Rize Griche: il portale del grico
Decine di brani registrati con lettura assistita; video; traduzioni; raccolte di vari autori


Pleo fse pentacosciu

cuntu

Ghiaddha ena




Oltre cinquecento

brani

Scegline uno
Morosi: E passiuna tu Cristù
Calimèra na sas po,Buon giorno (lasciate) che io ci dica.
Sas cuntefso tim Passiuna; Che vi conti la passione;
Possa pátefse o Cristò Quanto patì Cristo
Cùsetè (ti) ma devoziuna. Udite con devozione.

'Mbiefse lèonta o Patr' eterno

Mando dicendo il Padr' Eterno
Ti mas sarve ti fsihì, Che ci salvava l' anima;
Na mi pame 's ton anfierno, Affinchè non andassimo all inferno,
Pu afsìamo oli emì. Che meritavamo tutti noi.

E patriarchi ene tardèfsa

I patriarchi non tardarono
Pracalònta to Teò, A pregare Iddio
Na'rti na tus liberèfsi Che venisse a liberarli
(A) citto topo scotinò Da quel luogo tenebroso.

Irte an àngelo de cantu

Venne un angelo di canto
Pu herètise Maria; Che salutò Maria;
Isa prama u Spirdu Santu Era opera dello Spirito Santo
(Na) 'ncarneftì es ti cilia. Che (Dio) le s' incarnasse nel ventre.

E Maria 's tin oraziuna

Maria in orazione
Eteòri tom pedì, Contemplava il figlio:
Ihe cini ti furtuna Ebbe ella la fortuna
'S ti cilìati (na) 'ncarneftì. Che nel ventre di lei s' incarnasse,

Arsignò 'vò na sas po:

Incomincio io a dirvi:
Passosèna na pensèfsi Ciascuno pensi
Possa pátefse o Cristò Quanto patì Cristo
Ti fsihì na mas sarvefsi. Per salvarci l'anima.

Vuli ecama cini Ebrei

Consiglio fecero quegli Ebrei
Na mas piacu tom pricò, Di pigliarci lo sventurato,
Ce Anna o càtaghinoschèi E Anna lo condanna
Na pesàni 's to stavrò. A morire sulla croce.

Cini sciddi Turchi Ebrei

Quei cani turchi d' Ebrei
(I)bbian ghiurèonta tom Messia; Andavano cercando il Messia;
O Juda ècame ti clei Giuda fece finta di piangere
Ce tos dùlefse ja spia. E servi loro da spia.

Efsèfn'étrame manihò

Tosto corse solo
Ce negòziefse ma cinu, E negoziò con quelli,
Ce mas pùlise o Cristò E ci vendette Cristo
Ja triànta tri carrinu. Per trenta tre carlini.

(I) sciddi tràmane lissàti

Que' cani corsero arrabbiati
Ce tom piaca o sfortunato, E pigliarono lo sfortunato,
Ma ton Ghiuda accumpagnati E accompagnati con Giuda
Ton epira carcerato. Lo portarono in carcere.

Mas to sirane 's ton Anna,

Ce lo trassero da Anna,
Ce siftò ton avastusa, E stretto lo conducevano,
Ja na masi in cataguna; Affinché udisse la sentenza;
Ce ajo Petro on eculùsa. E S. Pietro lo seguitava.

Ce ajo Petro es ti lumera

E S. Pietro al fuoco
Stracco èbbiache na caisi; Stanco prese a sedere;
Vresi Javènnonta mia hiatera: Si trovò a passare una fanciulla;
(A)rtòsi cio n'i canonisi. Si alzò in piedi egli per guardarlo.

Cini: Esù pai m'o Messia;

Ella (disse):-tu vai col Messia,
C'irt'ettù na mas sarvèfsi: E venisti qui per salvarci :
-Se norizo 's ti amilia Ti conosco al linguaggio
Arcise cio na neghèfsi. Cominciò egli a negare.

C'ibbie javènnonta addi hiatera,

E andava passando un' altra fanciulla,
Ja pleo doglia, ja pleo trumento, Per più dolore, per più tormento.
-Se norizo 's ti linguera -Ti conosco al linguaggio (disse)
Petros àrcise o giuramento. Pietro incominciò il giurare.

T'ammàdia èscose o Cristò

Gli occhi levò Cristo
N'ajo Petro canonisi: Per guardare S. Pietro:
Tuo on bandùnefse manihò : Questi lo abbandonò solo:
Custi o caddo cantalisi. Si udì il gallo cantare.

Anna eguiche n'o saminèfsi

Usci Anna per esaminarlo
(A) citti schera 'fse sordatu; Da quella schiera di soldati;
Causa en i(h)e n'o cundannèfsi, Non avea cagione da condannarlo,
Ce ton àrise 's to Pilato. E lo mandò da Pilato.

En eftàzo na sas po

Non arrivo a dirvi
Possa pàtefse e Madonna, Quanto patì la Madonna,
Motti pu 'vriche o Cristò Quando trovò Cristo
Fraggellato 's ti colonna. Flaggellato alla colonna.

(A)fse hiliate bastunate

Sei migliaia di bastonate
Ce afsecòscie ce afsintàfse E sei cento sessanta sei
Cio sumportefse ampì 's tes plate, Egli sopportò dietro le spalle
Ce dommène (ma) male mazze. E date con grandi mazze.

Benda u vala na mi mblefsi

Una benda gli posero affinché non vedesse,
Motti pu tom pelecusa; Quando lo percuotevano;
Ce tu leane na mantèfsi: E gli dicevano che indovinasse:
Tis pelèca on arodusa. Gli domandavano chi percuoteva.

Ce Pilato ipe 's Cristò:

E Pilato disse a Cristo:
-Passoséna se 'ccusèi, - Ciascuno ti accusa,
Esù vrìschese mbrogliato Tu ti trovi imbrogliato
C'ipe cino: - Esù to lei. Ed egli disse: -Tu lo dici –

(I)n hera toa mardulitata

Allora la mano superba
Gherni Malcos o facchino, Levò Malco , il facchino,
Ce tu èdiche ti schiaffata E gli diede lo schiaffo
Es to mero to mancino. Sulla guancia sinistro.

Ce Pilato de potenza

E Pilato nella sua potenza
Mas cundànnefse o Cristò. Ci condannò Cristo,
Ce tu èdiche tin sentenza E gli diede la sentenza
Na pesàni ‘s to stavrò. Che morisse sulla croce.

Eguich'ènan afse cinu

Usci uno di quelli
Ma mia stèfano poddì mali Con una corona malto grande
Ce oli afse sciuncu marinu, E tutta di giunchi marini,
Ce tu 'mbala 's tin ciofàli. E gliela posero sulla testa.

En eftàzo na sas po

Non arrivo a direi
Posses isan 'e strappate, Quante furono le strappate,
Motti u vala to stavrò Allorché gli posero la croce
Na vastàfsi ampì 's tes plate. Da portare dietro le spalle.

O Cristòs o vloimmèno

Cristo benedetto,
Pu ìbbie mbènnonta es agonia, Che andava entrando in agonia,
Eteòri (h)iliate gheno; Vedeva migliaia di gente;
Tispo tò'diche afìdia. Nessuno gli diede aiuto.

Ce mott'ìstiche 's to stavrò,

E quando stava sulla croce
Cinò jùrefse na pi: Egli cercò da bere:
Fsidi u doca ma t'asvèsti Aceto gli diedero colla calce
Ce mbischiato ma holì. E mischiato con fiele.

C'ìbbie trèhonta e Maria,

E andava correndo Maria
Arte apòte, arte apu 'ci, Ora di qua, ora di là,
C'ìbbie senza cumpagnia, E andata senza compagnia,
To peditti na ton di. Per vedere il suo figlio.

Sa mia tùrtura scumpagnata

Come una tortora scompagnata
(A)tti dichitti cumpagnia, Dalla sua compagnia,
Cini ehási ame 's ti strata Ella si perdette (svenne) in mezzo alla strada
Senza forza ce amilia. Senza forza e senza favella.

Motti epèsane o Cristo

Quando morì Cristo
O iglios èhase i lumera, Il sole perdette il (suo) fuoco,
O fengo ejètti scotinò, La luna diventò oscura,
Nifta jurise ittin emèra. Notte tornò quel giorno.

Ghetti a mea terramoto

Avvenne un grande terremoto
Motti espìrefse o Cristò, Quando spirò Cristo,
Ce o cosmo ècame tale moto E il mondo fece un tale muoversi
Na fai pa Cristianò. Da inghiottire ogni uomo,
Arte cùsato tim Passiuna,
Ora udiste la Passione,
Possa patefse o Cristò: Quanto patì Cristo:
Ce ma mali devoziuna E con grande divozione
(0)n adorèome ‘s to stavrò. Adoriamolo sulla croce.

E glossa e ssozi pleo milisi,

La lingua non può più parlare,
De cuntèfsi pleo o lemò; Ne più contare può la bocca;
Dochetému 'na turnisi, Datemi un tornese,
An dè, dòchet' en' aguò. Se no, datemi un uovo.

Si può iniziare la riproduzione dal rigo desiderato cliccandovi sopra. inizio brano
2012-2022
© www.rizegrike.com