Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Pascali: O Bonsignòre
Mìa forà rikordèmeUna volta mi ricordo
ka ìbbie o bonsignòre es kascignàna. che il vescovo si recava a Castrignano.
Ce es kascignàna epài o bonsignòre, E a Castrignano va il vescovo,
ce es kascignàna pài o bonsignòre!. e a Castrigano va il vescovo!
Eh, ma evò ìkha na kratèso o petài, Ma io dovevo accudire al bambino,
ìsoza pài s kascignàna ma cìo? potevo andare a Castrignano con lui?
Ikha na pào ma t'àddha rèdi, de!, Dovevo andare con gli altri ragazzi, no!,
pàru ma mèa. pari a me (miei pari).
Ce pìrtamo dìo, tri. E andammo due, tre.
Ipà evò is mànamu: Dissi a mia madre:
"emì, evò pào ce n'àrto pu kascignàna "noi , io vado e vengo da Castrignano

Chiesa di Castrignano dei Greci.
ka èrkete o bonsignòre.". ché viene il vescovo.".
"Ma tèla prèsta", ìpe cìni,"ka evò ènna marèfso.". "Ma ritorna presto", disse quella, "che devo cucinare.".
"Sìne.". "Si.".
Ipa sìne, epìrta ecì. Dissi di si e andai lì.
O ka u fàni ka ìmo kalùddhi, u bonsignòre, O che al vescovo gli sembrai carino
o pos pài o fàtto, mu zakkònni i khèra o come va il fatto, mi afferrò la mano
ce e' me fìnni makà plèo. e non mi lasciava più.
Ce ka evò ìkha n'arto na ... E che io dovevo ritornare per ...
ka enna ìkha na piào o pedài! che dovevo prendere il bambino!
[...] [...]
Ce e' m'èfinne ce e' m'èfinne, ... E non mi lasciava e non mi lasciava;
Me pràise fòrzi ìmisin òra diavemmèni, mi camminò forse per mezz'ora passata,
pànta ma mèa eprài ecèssu, sempre con me camminava lì dentro,
ce èkanne votarèddhe votarèddhe e girovagava
ecèssu stin agglisìa dentro la chiesa.
ce o bonsignòre fòrzi u piàcefsa Al vescovo forse gli piacqui
ce me kràte pànta ma cìo. e mi teneva sempre con lui.
[...] [...]
Ikha na ... Dovevo ...
enn ìmu, enn ìmu fse cìo pu katàrrone evò Non ero, non ero di quelli che bestemmiava io,
E' mmu piàce na katarrèfso, però ... non mi piaceva bestemmiare, però ...
Ma cìo e' t'ùfsere! Ma quello non lo sapeva
Eh! Eh!
E' tto ìfsere. Non lo sapeva.
Cìo en ìfsere tìpoti ka evò Lui non sapeva niente che io
ìkha na pào es ti cìni de! dovevo andare da quella no!,
Na kratèso o pedì. per tenere il bambino ...
Nzòmma, e' pìrta ..., Insomma, non andai,
mòtti ìgguone ka pài o bonsignòre quando sentivo che andava il vescovo,
mài pìrta plèo. mai ci andai più,
ka cìo me zàkkonne. che lui mi afferrava.
Epistèi ka ène afsèmata. Pensi che siano bugie?
Dègghe, dègghe en ène afsèmata. No, no, non sono bugie.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com