Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
A. Costa: Immacolata Concezione
I anamàrtiti plasi tis Maria L'immacolata concezione di Maria.

Is ittò cerò o Theò àrise ton ànghelo Gabrieli

In quel tempo Dio mando l'angelo Gabriele
is mia chora tis Galilèa, nomatimmèni Nàzaret, in una città della Galilea, chiamata Nazaret,
is ena koràsi, pu iche n’armastì me 'nan àndra a una vergine, promessa sposa di un uomo
atto spiti tu Davide, pu iggue Ciseppi. della casa di Davide, chiamato Giuseppe.

To noma tu korasìu ìone Maria.

La vergine si chiamava Maria.

Mbènnonta sto spiti–tti, tis ìpe:

Entrando da lei, disse:
"Cherèstu charitomèni, o Kìrios me sena." «Rallegrati, o piena di grazia, il Signore è con te».

Cini , kùonta ùtta lòja èmine ntropiammeni

A queste parole ella rimase turbata
ce rotìato ti èrkato sto pì ùtto cherètima. e si domandava che senso avesse un tale saluto.

Os ànghelo tis ìpe:

L'angelo le disse:
"Mi ' foristì, Maria, jatì ìvrike chàri ambrò sto Theò. «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio.
Ce nah , e' na plasi ' na pedì, Ecco concepirai un figlio,
e' na to jennìsi ce e' na tu vàli to nòma Jesù. lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.
E' na jettì mea ce fonammèno pedì tu Panapsilìu; Sarà grande e chiamato Figlio dell'Altissimo;
o Kìrio o Theò e' na Tu doki ti' vasilìa tu Davide, o Ciurì-tu, il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre
ce e' na vasilèfsi jà panta apànu sto spiti tu Jakòbbe; e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe
ce I vasilìa-Tu e' na kulusìsi àthanati. e il suo regno non avrà fine».

Pòkka i Maria tûpe:

Allora Maria disse all'angelo:
"Pos sòz'este tuto? ' «Come è possibile?
E' norìzzo àndra". Non conosco uomo».

Tis apàntise os ànghelo:

Le rispose l'angelo:
" O Àghio Nòima e' nâkkatevì apànu-Ssu, «Lo Spirito Santo scenderà su di te,
ce i dinamìa tu Panapsilìu e' na Se sciopasi me ton ascìo-Tu. su te stenderà la sua ombra la potenza dell'Altissimo.
Ja tuo cino pu e' na jennisì, eghennìete Àjo Colui che nascerà sarà dunque santo
ce èrchete fonammèno pedì tu Theù. e chiamato Figlio di Dio.

Ce nah : I Elisabetta, tin exaderfì-su,

Ed ecco i Elisabetta, tua parente,
sta gheramatà-ti èmine ètimi, nella sua vecchiaia, ha concepito un figlio
ce echi già esce minu e questo è il sesto mese per lei,
ce oli tin kratènnane alonàra: che tutti dicevano sterile:
en èchi tìpoti pu o Theò e’ sozi ". nulla è impossibile a Dio».

Ce i Maria ìpe:

Allora Maria disse:
" Nati i dula tu Kirìu: «Eccomi, sono la serva del Signore,
os erti is emèna cio pu ipe". avvenga di me quello che hai detto».
Ce o ànghelo jùrise. E l'angelo partì da lei.
Lòo tu Kirìu. Parola del Signore.

voce: Antonio Costa.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com