Rize Griche
Cuse: mili o Grico
Ascolta: parla il Grico
Deftera 21 Ottobrìu 2019
Indicazioni:
Vedere note in calce.
Pascali: Fàe tirì!
En ìkhe artièru!Non c'erano artigiani
Artièri pesènane afse fài tòa. Gli artigiani morivano dalla fame allora.
Artièri pùru, ìkhe kanèa, Artigiani anche, c'era qualcuno,
ìkhe o skarpàri, o skarparài, c'era il calzolaio, il ciabattino
ka ìbbie es sta spìddia es ghiurnàta, che andava nelle case a giornata,
ce u dìan na fài. e gli davano da mangiare.
Su o fàtto cinù pu, Tu il racconto di quello che,
ka cìo, o skarpàri, ìbbie ma, m'on discìbbulo. che quello, il calzolaio, andava con il garzone.
Epìan, ìkhe discìbbulu na pàne, andavano, c'erano garzoni per andare,
ce depòi epirtane sti mmassarìa, e poi andarono alla masseria,
epìrtane es kammìa massarìa na na stiasune e skàrpe, andarono in certuna masseria per, per riparare scarpe,
jakài skàrpe a pàru ìkhane. perché di scarpe un paio possedevano e (con quelle)
Ikhan na pàne stin agglisìa, dovevano andare in chiesa,
ìkhan na pàne pukanène ma cìe, dovevano andare dovunque con esse,
m'itte skàrpe; con quelle scarpe;
es pulizzèane mo nivrufùmu. le pulivano col nerofumo.
Allòra depòi mòtti, mòtti èstase Allora poi quando, quando si fecero
ka ìkhan na kàne merènda, le nove che dovevano fare merenda,
eh o massàri ìkhe o tirì de!, il massaro aveva (messo a tavola) il formaggio, no!,
ma ìkhe pùru sponzàja, ma aveva anche degli "sponzali",
òrria sponzàja ìkhe. bei "sponzali" (stelo di cipolla senza bulbo) aveva.
krimbìddia. Cipolle.
krimbìddia. Cipolle.
Allòra ìpe cìo, Allora disse quello,
o massàri, èkanne: Il massaro, faceva:
pòs ène usa krimbìddia! come sono (buone) queste cipolle!
Pòs ène sua krimbìddia, Come sono queste cipolle,
ma èn glicèa, an zùkkaro ène, ma sono dolci, uno zucchero sono,
èle o massàri, diceva il massaro,
pùrke o skarpàri na fài, in modo che il calzolaio mangiasse,
na fài krimbìddia ce makà o tirì. mangiasse cipolle e non formaggio,
Jakài cìo ìkhe n'o pulìsi matapàle o tirì de! Perché lui il formaggio lo doveva vendere. no!
Allòra o pedài, ka cìo e' nnòa poddhi, Allora il ragazzino, che non capiva molto,
mànku o mèa enòa, neanche il grande (il calzolaio) capiva,
però a spirì plèo poddhì enòa. però un po' di più capiva.
O kècci, cìo ìone ettà ottò khronò Il piccolo, che aveva sette, otto anni
ce ìbbie na màsi na kài skarpàri, e andava ad apprendere a fare il calzolaio,
na kài skarpàrie, na stiàsi na ... a riparare scarpe ...
Allòra o pedài, kùnta, kùnta Allora il ragazzino, parla, parla
ka ìu ìo kalò, che così era bene,
ìo kalà ta krimbìddia, erano buone la cipolle,
jakài depòi cìo perché lui poi (il massaro)
ta ìkhe pulizzèfsonta, le aveva mondate,
òrria pulìta, àspra ìone deh, belle pulite, bianche erano,no!,
ìu makrèa tòssa, erano così lunghe,
ìo makrèa. erano lunghe.
Allòra epìrte na piài Allora il ragazzino si accinse a prendere
a krimbìti ce na dakkàsi, una cipolla e a morderla,
na fài, o pedài. a mangiarla.
O skarpàri u sìrni a kòrpo, mìa skiaffùna, Il calzolaio gli assesta un colpo, uno schiaffone,
"fàe tirì", ìpe, “mangia formaggio”, disse,
"àfi na ta fài o padrùna ta krimbìddia “lascia che le mangi il padrone le cipolle,
ka u piacèune, che gli piacciono,
ka cinù u picèune, che a lui gli piacciono,
àfi na ta fài cìo", ìpe, lascia che le mangi lui”, disse,
"ka èmi tunì forà èkhome i kumbinaziùna "che noi questa volta abbiamo l'opportunità
na fàme a spirì tirì. di mangiare formaggio".
Modalità d'uso:
Inizia/Continua:
Inizia la riproduzione e la riprende se viene interrotta con Pausa.
Pausa:
Interrompe la riproduzione, per riprederla cliccare su Continua .
Interrompi:
Interrompe la riproduzione, cliccando su Inizia/continua, la riproduzione ricomincerà dall'inizio.
Muto:
Toglie e rimette l'audio.
Si può può iniziare o far ripartire la riproduzione da un qualsiasi punto cliccando sul rigo desiderato. In alcuni casi è possibile che si verifichi un leggero sfasamento tra la voce e l'evidenziazione.
2012-2019
© www.rizegrike.com
info@rizegrike.com