Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Petti 24 Settembrìu 2020
Indicazioni:
Vedere note in calce.
A. Costa: I nazitìa tis Athena u Telèmacu (172)
I Athena nazitizi to' TelemacoVoce Antonio Costa

Odisseo

Tu epàntise i dea a' tà lamperà ammàddia, i Athena:

Gli rispose la dea dagli occhi lucenti, Atena:
"Ciùri dico-mma, cronide, o pleo ascilò tos vasilèos, “Padre di tutti noi, o Cronide, il più importante fra sovrani,
an jalìssia i macarii theì èchune sti' cardia se veramente i beati dei hanno a cuore
to tèlima tu jurìsi tu Odisseu sto spiti-ttu, che Odisseo torni a casa sua,
arìzome to' mandatàri, ton Èrmes stin isola Ogìgia mandiamo il messaggero Ermes nell’isola di Ogigia

Ermes, messaggero degli dei
na faneròsi amprìma sti' ninfa Calìpso perché al più presto manifesti alla ninfa Calipso,
to tèlima dico-mma, to jurìsi tu Odissèu: la nostra volontà sul ritorno di Ulisse:
plèrose o cerò na mbrazzòsi 'us dicù-ttu. sono maturati i tempi che abbracci i suoi.

Ivò amprìma e'na pào stin Ithàca;

Io quanto prima andrò ad Itaca;
tèlo na fidìso to pedì-ttu na piàki plèo sigòti. voglio aiutare suo figlio a prendere più coraggio.
Nghìzi na sianòsi tus akèus ce na tos pì Deve convocare gli achei ed informargli
cio pu ste ce cànnune i pròci: di ciò che stanno facendo i proci:
diavènnune to' cerò sciàscionta pròata ce vùja, passano il tempo ammazzando pecore e buoi,
cànnonta jortè sto palài tu Odissèu facendo feste nel palazzo di Odisseo
ce tèlune ca ena asce cinu e' n'armàsi ti' Penelòpe. e vogliono che uno di loro sposi Penelope.
Calipso ed Odisseo


E' na ton arìso sti' Sparta ce sti' Pilo arinòsa

E lo manderò a Sparta e nella sabbiosa Pilo
na vrìki nèa a' to jurìsi tu ciurù-tu, a cercare notizie sul ritorno di suo padre,
a’ cusi pràmata calà ce puru se sente qualcosa di buono ed anche
na piàki mes tus antròpu mia calì nomèa". che acquisti tra gli uomini una buona fama”.
Iu èle. Così diceva.

Ce èvale sta pòdia tus òrriu theinù crusafègnu sàndalu

E mise ai piedi i bei divini calzari dorati,
ca ti' pèrnane apànu sti' thàlassa ce stin amètriti ghi che la portavano sul mare e sulla terra sconfinata
antàma sta lafrà fisìmata tu anèmu. insieme con i rapidi soffi del vento.

Èbbike depòi 'na' mea lancùno me bronzìno pìzzo:

Prese poi la grande lancia con la punta di bronzo:
ìone 'na' lancùno varèo, chrondò, pachèo, era una lancia pesante, grossa e massiccia
ce me tuo 'mbelì tes filère tos iròos, con la quale abbatte le schiere degli eroi,
i kiatèra tu dinatù ciurù an lissestì me cinu. la figlia del forte padre, se si adira con loro.

Ìrte acàu petònta a' tà kirimìzia tu Olimpu,

Venne giù volando dalle cime dell’Olimpo,

Atena dall'olimpo scende ad Itaca
èmine sti' chora tis Ithàca, sto palài tu Odissèu, si fermò nella città di Itaca, nel palazzo di Odisseo,
sto' simpòrto isa isa panu sto' limbitàri tu portarùna nell’atrio, pari pari sulla soglia del portone
ecì pù mbenni stin avlì. lì da dove si entra nel cortile.

Evàsta sti' chèra to' lancùna,

Aveva nella mano la lancia,
èmiaze ‘s an zzèno, somigliava ad uno straniero,
sto' Mentore, vasilèo tos Tàfos. a Mentore, re dei Tafi.
Ìvrike pos ìane i ànghisti pròci: Costatò chi erano i superbi proci:
ambrò sti' pòrta tu spitìu davanti alla porta della casa
javènnane to' cerò pèzonta sta contrìcia, passavano il tempo giocando a dadi,
caimmèni panu sta dèrmata tos vudìo stando seduti sulle pelli dei buoi
pu ìchane sciàscionta me ta chèrria-to. che avevano ammazzato con le loro mani.

Ìchane stin dulìa-to campòssu polemàntu:

Avevano al loro servizio parecchi lavoratori:
asce tùtu mia mìra ìsmie di questi, una parte mescolava
crasì me to nerò sta pisària, vino con l’acqua nei crateri,

Servi che mischiano il vino con l'acqua
addhi, plènane tus piattu me altri lavavano i piatti con
ta spungària ce tus sianònnane, le spugne e li riponevano.
ce addhi ncora còttane ta Altri ancora tagliavano carni
plenterùsa crèata ce ta ettìnnane. in abbondanza e le arrostivano.

O protinò na ti’ torìsi ìone o Telemaco, isa isa san theò;

Il primo a vederla fu Telemaco, simile ad un dio.
càtize me tus pròcius pricò ce lipimmèno, Sedeva tra i proci afflitto e triste,
pènse sto chrimmèno-tu ciùri, pensava al valoroso padre,
an àremu jùrize apu cammìa merèa se mai tornasse da qualche parte
ce tus ègguale apù cìtto spiti e gli scacciasse da quella casa
ce jùrize nâchi tin ascilìa-ttu e riprendesse la sua dignità
ascè ria pos mia forà di sovrano come una volta
ce na ìone mapàle o aftènti tu palài-tu. e fosse di nuovo il padrone del suo palazzo.

Me citta pensèrria càize me tus pròciu':

Con quei pensieri sedeva tra i proci:
ce nah, tu fàni i Athena. ed ecco gli apparve Atena.
Pìrte cirtèa sto' simpòrto ce lipìsti sti' cardìa Andò verso l’atrio e si mortificò
jatì 'na' zzèno òspito ìche na mini perché un ospite straniero dovesse
tosso cerò sto limbitàri. rimanere tanto tempo sulla soglia.
Tu ìbbie cùkkia, tu èsfisce ti 'chèra, Gli andò vicino, gli strinse la mano,
ècame na tu dòki to' lancùna to bronzìno ce tu vòta lòja: si fece consegnare la lancia di bronzo e gli rivolgeva parole:
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2020
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com