssu?

9 Non sta forse davanti a te tutto il paese?
Scechorìstu asce mena. Sepàrati da me.
An esù pai sin stravì, ivò pao stin dorsìa; Se tu vai a sinistra, io andrò a destra;
an esù pai stin dorsìa,ivò pao stin stravì". se tu vai a destra, io andrò a sinistra».

10 Pocca o Lot àscose t'ammàddia

10 Allora Lot alzò gli occhi
ce ìde ti oli tin lama tu Giordanu e vide che tutta la valle del Giordano
ìone 'na topo olo potimmèno 'sce cai mero era un luogo irrigato da ogni parte
- prita ti o Kìrio ìche na catalìsi ta Sodoma ce ta Gomorra; - prima che il Signore distruggesse Sòdoma e Gomorra -;
ìone san ton cipo tu Kirìu, era come il giardino del Signore,
san tin chora tu Egittu cùkkia stin Zoar. come il paese d'Egitto, fino ai pressi di Zoar.

11 O Lot jàddesce ja cio oli tin lama tu Giordanu

11 Lot scelse per sé tutta la valle del Giordano
ce cuvàlise ta calìvia cirtea pu zimerònni. e trasportò le tende verso oriente.
Ìu scechorìstisa ena a'ton àddho: Così si separarono l'uno dall'altro:

12 O Abramo èmine stin chora tis Canaan

12 Abram si stabilì nel paese di Canaan
ce o Lot stiàsti stes chore tis lama e Lot si stabilì nelle città della valle
ce èvale ta calìvia simà sta Sodoma. e piantò le tende vicino a Sòdoma.

13 Àrtena i àntropi apu Sodoma ìsane stravì

13 Ora gli uomini di Sòdoma erano perversi
ce amartìzane poddhì contra to Theò. e peccavano molto contro il Signore.

14 Toa o Theò ìpe tu Abramu

14 Allora il Signore disse ad Abram,
dopu ca o Lot ìche scechorisònta asce cio: dopo che Lot si era separato da lui:
"Àsca t'ammàddia a'to topo epù vrìskese esù, «Alza gli occhi e dal luogo dove tu stai
mpose to vlemma cirtèa sti tramuntana ce sto noto, spingi lo sguardo verso il settentrione e il mezzogiorno,
cirtea sta guinà ce sto punento. verso l'oriente e l'occidente.

15 Oli tin chora ti esù vlepi,

15 Tutto il paese che tu vedi,
ivò tin dio 's esena ce sto spòro-ssu ja panta. io lo darò a te e alla tua discendenza per sempre.

16 Canno to jeno-ssu san tin pùrgula tis ghi:

16 Renderò la tua discendenza come la polvere della terra:
an canena sozi metrìsi tin pùrgula tis ghi, se uno può contare la polvere della terra,
sozi metrìsi puru to spòro-ssu. potrà contare anche i tuoi discendenti.

17 Àsca, pràtiso tin chora sto macreo ce sto platèo,

17 Alzati, percorri il paese in lungo e in largo,
jatì ivò e' na su tin doco". perché io lo darò a te».

18 Depoi o Abramo sìsti me ta calìvia-tu

18 Poi Abram si spostò con le sue tende
ce pirte na mini sta velanèa tis Mamre e andò a stabilirsi alle Querce di Mamre,
pu vrìscutte stin Èbron ce èstiase 'nan artàri u Kirìu. che sono ad Ebron, e vi costruì un altare al Signore.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com