Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: 3 I pettomà
I pettomà.Voce Antonio Costa

1 To afidi ìone o pleo maùna asce ola t'agricà ttinà

1 Il serpente era la più astuta di tutte le bestie selvatiche
plammèna a' to Kìrio o Theò. fatte dal Signore Dio.
Ecino ìpe is ghinèca: Egli disse alla donna:
"Ene alìssio ti o Theò ìpe "È vero che Dio ha detto:
na min fate asce canena àrgulo tu cipu?". Non dovete mangiare di nessun albero del giardino?".

2 Epàntise i ghinèca u afidìu:
Rispose la donna al serpente:
"A’ tus fruttu tos àrgulo tu cipu emì sozome fài, "Dei frutti degli alberi del giardino noi possiamo mangiare,

3 ma a' to frutto tu àrgulu pu vrìskete mesa ton cipo,

3 ma del frutto dell'albero che sta in mezzo al giardino
o Theò ìpe: Dio ha detto:
“na min to fate ce na min to nghìsete, Non ne dovete mangiare e non lo dovete toccare,
sandè pesènete". altrimenti morirete".

4 Ma to afìdi ìpe is ghinèca:

4 Ma il serpente disse alla donna:
"'E' pesènete macàta! "Non morirete affatto!

5 Anzi, o Theò sceri ti mia forà pu esì ton èchete famèna,

5 Anzi, Dio sa che quando voi ne mangiaste,
t'ammàddia-sa anìatto ce esì jurìzato cundu o Theò, si aprirebbero i vostri occhi e diventereste come Dio,
norìzonta to' calò ce to' cacò". conoscendo il bene e il male".

6 Pocca i ghineca ìde ti o àrgulo ìone calò na to' fai,

6 Allora la donna vide che l'albero era buono da mangiare,
òrrio ja t'ammàddia ce telomèno ja na piàki noisìa; gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza;
èbbiake a’ ton frutto-tu ce èfe, prese del suo frutto e ne mangiò,
depòi ton èdike puru u àndra–ti pu ìone me cini, poi ne diede anche al marito, che era con lei,
ce puru cio ton èfe. e anch'egli ne mangiò.

7 Ce pocca anìstisa t'ammàddia-to

7 Allora si aprirono gli occhi di tutti e due
ce dunèttisa pu pìane junnì; e si accorsero di essere nudi;
plèsciane pàmpana sce sucèa ce càmane lurìa. intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

8 Depòi cùsane to' Kìrio o Theò

8 Poi udirono il Signore Dio
pu pràti sto' cipo sto anemùddhi tu pornù che passeggiava nel giardino alla brezza del giorno
ce o àntropo ce i ghineca-tu crivìstisa e l'uomo con sua moglie si nascosero
a' to' Kìrio o Theò mes tus àrgulu tu cipu. dal Signore Dio, in mezzo agli alberi del giardino.

9 Ma o Kìrio o Theò fònase ton àntropo ce t'upe:

9 Ma il Signore Dio chiamò l'uomo e gli disse:
"Pu ise?". "Dove sei?".

10 Epàntise:

10 Rispose:
"Ìcusa to pratisi-su sto' cipo: "Ho udito il tuo passo nel giardino:
forìstimo, jatì pào junnò, ce crivìstimo". ho avuto paura, perché sono nudo, e mi sono nascosto".

11 Culùtise:

11 Riprese:
"Tis ècame na scèri pu ìbbie junnò? "Chi ti ha fatto sapere che eri nudo?
Èfe àremu a' ton àrgulo Hai forse mangiato dell'albero
pu s'ùcha ponta na mi fai?". di cui ti avevo comandato di non mangiare?".

12 Èpantise o àntropo:

12 Rispose l'uomo:
"I ghinèca pu Esù m'òvale ambrò "La donna che tu mi hai posta accanto
mu dòdike a' ton àrgulo ce ivò èfa". mi ha dato dell'albero e io ne ho mangiato".

13 O Kìrio o Theò ìpe is ghinèca:

13 Il Signore Dio disse alla donna:
"Ti ècame?". "Che hai fatto?".
Èpantise i ghinèca : Rispose la donna:
"To afidi mu còmbose ce ivò èfa". "Il serpente mi ha ingannata e io ho mangiato".

14 Pocca o Kìrio o Theò ìpe tu afidìu:

14 Allora il Signore Dio disse al serpente:
"jatì isù ècame tuo, "Poiché tu hai fatto questo,
na ìse isù catarrào pleo asce ola ta ttinà sii tu maledetto più di tutto il bestiame
ce pleo piri ola t'agricà ttinà; e più di tutte le bestie selvatiche;
apanu stin cilìa-ssu e' na sistì sul tuo ventre camminerai
ce choma e' na fài ja ole tes imère tis zoì-ssu. e polvere mangerai per tutti i giorni della tua vita.

15 Ivò vàddho misitrìa mes esèna ce tin ghinèca,

15 Io porrò inimicizia tra te e la donna,
mes to sporo-su ce to sporo-tis: tra la tua stirpe e la sua stirpe:
cino su cazzìzi ti' ciofàli questa ti schiaccerà la testa
ce isù ti' daccànni tin ftèrna". e tu le insidierai il calcagno".

16 Is ghinèca ìpe:

16 Alla donna disse:
"Chijàzzo tus ponu-ssu ce tes etimìe-ssu, "Moltiplicherò i tuoi dolori e le tue gravidanze,
me pono e' na jennìsi ta pedìa. con dolore partorirai figli.
Antia ston àndra-ssu su perni to telimà-su , Verso tuo marito sarà il tuo istinto,
ma cio se sozi". ma egli ti dominerà".

17 U antròpu ìpe:

17 All'uomo disse:
"Jatì ìcuse tin fonì tis ghinèca-ssu "Poiché hai ascoltato la voce di tua moglie
ce èfe a' ton àrgulo, e hai mangiato dell'albero,
pu s'ùpa pònta na mi' fai, di cui ti avevo comandato: Non ne devi mangiare,
catarrào n’ane to choma ja tin attìa-ssu! maledetto sia il suolo per causa tua!
Me pono enna siri to fai jà ole' tes imère tis zoì-ssu. Con dolore ne trarrai il cibo per tutti i giorni della tua vita.

18 Acàttia ce abrocàttia guàddhi jà sena

18 Spine e cardi produrrà per te
ce agricà chorta se nghìzi na fai. e mangerai l'erba campestre.

19 Me tin ìdrota tu frontìli-ssu troi to sciomì

19 Con il sudore del tuo volto mangerai il pane;
ospu jurìzi sto choma, finché tornerai alla terra,
jati ap'ùcì ìrte jenomèno: perché da essa sei stato tratto:
ce choma isù ise ce sto choma jurizi!". polvere tu sei e in polvere tornerai!".

20 O àntropo fònase ti' ghinèca Eva,

20 L'uomo chiamò la moglie Eva,
jatì cini ìone i mana asce olus cinu pu zune. perché essa fu la madre di tutti i viventi.

21 O Kìrio o Theò ècame u antròpu ce is ghinèca

21 Il Signore Dio fece all'uomo e alla donna
tòneke sce derma ce tus èndise. tuniche di pelli e li vestì.

22 O Kìrio o Theò ìpe toa:

22 Il Signore Dio disse allora:
"Nah, o àntropo jètti san ena asce ma', "Ecco l'uomo è diventato come uno di noi,
ja tin norimìa tu calù ce tu cacù. per la conoscenza del bene e del male.
Arte cino na min mbelisi pleo tin chera Ora, egli non stenda più la mano
ce na min piàki pleo mancu a' ton àrgulo tis zoì, e non prenda anche dell'albero della vita,
na fai ce iu na zisi jà panta!". ne mangi e viva sempre!".

23 O Kìrios o Theòs ton ègguale a' to' cipo tu Eden

23 Il Signore Dio lo scacciò dal giardino di Eden,
na polemisi to choma apù ìche stasonta jenomeno. perché lavorasse il suolo da dove era stato tratto.

24 Ègguale ton àntropo

24 Scacciò l'uomo
ce èvale, sto mero tu scimeròsi tu cipu tu Eden, e pose ad oriente del giardino di Eden
tus kerubìnus ce tin lampa tu spatìu pu astrèi i cherubini e la fiamma della spada folgorante,
na filàsci tin strata tu argulu tis zoì. per custodire la via all'albero della vita.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2020
© www.rizegrike.com