Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
Classici: Desperao
da "loja ce rize
Jà desperào' tes porte tuzzeo Busso alle porte per disperazione,
Forsi ti o nfierno ti me ricivei Chissà che l'inferno non m'accolga,
Ce khari tu Lucìferu jureo E grazia a Lucifero domando
N'àmbo ecì cau ti forzi rifischeo. Di entrarvi, ché lì, forse, avrei la pace.

O diàvalo pleo mmea mu rispundei:

Ma il diavolo più potente mi risponde:
Eclisti e porta c'e' tèlome pleo; Chiusa è la porta, non accettiam nessuno,
Ena pu pànutu fotian vastà, E chi con sé porti il suo fuoco
N'àmbi 'ttossu, khonei olus emà! Entrando qui ci brucerebbe tutti !

Osso pu ida ti' porta ti e' mu nìi

Vedendo che la porta non s'apriva
C' ipa ti ton anfierno tos khoneo E udendo che l'inferno avrei bruciato
Pirta 'sti' tàlassa na dò mi 'cì Andai a veder se almeno nel mare
Utti' mali ' fotìa-mmu in estudeo Potessi io spegnere il gran fuoco;

scònnete mia tempesta dinatì

Ma s'alzò una forte tempesta
Ascimi tosso pu e' tin ida pleo Brutta come non si vide mai
Ce pu me Cini mia fonì pu lei: E da quella una voce s'udì dire:
Min embi ti e fotìa-su me sicchei Non gettarti che mi prosciugheresti.

E' me tèlise e tàlassa de e ghì

Non mi volle ne il mare ne la terra
A' ton anfierno ime descacciao E scacciato son pure dall'inferno
Ercome 'mbrò sse sena agapitì; Vengo davanti a te, amore mio,
Mbirusinnu me teli desperao? Possibile che mi voglia disperato?

Turca tirànna c'en ekhi fsikhì?

Turca e tiranna, anima non hai?
Do-mmu ti' medecina ti e na jào; Dammi la medicina per guarire
O giacca t'ise u sòma-mu padruna O, giacché del mio corpo sei padrona,
Sfàfse-me ti su canno remissiuna Uccidimi, che ti perdonerò.

Sfàfse-me ti su canno remissiuna

Uccidimi, che ti perdonerò
Agapi giacca m'eis nzignammena Amore, ché hai cominciato a farlo
Pe-mmu ti ekhi' pu fse-mu cumpassiuna Dimmi che di me hai compassione
càme-mu, dopu, cìppu stei s se sena E fammi, poi, quel che a te sta a cuore.

Do-mmu trumentu ce tribulaziuna

Dammi tormenti e tribolazioni
Ola ta pianno, agàpi-mu, ja sena Tutto sopporterò per te, amore mio,
Mu sozi' dochi pene ce martìrria Puoi darmi tu pene e martiri
Ola possa mu canni m'ù' piacìrria. Per me ciò che mi fai mi fa piacere.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2023
© www.rizegrike.com