Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
Pascali: E fognature
Arte elèuneAdesso dicono
ka e' na mas kàne. che ci devono fare (le fognature.).
Ekhi tri forè, Ci sono tre volte,
evò ìme domèna tris forè io ho visto tre volte
ka nzignùne cominciare
na kàne e fognatùre: a fare le fognature:
protinì forà la prima volta
ìkhe o Cìcciu tu Fùsu, c'era Ciccio Fuso,
o Lucìnto Lucinto
ce o karrozzìni: e Carrozzini (come amministratori):
"facimu le fognatuea". "facciamo le fognature".
Ncignàsane pu 'ttu pu stim mèsi Cominciarono da qua, dalla piazza
ce kulusùsane 'tturtèa, e hanno continuato fin da queste parti,
etturtèa stin vìa, da questa parte alla via,
sti stràda ti kalimèra. alla strada di Calimera.
Ce 'ci simà èkhi e fognatùre E lì vicino ci sono le fognature
pò tòa, motti evò ìmone petài. da allora, da quando io ero piccolino.
En ìkhe e stràe. Non c'erano le strade ...
Ce ti èkhi ecì simà? E cosa c'è li vicino?
Ah? Ah?
Ce ti èkhi, mìa fòssa màli? E cosa c'è, una grande buca?
Nde mìa fòssa, No una buca,
o kanàli il canale
O kanàli! la tubazione!
atti fognatùra: della fognatura:
elèane ka e' na kàne e fognatùre. dicevano che devono fare le fognature.
Ce pu eguènni? E dove sbuca?
Pùpeti! Da nessuna parte!
En guìke pùpeti, Non è sbucato da nessuna parte,
jakài spiccèfsane e sòrdi perché finirono i soldi
ce mìnane ngattài cikàu e rimasero sepolti lì sotto,
cikàu sto khòma sotto terra
ce espìccefse ecì. ed è finita là.
Cini epiàka tu sòrdu Quelli si son presi i soldi
pòssu [ìkhe], quanti [ce n'erano],
epiàkane!, epolemìsane! presero!.. lavorarono!
Allòra mìan àddhi forà Allora un'altra volta
enzignàsane na kàne e fognatùre, cominciarono a fare le fognature,
spiccèfane e sòrdi, son finiti i soldi,
es klìsane matapàle le chiusero nuovamente
ce es èkhi akàu sto khòma e stanno sotto terra.
Ce pu, pu te kàmane? E dove, dove le fecero?
Eh, pu te kàmane, Eh, dove le hanno fatte
mes to paìsi pu Martàna. in mezzo al (per il) paese di Martano.
Evò esòzo fsèri? Io posso sapere?
ka evò en ìmone, Che io non ero,
en ìmone ... non ero ...
Efsèri jatì elèo ìu? Sai perché dico così?,
jatì apà sta Frèata perché sulle Pozzelle
es ìkhe e fognatùre. c'erano le fognature.
Ma en ìkhe, en e' ka ìkhe fognatùre, Ma non c'erano, non è che ci fossero le fognature,
[..] [...]
O kanàli ediavenne! Il canale passava!
O kanàli. il canale.
Ediàvenne ecisimà! Passava lì vicino!
Vuol dire pùru cipàu potia essere Vuol dire che anche lì "sopra" poteva essere.
Artena ekàmene na diavì an àddho adesso anno fatto passare un altro.
Artena èkhi Adesso c'è
tutton, ùtton àddho questo, quest'altro
pu ìkh.., èkhi.. che c'è, c'è,
ka enna piàme devèru ... che dobbiamo prendere veramente,
pu lèune ka en devèru. che dicono che è vero (che si sarà l'allaccio alle fogne). .
Ekàmane e spìse, Hanno fatto le spese, (hanno pagato)
già èkhi dìo tri, khrònu, sono già due tre anni,
ka es kàmane ka ekàmane che le hanno fatto perché hanno (fatto) costruito
e depuràtori i depuratori
cistèa ti stràda apù sto Vràni. da quella parte alla strada di Borgagne.
O karpignàna e' prònto Carpignano è pronto
afse dìo khrònus ampì. da due anni fa.
E' ghenomeni, esteise prònto, E fatta (la fogna), è pronta,
na nìfsune e' na kàne, aprire devono fare (non devono far altro che metterla in funzione)
na fèrune o depuratòre a portare il depuratore (l'acqua depurata)
depòi apù mes ta koràffia, poi in mezzo ai campi,
ekàmane a kanàja mes ta koràffia. hanno fatto (messo) i canali tra i campi.
Ma en e' ka lèune: Ma non è che dicano:
"tùo e' pràma prioritàrio, "questa è cosa prioritaria,
pràma afse urgènza". cosa urgente".
Ka già e' tikanè pronto! Che è tutto pronto!
Ndè, pensèu na kàne diskòrsu No, pensano a fare discorsi
ce scemènze e stupidaggini
ce en lèun mài: e non dicono mai:
"tùo ène o pràma to plèo, "questa è la cosa la più
plo, plo la più, la più
o plèo urgènto ka tikanène". la più urgente di tutto."
Jakài èkhi Perché c'è
o depuratòre e' prònto. il depuratore che è pronto.
O karpignàna, Carpignano,
jakài emì stème legài m'o karpignàna. perché noi siamo legati con Carpignano.
karpignàna ce Martàna, Carpignano e Martano,
use fognatùre queste fognature
e' ja dìo pòstu: è per due (posti paesi):
o karpignàna ce o Martàna. Carpignano e Martano.
Cìo e' prònto, Quello (Carpignano) è pronto,
o kanàli na pài ecì il canale che va lì (al depuratore)
e' prònto, è pronto,
apù Martana, da Martano
però àrte stèo fèrmi. però adesso sono fermi.
En esssero jatì estène fèrmi. Non so perché stanno fermi.
Ma a kanàja Ma i canali
diàvènnune pukanène. passano dappertutto.
Ta kanàja ta èkhi pukanène, quasi, quasi. I canali ci sono dappertutto quasi, quasi.
Eh, eh, t'àkhi pukanène. Eh, he, ci sono dappertutto.
T'àkhi pukanène! Ci sono dappertutto!
Ce allòra u sòrdu, E allora i soldi,
u sòrdu, jakài e' lèune: i soldi ( se non bastano) perché non dicono:
"vàlete akatò khijae lìre passonèa "mettete centomila lire ognuno
a telìsete na spiccèfsete se volete finire
ùtto pràma" questa cosa".
En efsèrune pu e' na vàddhune(vàlone) ta nerà Non sanno dove mettere le acque.
Ta nerà mes ta koràffia epàne! Le acque in mezzo alle campagne vanno!
Mes ta koràffia?Si!! In mezzo ai campi? Si!!
Jakài a nerà.. Perché le acque..
Motti epàne mes ta koràffia? Quando vanno in mezzo ai campi?
O kalocèri! L'estate!
O kaloceri, ce o scimòna? L'estate e l'inverno?
Ce o scimòna E l'inverno
pos kànnune n'o mbelìsune mes to koràffia come fanno a gettarla in mezzo ai campi
o nerò? l'acqua?
O nerò pu, o nerò pu L'acqua del, l'acqua del,
atto cìno di quello
Atto depuratòre Del depuratore
Atto depuràtore ' già del depuratore già
o sòzi pìi! la puoi bere!
Eh, sòzi pìi! Eh, la puoi bere!
Esòzi pìi! Puoi bere!
ka allòra jakài es Galatina, E allora perché a Galatina,
es ta spitàja negli ospedali
èkhi o depuràtore? c'è il depuratore?
ka cìo pu nìi m'o cìno, Che quello che apri con quello,
motti kànni nìi to rubinètto quando fai, apri il rubinetto
pu 'cì sta spitàja, di là negli ospedali
depurào ène! depurata è (l'acqua)!
Depurào, ma èrkete pànta atton acquedotto! Depurata, ma proviene sempre dall'acquedotto!
[...] [...]
Eh, makà atte fògne! Eh, altro che dalle fogne!
Ce allòra pu pài depòi cìo matapàle? E allora dove va quella( l'acqua) di nuovo?
Ste fògne! Nelle fogne!
Ste fògne, ste fogne pài. Nelle fogne, nelle fogne va.
En efsèro pu t'ènna pài, pu enna pài! Non so dove deve andare, dove deve andare!
Ja tùo en enìttune. per questo non aprono.
Ma cìa atte fognatùre Ma quelle delle fognature
e' gia prònta. è già pronta (si sa dove dovevano andare)
E' gia prònta! E' già pronto!
E' già prònta. E' già pronto ...
Ma mòtti egomònnete o depuratòre, Ma quando si riempie il depuratore,
o nerò pu to vàddhane? (vàddhune) l'acqua dove la mettono?
'Turtèa, sta koràffia! Da questa parte, nelle campagne!
'Tturtèa sta koràffia! Da queste parti, nelle campagne!
ka en depurào! Che è depurata!
Ma an ène o kalocèri pài Ma se è estate vai
ce anìi a spirì, ed apri un poco (per irrigare),
o scimòna t'enna kài? l'inverno cosa devi fare?
O scimòna, o scimòna e' to stèsso, L'inverno, l'inverno è la stessa cosa
jakài cì o nerò apù mes ta koràffia, perché lì l' acqua di mezzo alle (per le) campagne ...
ti pistèi ka a koràfi che pensi che un campo
etèli a lìtro nerò? vuole (abbisogna di) un litro di acqua?
o ja khòma. o per la terra ( da coltivare).
ka esù, o koràfi-ssu Che tu, il tuo campo
a voja pòsso cìno hai voglia quanta di quella (acqua ti servirebbe)
an esèa se a te,
es fse sèa en èkhi o rubinetto, da te ( nel tuo campo) non c'è il rubinetto (l'allacciamento)
ma cìni ka t'òkhune, ma quelli che ce l'hanno
eh na gomòsi perché si riempia
mìa kònka nerò una conca di acqua
missìa pensefsi ka tèli a spirì, non pensare che ce ne voglia un poco,
jakài ... perché ...
Esù e' na pensèfsi ka èkhi dìo paìssia Tu devi pensare che ci sono due paesi
ka mbelùne pànta nerò. che buttano sempre acqua.
Pànta nerò. Sempre acqua,
kuài misèria cìni quale miseria quella
j'a koràffia. per le campagne.
O khòma La terra ...
E' ti (to) kordònni mài afse nerò, Non la sazi mai di acqua
jakàci cìo e' nerò ka o sòzune mbelìsi, perché quella è acqua che la possono usare,
en e' ka e' nerò fiàkko. non è che è acqua cattiva,
en depurào, de! è depurata, no!
En depurào. E' depurata.
Epiànnu cìo apù ti tàlassa Prendono quella del mare
ce o depurèune. e la depurano.
kànnune tikanè, kànnune, Fanno di tutto, fanno,
ma en efsèrume jatì estèi ma non sappiamo perché sta..
òlo ìu ankòra. tutto così ancora.
Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2023
© www.rizegrike.com