Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Travuddia: Mànammu
da "lòja ce rize".da voce: G.Fazzi.
Manammu. A mia madre.
Mana caleddha, agàpi mu vloimeni Mamma cara, amore santo,
kharà, gliciada, ìglio tis cardìa, Gioia, dolcezza, sole del mio cuore,
ja mena ise e pleon òrria janomeni Per me sei fra tutte la più bella,
Ce addhi sa' cce sena en ei cammia. Ed altro che ti eguagli non ve n'è.
C'en ecchitei macà ti sù vecchieni, E non importa, no, che tu invecchi
E' cchitei ti su 'sprisa ta maddhia, Non m'importa che ti si imbiancano i capelli,
Esù ise panta e pleon agapimeni Tu sei sempre la più amata
Ce ja mena 'su meni panta mia. E per me tu resti sempre quella.
Addhes agàpes èrcutte ce pane Altri amori vengono e vanno
Atti' cardìa ma lìpi, mma kharà, Dal cuore con dolore e con gioia
Sa citta astèria pu es forè ttorì Come le stelle che, talvolta, vediamo,
Pu ss'ena ppunto nàftune, lustrèune D'improvviso accendersi e brillare
Ce osso khànnutte, mme sta scotinà; Per disperdersi, poi, nell'oscurità;
E agàpi su vloimeni e ppanta 'cì! Ma l'amore tuo Santo resta sempre.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com