Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Samba 22 Flearìu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
A. Costa: Tuo ene to simài tis filìa
Tuo ene to simài tis filìaVoce Antonio Costa

O Theò vlòise to' Noè ce ta pedìa-tu ce tos ìpe:

Dio benedisse Noè e i suoi figli e disse loro:

"Na càmete poddhà pedìa,

«Siate fecondi
chijastìtesta ce gomòsete tin ghi. e moltiplicatevi e riempite la terra.
O fovo ce i tramàra asce 'sa' Il timore e il terrore di voi
na stasùne is ola ta agricà ttinà, sia in tutte le bestie selvatiche
is ola ta ttinà ce is ola ta puddhìa tis anghera. e in tutto il bestiame e in tutti gli uccelli del cielo.

Posso sìrnete apa sto choma

Quanto striscia sul suolo
ce ola t'asciàrria tis tàlassa ine valomeni acau sto sosi-sa. e tutti i pesci del mare sono messi in vostro potere.
Posso sìete ce echi zoì sas ndiàzete ja fai: Quanto si muove e ha vita vi servirà di cibo:
sas dio olo tuo, cundu già ta chlorà chorta. vi do tutto questo, come già le verdi erbe.
Manechà na min fate to krea me tin zoì-ttu, Soltanto non mangerete la carne con la sua vita,
na min echi pleo to jèma-tu. cioè il suo sangue.

A' to jèma-sas anzi,

Del sangue vostro anzi,
a' ti' zoì-sas jurèo cunto; ossia della vostra vita, io domanderò conto;
jureo cunto is passionena, ne domanderò conto ad ogni essere vivente
ce jurèo cunto a' ti zoì tu antròpu ston àntropo, e domanderò conto della vita dell'uomo all'uomo,
passianù' a’ ton adreffò-ttu. a ognuno di suo fratello.

Tis sperni to jèma tu antròpu,

Chi sparge il sangue dell'uomo dall'uomo
to jèma-tu èrchete spermèno, il suo sangue sarà sparso,
jatì san acòna tu Theù, Cino ècame ton àntropo. perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo.

Ce esì n’àchete poddha pedìa ce na chijastìtesta,

E voi, siate fecondi e moltiplicatevi,
na ìsesta parapoddhì apanu stin ghi ce zescetè-ti". siate numerosi sulla terra e dominatela».

O Theò ìpe tu Noè ce sta pedìa-tu me cio :

Dio disse a Noè e ai sui figli con lui:
"A' to mero-mmu, nah, «Quanto a me, ecco
ivò denno tin filìa-mmu me sas io stabilisco la mia alleanza
ce me cinu pu èrcutte dopu asce sas; con i vostri discendenti dopo di voi;

me pàsso zoì pu stei me esàs,

con ogni essere vivente che è con voi,
puddhìa, ttinà ce agricà ttinà uccelli, bestiame e bestie selvatiche,
me ola ta zoa pu guìcane a' tin arca. con tutti gli animali che sono usciti dall'arca.

Ìvo scìngo ti' filìa-mmu me sas:

Io stabilisco la mia alleanza con voi:
en èrkete pleo catalìmmeni cammìa zoì non sarà più distrutto nessun vivente
a' ta nerà tu ndellùviu dalle acque del diluvio,
ce pleo ca mai o ndellùvio catalì tin ghi". né più il diluvio devasterà la terra».

Ìpe o Theòs:

Dio disse:
"Tuo ene to simài tis filìa, «Questo è il segno dell'alleanza,
pu ivò vàddhò mesa mena ce esà che io pongo tra me e voi
ce me pàssio zoì pu ene me sas e tra ogni essere vivente che è con voi
jà ta ghènnima tu amètritu cerù. per le generazioni eterne.

O arco-mu aplònno apanu sta sìnneva

Il mio arco pongo sulle nubi
ce cino ene to simài tis filìa-mmu me tin ghi. ed esso sarà il segno dell'alleanza tra me e la terra.

Motti sianònno ta sìnneva apanu stin ghi

Quando radunerò le nubi sulla terra
ce fènete ton arco apà sta sìnneva, e apparirà l'arco sulle nubi
mu jurìzi stennù tin filìa pu stei mesa emèna ce esàs ricorderò la mia alleanza che è tra me e voi
ce mes passo zoì pu zii is passo krea e tra ogni essere che vive in ogni carne
ce chànnutte ta nerà ja ton ndellùvio, e noi ci saranno più le acque per il diluvio,
na catalìsune passo krea. per distruggere ogni carne.

O arco stei apà sta sìnneva ce Ivò ton canonò

L'arco sarà sulle nubi e io lo guarderò
n’acho stennù tin athànati filìa tu Theù per ricordare l'alleanza eterna tra Dio
me pàsso zoì pu zìi is pàsso krea pu ene apànu stin ghi". e ogni essere che vive in ogni carne che è sulla terra».

Ipe o Theò u Noè:

Disse Dio a Noè:
"Tuo ene to simài tis filìa «Questo è il segno dell'alleanza
pu evò èsciscia mesa emèna che io ho stabilito tra me
ce passo krea pu zìi apànu stin ghi" e ogni carne che è sulla terra».

Ta pedìa tu Noè pu guìcane a' tin arca

I figli di Noè che uscirono dall'arca
ìsane o Sem o Cam ce o Jàfet; furono Sem, Cam e Iafet;
o Cam ene o ciùri tu Chanaan. Cam è il padre di Canaan.

Tua ola ce tria ine ta pedìa tu Noè

Questi tre sono i figli di Noè
ce asce tua gomòsti oli tin ghi. e da questi fu popolata tutta la terra.

Arte o Noè, polemànto tu choma,

Ora Noè, coltivatore della terra,
arcìgnase na fitèsci ena ampèli. cominciò a piantare una vigna.
Pìonta to crasì, mbriakètti Avendo bevuto il vino, si ubriacò
ce aplòsti scepudimmèno ecèssu sto calivàci-tu. e giacque scoperto all'interno della sua tenda.

O Cam, ciuri tu Chanaan, ìde ton ciùri junnò

Cam, padre di Canaan, vide il padre scoperto
ce ìpe to prama stus diu adreffù pu vrìscatto cimbrò. e raccontò la cosa ai due fratelli che stavano fuori.

Pocca o Sem ce o Jàfet piàcane tin cappa,

Allora Sem e Iafet presero il mantello,
tin vàlane oli ce diu panu stes plae ce, se lo misero tutti e due sulle spalle e,
pratònta artea ampi, camminando a ritroso,
sciopàsane ton ciuri pu ìbbie junnò, coprirono il padre scoperto;
votìsonta o muso ampì avendo rivolto la faccia indietro,
en ìdane ton ciuri scepudimmèno. non videro il padre scoperto.

Satti o Noè sciunnìsti a' ti mbriacà,

Quando Noè si fu risvegliato dall'ebbrezza,
màttese posso tu ìche càmonta to pedì to pleon kècci; seppe quanto gli aveva fatto il figlio minore;
pocca ìpe: allora disse:

"catarrào nâne o Chanaan!

«Sia maledetto Canaan!
Dulo a' tos dulo e' nâne ja tus adreffù-ttu!". Schiavo degli schiavi sarà per i suoi fratelli!».
Depoi ìpe: Disse poi:

"Vloimèno o Kìrio, o Theò tu Sem,

«Benedetto il Signore, Dio di Sem,
o Chanaan nâne dulos dicò-ttu ! Canaan sia suo schiavo!
o Theòs na afsìsi ton Jàfet ce na zisi stes tende tu Sem, Dio dilati Iafet e questi dimori nelle tende di Sem,
o Canaan nâne dulo-ttu!" Canaan sia suo schiavo!».

O Noè èzise, dopu ton ndellùvio,

Noè visse, dopo il diluvio,
triacòsciupettinta chronu. trecentocinquanta anni.
Oli i zoì tu Noè culùsise ja enneacòsciupettìnta chronu, L'intera vita di Noè fu di novecentocinquanta anni,
depòi pèsane. poi morì.
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com