Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Travuddia: Aftenti-mu
da "lòja ce rize".voce: Thonia Diakidis.
Aftènti-mu. Mio signore.
Arte ca efie o Mai ce èrchete o caloceri Adesso che maggio è passato e viene l’estate
O tseno nghizzi na pai ghia ta dica-tu meri, il cavalier straniero deve partire per la sua terra,
nitta sellèi o ampàri-ttu m'i sella asimegna di notte sella il suo cavallo con sella d’argento e
ma tes òrrie briglie ma perlàcea ndimene... con le briglie rivestite di perle.
Ce o coràsi pu o agapà, e cori pu to teli La ragazza che lo ama, la ragazza che lo vuole
ekhi cau ta maddia ce ta maddhìa limmèna. abbassati ha gli occhi e sciolti i capelli.
Lustro tu kanni m'o cirì, Gli fa luce con una candela
miùli vasta sti khera. ed ha un bicchiere ha in mano.
Passo' forà pu tu di na pii, tosse forè tu lei: Quante volte gli porge da bere, tante volte gli dice:
“Pàre-me aftènti pàre-me na mino evò ma sena Portami mio signore, portami con te
Na marètso, esù na fai, ce na stròso ce na plosi, cucinerò per te, accomoderò il tuo letto
na stròso to cràtti-mu, sima ma to diko-ssu”. metterò il mio letto vicino al tuo
Pàre-me aftenti pàre-me n’ame simà ma sena... portami, mio signore, portami a stare con te.
Ce o tsenos ca tin agapà ce o tsenos ca tin eteli, IL cavaliere che la desidera, lo straniero che la ama
ti khera ti' filì, ti' rispondei ce lei: baciandogli la mano, così gli risponde:
“ecì pu pao agàpimu, coràsia e fènutte la dove son diretto non ci sono ragazze,
manekhò àntrepi pane ecì, manekhò paddhicaria”. solo uomini, solo giovani vanno lì.
Ecìni o' pracàli ma dàmmia sta ammàdia: E lei con le lacrime agli occhi lo prega:
“Ndise-me aftènti san esèna, doche-mu tse àntrepo rukha fammi vestire come te, dammi abiti da uomo
ce ena ampàri lafrò mi crusafègna sella e dammi un cavallo veloce dalla sella dorata
ce evò e' na siro san esèna, san’ena paddhicàri. che io verrò con te, come fossi un cavaliere.
Pàre-me aftenti pàre-me n’ame sima ma sena... Portami, mio signore, portami con te
Pare-me aftenti pare-me n’ame simà mà sena... portami, amato mio, portami a stare con te.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2020
© www.rizegrike.com