Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: I Penelope en èmene sto scotinò (965)
I Penelope en èmene sto scotinòVoce Antonio Costa

Ma i Penelope 'en èmene ja poddhì cerò sto scotinò

Ma Penelope non restava a lungo all'oscuro
a' ta pliticòmata pu i proci efènane crifà. delle trame che i Proci macchinavano in segreto.

Veduta di Itaca.

Cinì tis to ìpe o araldo Medonte

E a lei le riferì l'araldo Medonte
pu iche màsonta tes mìre-tto che era venuto a conoscenza dei loro piani,
mènonta ambrò stin avlì, apà stin strata: stando fuori del cortile, sulla strada:

cini stiàzane to trabbucco ecessu. 855

loro ordivano la loro insidia dentro. 855

Amprìma ìche sistònta na doki noa,

Subito si era mosso per andare a darne notizia,
pratònta ja tes càmbare tu palài, is Penelope. attraverso le stanze del palazzo, a Penelope.
En iche diavònta to limbitari tu spitìu tis vasilìssa E varcava la soglia dell'appartamento della regina
ca già i Penelope tu rota: e già Penelope si rivolgeva a lui:

"Aralde, pos ene ca i proci s'arìsan ettù? 860

«Araldo, perché mai ti mandarono qui i Proci? 860
Àremu na pune stes dùle tu Odisseu na fìcune tes dulìe-tto Forse a dire alle ancelle di Odisseo di smettere i loro lavori
ce na stiàsune ton bankètto?. e di preparargli il banchetto?

Na ti spiccèsciune na me telìsune jà ghineca

La finiscano di volermi sposa
ce na sianosùne sto palài cati mera! e raccogliersi nel palazzo ogni giorno!
Ce na ìone i ampisinì forà sìmberi, E fosse l'ultima volta oggi,
probbio tin ampisinì pu trone ittù is utto spiti! proprio l'ultima che pranzano qui, in questa casa!

Umme, esì pu sianonnesèsta pinnà

Sì, voi che vi adunate tanto di frequente
ce scorpìzete poddhà pràmata: e distruggete molti beni:
ene to rucho tu Telemacu! 865 e sono il patrimonio di Telemaco! 865

Ce 'e' cùsato cerò ampì, satti ìsasto keccia,

E non avete sentito dire dai vostri padri in passato,
tus ciùrus-sa na pune quando eravate ragazzi,
ti àntropo ìone o Odisseo me tus dicùs-sa? che uomo era Odisseo con i vostri genitori.

Mia cakì dulìa is tinò, mai tin ècame;

Un'azione ingiusta a uno non la faceva,
en èle canena ascimo lòo stin chora, 870 non diceva parola di sgarbo nel paese, 870
satti, to scèrete, e' parmàtica tos vasilèos quando, si sa, è costume dei re
na misìsune ton ena ce na agapìsune ton addho. odiare l'uno e voler bene all'altro.
Cino mai ècame protìmisi is canena àntropo. Lui non fece mai una prepotenza ad un uomo.

Ma i ascimìa tis scichì dikì-ssa dìfete fanerà oli,

Invece la bassezza del vostro animo si rivela in pieno
m'utto dico-ssa antropiastò càmi. con questo vostro indegno comportamento.

En èchi charitosìni ston cosmo jà ta pràmata calà". 875

Non ce gratitudine al mondo per le opere buone.» 875

Ce cinì ìpe o Medonte, màsito ce metrimmèno pos ìone:

E a lei disse Medonte, da saggio e prudente qual era:

"Na ìone tuo codèssina, ton cacò pleon mea!

«Fosse questo, regina, il male maggiore!
Ma 'nan addho pleon mea ce ponistò Ma un altro ben più grande e più doloroso
ste ce diàzutte i proci. Lo vanno ora meditando i Proci.
O dias na telìsi na min jettì mai! 880 Zeus voglia che non si compia! 880

Cini tèlune na sciàsciune ton Telemaco me ta spatìa-tto,

Essi desiderano uccidere Telemaco con le loro spade,
satti pu jurìzi sto spiti. quando tornerà a casa.

Pos iscèri,

Come sai,
pìrte sti' Pilo ce sti' Sparti na vriki nea a’ to ciùri". se n'è andato a Pilo e a Sparta in cerca di notizie del padre.»

Iu ele o Medonte

Così diceva Medonte.

ce cinì, toa, tramàssane ta gònata,

E a lei si sciolsero allora le ginocchia,
spasti i cardia venne meno il cuore,
ce èmine macrèo cerò senza na sòsi pì lòo. 885 e stette a lungo senza poter dire una parola. 885
T'ammàddia gomòstisa dàmmia, Gli occhi le si riempirono di lacrime.
ce manechà dopu alìo cerò tu epànta: E solo dopo un po' di tempo gli rispondeva:

Omero (1812) di Philippe-Laurent Roland, Museo del Louvre

"Aralde, ce jatì tàrasse to pedì-mmu?

«Araldo, e perché è partito mio figlio?
Eti endiàzato n'andevì apanu is mia nave? 890 Che bisogno c'era che lui salisse su una nave? 890
Ah, e nave ine, jà tus antròpu, i carri tis thàlassa Ah, le navi sono per gli uomini i carri del mare
ce pratune poddhà macrèa nerà.. e varcano vaste distese di acque...
Jatì tàrasse? Perché è partito?
Àremu jatì mancu o onòma-tu e’ na mini sto cosmo?". Forse perché neanche il suo nome resti nel mondo?»

O Medonte tis epàntise:

Medonte le rispose:

" 'En iscèro an ìone 'na theò na ton ampòsi is utto pai

«Non so se fu un dio a spingerlo a questo viaggio
oi an ìone cio na telìsi na pai stin Pilo 895 o se fu lui a voler andare a Pilo 895
na vrìki nea a’ to’ ciùri-ttu, per cercar notizie di suo padre,
na masi an jurìsi oi plei sorta pirte n’antisi". sapere se ritorna o a qual sorte andò incontro.»

Iu mili ce pìrte apode javènnonta mapàle to spiti.

Così parlava e se ne andò via attraversando di nuovo la casa.

Ce cini, ti Penelope, o pono cìclose san ena' sìnnevo mavro

E lei, Penelope, il dolore l'avvolse come una nuvola oscura,
ce tis zìppanne ti scichì. 900 le struggeva l'anima. 900

Ce i codèssina en ìvriske pleo cardia

E non ebbe più cuore, la regina,
na catìsi panu ‘na scannì, di sedere su un seggio,
puru ca ìche poddhà sti' càmbara: ce n'erano molti nella stanza:
ma càtize apà sto limbitàri tis càmbara tu tàlamu ma si sedeva sulla soglia della camera nuziale
ce tin èbbiake i èlenga. e singhiozzava pietosamente.

Me cini klèane afsechìlite 905

Intorno a lei piangevano in silenzio 905
ole e dule tu spitìu, coràsia ce ghère. tutte le ancelle della casa, giovani e vecchie.
Ce mes ecine emìli i Penelope me fonarèa clàmata: E tra loro parlava Penelope con alti lamenti:

"Cùsete, agapimmène:

«Sentite, care:
‘s emena o Dias Olìmpio èdike dinatùs ponu a me Zeus Olimpio diede dolori
pleo a'tes àddhe ghineke più che a tutte le altre donne
pu jennìsisa ce anastìsisa sto cerò -mmu. 910 che nacquero e crebbero al mio tempo. 910

Prita èchasa ton felastò andra, cardìa leùna,

Prima ho perduto il mio sposo valoroso, cuor di leone,
pu chòrize mes tus danau jà tes poddhè fanerè chare: che si distingueva tra i Danai per le sue molte doti e virtù:
o dico-mmu felastò andra il mio sposo valoroso,
pu to onoma-tu to nnorìzune is oli tin Grecia, la cui fama è largamente diffusa in tutta la Grecia,
stin Ellade ce stin chora tu Argu. in Ellade e nell'interno di Argo.

Artena depoi,

Ora poi
to agapimmèno pedì ton pìre a'tto spiti l'amato figlio se lo portarono via di casa
tin àscimi tinammèni thàlassa, le procelle di mare,
senza doxa 915 senza gloria, 915
ce evò en ìscera tipoti ca cio ìche taràssonta. ed io neppure seppi della sua partenza.

Catarràe,

Sciagurate,
is cammìa ascè esà tûrte stennù a nessuna di voi venne in mente
na mu asciunnìsi a'to crovàtti. di svegliarmi da letto.
Esì to scèrato poa cino andèvike apà stin nave. Voi lo sapevate quando lui salì sulla nave.
Scerontà-o pu pènsone jà utto viaggio, 920 Se avessi saputo che meditava questo viaggio, 920
sicùro iche mìnonta ettù allora certo sarebbe rimasto qui,
puru ca ìtele na pai anche se desiderava andare,
oi mu ìche afìconta pesammèni sto spiti. o mi avrebbe lasciata morta in casa.

Ma mia ascè 'sa, na pai lafrì na fonàsi ton ghero Dolio,

Ma una di voi vada in fretta a chiamare il vecchio Dolio.
ene dulo-mu: 925 È mio servo: 925
mu ton èdike o ciùri satti pu ìrta ittù armammèni me lo diede il padre quando venni qui sposa
ce mu perni abrò ton cipo e mi cura l'orto
ce tus àrgulu pu ecì assènnune poddhà. e gli alberi che vi crescono numerosi.

Odisseo e Laertis.



Thulden, Theodoor van, 1632-1633
Amsterdam, ijksmuseum.

Telo na tu pì u Laerte amprima,

Voglio che esponga a Laerte al più presto,
catizontà-tu cùkkia, ola utta pràmata. 930 sedendogli vicino, tutte queste cose. 930
Àremu ca cio ìscere na vriki canea prama Forse lui sa trovare qualche espediente
ce èrcato apucì, a'to coràfi e verrà via di là, dalla campagna,
na ponistì ambrò sto jeno a lamentarsi davanti al popolo
ccusèonta tus prociu pu tèlune accusando i Proci
na càmune na chasì ton aniscìo-ttu, to’ Telemaco, che desiderano far scomparire suo nipote Telemaco,
to pedì tu Odisseu”. il figlio di Odisseo.»

Ce cinì tis ìpe i agapimmèni nutrìce, i Euriklea:

E a lei disse la cara nutrice Euriclea:

"Kiatèra-mu, sciàsce-me me 'n àrma senza na lipistì 935

«Figlia mia, uccidimi pure con un'arma senza pietà 935
oi àfime na ziso ittù sto spiti, o lasciami vivere qui nella casa:
ma 'e' telo na su krivìso to prama. ma non ti voglio tener nascosta la cosa.

Evò ìscera ticanène ettù,

Io sapevo tutto qui,
èdica u Telemacu gli diedi, a Telemaco,
cio pu mu jùresce, to fai ce to glicèo crasì ja ton viaggio. quello che mi comandò, cibo e dolce vino per il viaggio.
Ma môcame na camo mèa scìo 940 Ma si fece prestare un solenne giuramento 940
na mi' milìso me sena di non farne parola a te,
prita na javùne dodeca imère prima che passassero dodici giorni
oi ca esù ton jùre ce ìggue ca ìche taràssonta o che tu lo cercassi e sentissi dire che è partito.
En ìtele ca esù klèonta poddhì, Non voleva che piangendo a lungo
ìche na ascimìsi t'òrrio musaci-su. 945 ti sciupassi il bel viso. 945

Euriclea sveglia Penelope per avvisarla dell'arrivo di Ulisse.


Angelica Kauffmann
olio su tela cm 75 x 110
Vorarlberg Landesmuseum Bregenz Österreich

Ma esù came 'na' mbagno, ndìse rucha casarà

Ma tu fai un bagno, indossa vesti pure,
ce depòi ndeva stes càmbare apù panu me tes dule e poi sali nelle stanze di sopra con le ancelle
ce cae 'na' pracàlima stin Athena, tin kiatèra tu Dia Egiocu. e rivolgi una preghiera ad Atena, la figlia di Zeus egioco.

Cini sozi na ton sosi puru a' to thànato

Lei lo può salvare anche dalla morte.
ce na min pricasi ton ghero Laerte, E non voler affliggere il vecchio Laerte,
già tosso lipimmèno jà dico-ttu. 950 già tanto afflitto per suo conto. 950

'E' pistèo ca to sporo tu pedìu tu Arcesìu

Non credo che la stirpe del figlio di Arcesio
e' misimeno a'tus charitomènus theùs, sia proprio in odio agli dei beati,
ma meni ncora canena ma resterà certo ancora qualcuno
na cratèsi to palai ittù ce ta àpula macrèa coràffia". a tenere il palazzo qui e i fertili campi lontani.»

Ju mili

Così parlava,
ce mànzise tus ponu tis vasilìssa e quietò i lamenti della regina,
ce ècame na min clàsci pleo. 955 ne fece cessare il pianto. 955

Cini ècame ton bagno, ndìnnato me casarà rucha

Ella faceva il bagno, indossava vesti pulite,
ce depoi ndèvenne ste càmbare apù panu me tes dule: e poi saliva alle stanze di sopra con le ancelle;

èvale ta coccaràcia crisari sto cofini

mise i grani d'orzo nel canestro
ce evòta 'na pracàlima is Athena: 960 e rivolgeva una preghiera ad Atena: 960

"Cùse-me, kiatèra tu Dia Egiocu Atritone,

«Ascoltami, figlia di Zeus egioco, Atritone,
a’ cammia forà o Odisseo sto spiti-ttu su ècasce se mai Odisseo nella sua casa ti bruciò
liparè anke vudìu oi proàtu: cosce grasse di bue o di pecora:
na sôrti stennù àrtena ce sòse-mu to agapimmèno pedì, ricordatene ora e salvami il figlio caro,
scòrpiso tus àscimu ce ànghistu prociu ". disperdi i Proci malvagi e superbi.»

Iu èle, ce ègguale mia fonì;

Così diceva e levò un grido.
I dea caloèbbiche to pracàlima. 965 La dea ne ascoltò la preghiera. 965
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com