Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Medico: O chiùmbo to lèfto en embènni
Ce depòi!E dopo!
Ecì ìbbie j'on assàri. Là andava per il pesce.
J'ò assari. "J'o assari".
J'assàri. J'afsàri manekhò. "J'assari". Per il pesce soltanto.
Dègghe j'on assàri, No "j'on assari",
j'assàri. "j'assari".
J'afsàri. "J'afsari".
J'afsàri, j'afsàri. Per il pesce, per il pesce.
Ce ma ti on èbbie, E con cosa lo prese (prendeva)
ma ti t'òbbie? con cosa lo prese (prendeva)
Ma ti t'òbbianne? Con cosa lo prendeva?
Mòtti ìa stasciùna ka ìsoza pàri i skioppètta Quando era stagione che poteva portare il fucile,
èperne i skioppètta pòi, portava il fucile,
jakài cìo m'i skioppètta perché egli con il fucile
en esbàje, eh! non sbagliava.
E' sbàje! Non sbagliava!
En esbàje, Non sbagliava,
pòsso ìstinne ìstinne. quanto stava stava (in profondità).
Cìo ìfsere pòsso estèi akàu, pòsso ..., Egli sapeva quanto stava giù, quanto ...,
jakài an ìstinne poddhìn akàu perché se (il pesce) stava molto giù,
o kiùmbo to lèfto Il piombo sottile
en embènni cèssu o nerò. non entra penetra l'acqua;
Embènni però ... Entra, però
efsikhrèni de_botta de! si raffredda subito, no!,
Oltre ka fsikhrèni, kànni ìu eh, oltre a raffreddarsi, fa così eh!,
cio esìete, quello si sposta,
e' pài dritta, non procede diritto,
allòra an estèi akàu etèli pràmata plèo màla. allora se (il pesce) sta giù ci vogliono cose (proiettili) più grandi.
Ekànnamo es pallìne, Facevamo le palline,
pàddhe tùnde, makà makrèe palle rotonde, non allungate
ka sandè eskòppie de! altrimenti scoppiava, no!,
[eghènato] cèssu ìu dentro [diventava] così!
Tùnda. Rotonda.
Eghènato? Si faceva?
Es kànnamo emì. Le facevamo noi.
Eghènato 'cessu? diventava dentro?
E' nòisa, Non ho capito,
"eghènato ecèssu" ìpe? "diventava dentro" hai detto?
Tùnde es kànnamo emì. Di forma tonda le facevamo noi.
Makrèa e'tin ìsoze vàli Lunga non si poteva mettere
jakài estravònnato perché si torceva
Estravònnato. Si deformava.
ecès sto kannùli dentro la canna (del fucile)
Eh! Eh!
ce skiàtte depòi cìo de! e scoppiava poi quello no!
Eskiàtte o kannùli, Scoppiava la canna,
enòisa, enòisa, enòisa. ho capito, ho capito, ho capito.
En ìsoze vàli, Non potevi mettere (proiettili inadeguadi),
ìkhe n'àne a pràma na pài sòzio sòzio. doveva essere una cosa che ci andasse precisa precisa.
Ce an ìstike nimmèni i kàccia, E se stava aperta la caccia,
Animmèni? aperta?
Mòtti ìane anittì e kàccia, de, Si quando stava aperta la caccia, no!,
ìsoze pài m'ì skioppètta, si poteva andare col fucile,
en ìa proibbìto non era proibito
na stàsi sti tàlassa tòa allora arrivare al mare,
o ecì sti Lìmini. o là alla Limini.
En ìkhe kontròllu en ìkhe tìpiti, Non cerano controlli non c'era niente,
isoze pài na sparèfsi. si poteva andare a sparare.
Pùru ka ìbbie o guardìano, Anche se andava (passava) il guardiano
cìni efsofùsane ecì, - quelli morivano là -
os èperne a spirì tabàkko, gli portava un po' di tabacco
spirì tabàkko ka [lèane] un po' di tabacco che [dicevano]
ka e malària us èdre, che la malaria li mangiava,
o 'a spirìn alèvri, o un poco di farina,
ka [...] cìo m'i bàrka ediàvenne che lì quello (il guardiano) con la barca passava,
en e' ka kùane e bòmbe ka sparèane non è che sentendo le bombe sparare
ka pìane, intervenivano,
e' pìane. non ci andavano.
Cìo espàre pràmata kèccia. Quello (il padre cacciatore) sparava cose (bombe) piccole.
Cio.. però cìo en ìsoze pài Quello però, quello non poteva andare
ecì ka ìkhe poddhì nerò là dove c'era molta acqua
ka cìo mòtti èstaze ttusumà che quello quando (gli) arrivava (l'acqua) qui vicino
ekàni, de! bastava, no!
Eghiùrize ampì. Tornava indietro.
Ekiùrize ampì. Tornava indietro.
Ce mòtti ìstike ... E quando stava ...
Ma èbbianne, Ma (ne) prendeva,
ja pòsso nerò, per quanta acqua,
ja pòsson èmbenne cìo per quanto si inoltrava quello
avòja afsària màla. ne hai voglia di pesci grandi.
Ebbienne afsàri, ja cìo ... Prendeva pesce, per ciò che ...
Cìo ìfsere pòsson e' màla, Quello sapeva quanto fossero grandi,
ìfsere pu t'àkhi, sapeva dove stavano,
ìfsere ti kànnune 'cikàu. sapeva cosa facessero lì sotto.
Cìo ta tòri pànta, Quello li vedeva sempre,
evò e' tòro' tìpoti. io non vedevo niente.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com