Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Prassaì 7 Agustu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
A. Costa: Ambro ston Egitto evrìskete mia ìsula (498)
Ambro ston Egitto evrìskete mia ìsulaVoce Antonio Costa.

Satti sto pornò

Quando al mattino
efàni stin anghera i Aurora a' ta rodèa dàttila, apparve in cielo Aurora dalle dita di rosa,
o Menelao ascònnato a' to crovatti si alzava da letto Menelao.
ce èndinne ta rucha-tu: Indossava le sue vesti:


ciclòsti sto vrachòna to cotterò spatì,

si cinse all'omero la spada acuta,
èdese tus òrriu calzaru ‘s t'àspra pòddia. si allacciò i bei calzari ai bianchi piedi.
Depoi guìke a' ti' càmbara, Poi si mosse per andar fuori dalla stanza.
èmiaze ‘s an theò na ton torìsi. Somigliava a un dio nell'aspetto.

Càize cùkkia sto Telemaco

Si sedeva accanto a Telemaco,
ce votisònta cinù ipe: gli si rivolgeva e disse:

"Plea ndiastikà, Telemaco,

«Quale necessità, o Telemaco,
se fèrane ros ittù stin Sparta ti ha menato qui a Sparta percorrendo
pratònta ja mia iu mali mira fse thàlassa? un'ampia distesa di mare?
E' na prama pu kidei olu oi esena manekhò? una faccenda pubblica o privata?
Pèmmu tin alìtia". Dimmi la verità.»

Ce cinù o Telemaco epànta:

E a lui Telemaco rispondeva:

"Atride Menelae,

«Atride Menelao,
ìrta na torìso an mu sozi doki nea a' to ciùri-mmu; son venuto per vedere se mi puoi dare notizia di mio padre.
to rucho mu èrkete famèno, Il patrimonio mi vien divorato,
fserènune ta khlorà coraffìa. vanno in malora i fertili poderi.
To spiti gomòsti asce àscimo jèno La casa è piena di nemici
pu cai meri sciàzi poddhà pròata ce poddhà vùddia: che sgozzano continuamente pecore in gran numero e buoi:
ine cini pu tèlune n'armastùne me tin mana-mmu sono i pretendenti di mia madre,
ce èchune mia protìmisi pu superkèi passo meddro. hanno un'arroganza che passa ogni misura.

Ja tuo ivò ìrta ittù, gonatimmèno sta pòddia-su

Per questo ora sono qui supplice ai tuoi ginocchi
ce se pracalò na mu milìsi a' to thanato dicò-ttu : e ti prego di voler contarmi la sua morte:
àremu ìkhe puru esèna, ton ìde me t'ammàddia-su forse tu eri presente, l'hai vista con i tuoi occhi,
oi ìcuse na milìsi canenan addho o forse ne hai sentito parlare da
votònta mes ton cosmo. qualcun altro in giro per il mondo.

Jennìsti marammèno o ciùri-mu,

È nato sventurato, mio padre,
pleon fs'olu tus addhu. più di tutti gli altri.

Isù na min gliciàni tìpoti

Tu non addolcire niente
ja ti’ khàri-mmu oi ja cumpassiùna, per riguardo a me o per compassione,
ma pe-mmu ta pràmata, ìsa ìsa, probbio pos ta ìde. ma contami le cose con esattezza, proprio come hai visto.

Se pracalò àremu o ciùri-mmu, o felastò Odisseo

Te ne prego, se mai mio padre, il valoroso Odisseo,
su cràtese ta dammatà-tu me ta lòja oi me ta camòmata ti mantenne le sue promesse, a parole e a fatti,
stin chora tos troianò nel paese dei Troiani,
ipù pu patèsciato tosso cerò esi Akei; dove avete sofferto a lungo voi Achei.
na s’orti sten nu àrtena ce pe-mmu tin alìssia". Ricordatene ora e dimmi la verità.»

Lisseàto poddhì o fusco Menelao ce tûpe:

S'indignava molto il biondo Menelao e gli disse:

"Hoimmèna, hoimmèna,

«Ahimè, ahimè,
isa isa sto crovatti anù dinatù antròpu proprio nel letto di un uomo gagliardo
valòsisa sti' ciofàli cisi proci n'aplosùne, si sono messi in mente, quei Proci, di andar a giacere,
afèlasti ce adòfsi, pos ine! vili e imbelli come sono!

E' na ndèsune satti mia cerva vaddhi na plòsune
Capiterà loro come quando una cerva mette a dormire
stin màkkia, anù dinatù leonu, nella macchia di un forte leone
ta keccia-ti apù alìo jennimèni i suoi cerbiatti nati da poco,
pu ncora vizzànnune ancora lattanti;
ce cini pai votònta na coscìsi tes chortarègne grave e intanto essa percorre pascolando le balze e le valli erbose.
ce cino mbènni sto cafùrkio-tti E quello entra nel suo covo
ce sciàzi ola ce dio ta kèccia; e dà una morte miserevole ad entrambi.

ce 'nan attechò thànato e'na doki cinò,

E una morte miserevole darà loro,
isa isa iu, puru o Odisseo. proprio così, anche Odisseo.

Ciuri Dias, Athena, Apollo!

Zeus padre, Atena, Apollo!

Oh, an dìfato o Odisseo iu pos ìone mian imèra –

oh, si presentasse Odisseo così qual era un giorno –
echo sten nu ti stèamo stin Lesbo, mia chora calì jenomeni – mi ricordo che eravamo a Lesbo, una città ben costruita –
satti egherti n'ancòsi me ton Filomeleide quando si levò a una sfida a lottare con Filomeleide
ce ton mbèjase cimèsa dinatà e lo abbatté a terra gagliardamente,
ce cherèstisa oli i akei pu steane ecì. ed esultarono tutti gli Achei là presenti.

echo sten nu ti stèamo stin Lesbo,
mia chora calì jenomeni

Na dìfato o Odisseo contra tus prociu, iu pos ìone toa:

Si presentasse, Odisseo, contro i Proci come era allora:
su lèo, ce stasu certo, ca oli ìchane mia lafrì sorta tu thanàtu, ti assicuro che tutti avrebbero un rapido destino di morte,
ìchane armasìe poddhè prikè! avrebbero nozze ben amare!

A' ta pràmata pu, depòi, mu rotà ce pracalì,

Riguardo poi alle cose di cui mi domandi e preghi,
telo na su apantìso ce e’ su stravònno tin omilìa, io voglio risponderti senza deviare il discorso,
'e se combònno, non ti ingannerò.
ma telo na su faneròso olo cio pu mûpe Ma intendo rivelarti tutto quello che mi disse
o ghero thalassinò Proteo: il vecchio marino Proteo:
ene enas theòs alitinò. è un dio veritiero.
E' su krivìnno canena lòo asce cio pu mu èle. Non ti tacerò una parola di quanto egli mi raccontava.

Evò ìtela na jurìso ittù,

Io desideravo ritornare qui,
ce i theì mu cratènnane ncora ston Egitto, e gli dei mi trattenevano ancora in Egitto,
jatì 'e tos ìcha càmonta tes tartee sfaè perché non avevo sacrificato loro perfette ecatombi.
ce cini telùsane, i theì, Ed essi volevano, gli dei,
na vastafso sten nu panta ta simàdia-to. che mi ricordassi sempre dei loro avvisi.

Ambrò ston Egitto, e na sceri, vrìskete mian ìsola,

Di fronte all'Egitto, devi sapere, c'è un'isola,
èchi peri peri panta ta nerà tinammèna: tin fonàzune Faro, ha intorno un mare agitato: la chiamano Faro.
stei makrèa a' ti ghi posso to pratìsi È lontana dal continente il cammino
pu canni mia nave is mia imera, che fa una nave in un giorno intero,
poa pu tin ampònni apompì 'nan ànemo dinatò. quando le soffi dietro un forte vento.
Ce is utti ìsola, vrìskete 'na calò porto E in questa isola c'è un buon porto
epù sozi stasi calà: a cui si approda bene:
aputtù i marinari taràssune ancora me tes nave dikè-tto di qui i marinai prendono ancora il largo con le loro navi
dopu ca èchu’ fortomèna to nerò. dopo aver fatto provvista di acqua.

Ecì, pos èlona, mu cratènnane i theì jà ìcosi imère,

Là, come dicevo, mi trattenevano gli dei per venti giorni,
ce mai fènatto ànemi felastì né mai comparivano venti favorevoli,
na fisìsune a' to mero tos nerò tis thàlassa. che spirassero verso le acque del mare.
Ine cini, posi sceri, Sono quelli come sai,
pu ampònnune tes nave sto pratìsi-tto. che accompagnano le navi nella loro rotta.

Ce ìcha’ spiccèscionta to fai ce to pì,

E sarebbero venute meno le provviste
ce e dinamìe tos antròpo-mmu, e le forze dei miei uomini,
an ena a' tos theòs 'en ìche lipistònta se uno degli dei
ce en ìche avùta cumpassiùna afsemu. non aveva pietà e compassione di me.

Ce ìone i kiatèra tu dinatù Protèu,

E fu la figlia del forte Proteo,
o ghero theò thalassinò; il vecchio dio marino.

cùete Eidotea:

Si chiama Eidotea:
cinì evò trifèrena poddhì ti' cardia. a lei commossi vivamente il cuore.
Mu èrcato ambrò, Mi veniva incontro,
ivò pràtona manechò-mmu, larga a' tus cumpagnùnu: io vagavo solo, lontano dai compagni:

panta cini stèane votònta ja tin isola na piskèsciune me tus amu stravomènu,

sempre essi erano in giro intorno all'isola a pescare con gli ami ricurvi,
i pina tos stràvonne tin cilìa. la fame gli torturava il ventre.

Cini ccukkiètti, mu mìlise ce ìpe:

Lei mi si faceva vicino, mi parlò e disse:

"Ise pròbbio tosso anòito, zzeno,

‹Sei proprio tanto sciocco, o forestiero,
ce me ta mialà lafrà e di mente leggera,
oi finni na pane ta pràmata iu oppure ti lasci andare così di proposito
ce to canni deputào na patèsci? e godi a soffrire?
Apò tosso cerò meni stin isola! Da quanto tempo sei fermo nell'isola!
Ce 'en iscèri na vriki pose e’ nâggui, E non sai trovare una via d'uscita:
ce iu chànnete e intanto s'infiacchisce
i dìnami tos cumpagnùnos-su". l'energia dei tuoi compagni di viaggio.›

Iu mili, ce ivò tis epànta:

«Così parlava. E io le rispondevo:

"Su ascemolò, cispu esù ise mesa tes dèe,

‹Ti confesserò, chiunque tu sia tra le dee,
ca ivò ime cratemmèno ittù contra to tèlima dico-mmu, che io mi trattengo qui non certo di mia voglia,
ma àremu èndesa na vriso tus athanatus ma devo aver offeso gli immortali
pu stene stin mali anghera. che abitano l'ampio cielo.

Ma esù pe-mmu, i theì scèrune ticanene,

Ma tu rivelami, gli dei sanno tutto,
tis mesa stus athànatus mu cratènni ittù demèno chi fra gli immortali mi tiene legato qui
ce mu vaddhi ta ampodìmmata na tarasso. e m'ha impedito il viaggio.
Pèmmu a' to jurìsi, Dimmi del ritorno,
pos estàzo, pàonta apà stin talassa, ‘s tin chora". come giungerò per mare in patria.›

Ambrò ston Egitto vrìskete mian ìsola:
tin fonàzune Faro

“Iu mìlona,

«Così parlavo.
ce cini efsàfna mu epàntise, i theinì mesa tes dèe:" E lei subito mi rispose, la divina tra le dee:

Su leo, zzene, tartèa tartèa passo prama.

‹Ti conterò, straniero, con esattezza ogni cosa.
Pai votònta is utte mere, ena ghero thalassinò ce alitinò, Si aggira da queste parti un vecchio marino veritiero,
o athanato Proteo, a' ton Egitto, l'immortale Proteo d'Egitto,
pu nnorìzi olo to acàu tis thàlassa, che conosce le profondità di tutto il mare,
ce stei stin dulìa tu Posidone. ed è soggetto a Posidone.

Lene ti ene o ciùri-mu ce mu ghènnise.

Dicono che sia mio padre e mi abbia generata.

An anarìsi na to azziccòsi mènonta krifà krifà,

Se riesci ad afferrarlo mettendoti in agguato,
cino sceri na su pì a' to jurìsi-su, lui saprà dirti del tuo viaggio di ritorno,
posso e' makreo ce posso cerò teli la sua lunghezza e durata,
ce pos stazi ja tin thàlassa stin chora-ssu. e come giungerai per mare in patria.

Ce sceri na su pi, a' telìsi, spore tu Dia,

E saprà dirti, se vuoi, o discendente di Zeus,
ti recàtesce asce calò oi asce cacò sto spiti , che è avvenuto di bene e di male a casa,
satti pu esù ìstike larga, mentre tu eri lontano,
mesa utto dicò-ssu amètrito pratìsi, durante questo tuo vagare senza fine,
mesa guàita fse passo sorta". in mezzo a pericoli d'ogni sorta.›

Iu mili, ce evò tis epàntisa:

«Così parlava. Ed io le risposi:

"Vrìke-to esù to trabucco ja to ghero,

‹Escogita tu l'agguato al vecchio.
en ìtela na me mblèfsi oi na me cusi amprima, Non vorrei che vedendomi prima
ce na mu èffie. o avvertendo la mia presenza mi sfuggisse.

e' dìsculo ja 'na theò

È difficile che un dio
n’arti pezomeno afse ena pesanò àntropo". sia vinto da un uomo mortale.›
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com