Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Travuddia: Matinata
da "Loja ce rize"voce: P.Dimitri

Tusi nifta t'en' glicea,

Com'è dolce questa notte,
T'en' prikì tusi cardìa! com'è triste l'anima mia!
Steun andama stin follea Stanno insieme nel nido
Ce agapìunte ta pullia. Gli uccelli e si amano.

Ma climmeni en' tusi porta,

Ma la tua porta è chiusa,
Tutto spiti è' scotinò, Ma la tua casa è buia;
C'evò cleo tin mavrin sorta, Io piango la nera sorte,
Manechò-mu travudò. E solitario canto.

Arte axunna, agapimeni,

Ora svegliati, amore,
Ce affaccefthu na se dò: E affacciati perché io ti veda:
Is t'ammàtia-su demeni Ai tuoi occhi legata
Tin zoellan-mu cratò Tengo la mia vita.

Olimera to pullài

L'intero giorno l'uccellino
Apetà sucea-sucea, Vola di fico in fico
Ma sionònnete to vrai Ma rientrando la sera
C'echi gheno stin follea. Trova chi l'attende nel suo nido.

Ma to spitin-mu en' climmeno,

Ma chiusa è la mia casa,
To crovattin-mu en' psichrò Il mio letto è freddo,
Tinòn echo, tinòn meno, Non ho nessuno, nessuno aspetto
Seru sena p'agapò. All'infuori di te, che io amo.

Arte axunna, agapimeni,

Adesso svegliati, mia amata,
Ce affaccefthu na se dò: E affacciati perché ti possa vedere:
Is t'ammàtia-su demeni Ai tuoi occhi legata
Tin zoellan-mu cratò. Tengo la mia vita

Ospu en erthi pale i mera

Finchè non viene nuovamente il giorno
Na me siri apò 'thumpì, A portarmi via da qui,
I kitarra acau stin chera La chitarra sotto le dita
Suspirei ce cantalì. Sospira e canta.

Ma to spitin-su en' climmeno,

Ma chiusa è la tua casa
Meni panta scotinò; E sempre al buio resta;
Ce ston ànemon simeno, Io suono al vento,
Is to fengo travudò. E canto alla luna.

Stasu, plàghia, agapimeni

Riposa, dormi, amore,
Ivò pao prikò prikò, Io mi allontano in pena,
Ma st'mmàtia-su demeni Ai tuoi occhi legata
Tin zoellan-mu cratò. Tengo la mia vita.
Domenicano Tondi
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com