Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Nina: To zimosi
Motti zìmòsane (zimònnane), de,Quando impastavano, no,
ikhe t'alèvri o prozimi ... c'era la farina, il lievito
O prozimi pu ìstike o prozimi? Il lievito dove era il lievito?
Cio èlese Quello macinava
[...] [...]
cittu zitto
Elese prima, èkanne ... Macinavi prima, facevi ...
Eprepare t'alevri Preparavi la farina
anzi toa en ia e' sakundu àrtena anzi allora non era come adesso
ka s'o t'òddie koscinimmeno o ... che te la dava setacciata la ...
o milo .. il mulino ...

Il mulino

o milo, ecì sto milo ka o t'òlise, il mulino, lì al mulino che lo macinavi (l'orzo)
s'o t'òddie m'olo to kàfeddho. te lo dava con tutto il cruschello.
Prima o koscìnezes olo ... Prima lo setacciavi tutto,
Pìtero, tikanene crusca, tutto

La madia con il setaccio. Il più delle volte la madia era sostituita dalla "mattrabbanca", madia più panca.

ce gòmonne mia bankan alevri e riempivi una cassapanca di farina
depoi epìanne ti posta, elea toa, poi prendevi la "posta", dicevano allora
eppunte tin ghiurnata ka ikhe na kàis e - fsomì, concordavi il giorno che dovevi fare il pane
Cio enna kai. quello (il turno) che dovevi fare.
sto protinò furno sto sekundo, m'o furnari, al primo forno (infornata) al secondo, col fornaio
depoi motti esù sto avri ikhe na kais to fsomì poi quando tu il domani dovevi fare il pane
ìbbie ce s'oddie o prozimi. andavi e lui ti dava il lievito.
Ce s'òddie, posso m'a pittarai, E ti dava, quanto un panino,
pasta fse fsomì ka ia già prozimi pasta di pane che era già (divenuta) lievito
ka depoi avri che poi domani
ènghise esù na fiki tosson addho dovevi lasciare tanto altro (la stessa quantità)
ja motti kanni addhi addhin emera. per quando un'altra (persona) doveva fare (il pane) il giorno successivo.
Posso s'òddie, tosso .. Quanto ti dava, tanto ...
Posso s'òddie, tosso tu to t'òfinne mapale. Quanto ti dava, tanto gli lasciavi nuovamente.
To t'òddie danikò Lo dava in prestito.
Panta afs'ena ston addho, afs'ena ston addho. Sempre da uno all'altro, da uno all'altro.
En ia sakundu àrtena ka piànni ... Non è come adesso che prendi
ka pai voràzi ti birra che vai a comprare la birra (il lievito di birra)
o prozimi fse birra 'e o mbiskèi . il lievito di birra e lo mischi.
Allora ìbbie panta ambrò iu ka .. Allora andava sempre avanti così ...
Ce po ezimonnato, E come impastavate
Evàddhato nerò termò? mettevate acqua cala?
Depoi s'o t'òddie attevrai, Poi te lo dava (il lievito) questa sera,
o ghèrnane e mia fossa ecessu sti banka, lo conservavano in un buca dentro la cassapanca,

La cassapanca.
La cassapanca era usata come madia per stemperare la pasta e successivamente come contenitore per vari derrate alimentari.

èvaddhe citto prozimi mettevi quel lievito
ce èkanne nerò tremmò e facevi acqua calda
ce o krisce, o vanze e cresceva, si gonfiava (la farina)
o mbròje m'alèvri ce o [...] ghettì [...] lo mischiava con la farina e [...] per diventare ..
piuomenu a terzo afs'itt'alèvri più o meno un terzo di quella farina
o t'òkannes olo prozimi. lo faceva (diventava) tutto lievito.
Depoi magari sekundu on oràrio ka ìkhe na zimosi Poi a secondo magari dell'orario che dovevi stemperare
s'òlle "aska alle due, aska alle tre" (il fornaio) ti diceva "alzati alle due, alzati alle tre"
jakai ikhe depoi na ghetti e pasta. perché poi doveva farsi (lievitare) la pasta
Motti skònnaso embìskes olo citt'alèvri quando ti destavi mischiavi tutta quella farina
atte dio akre dei due lati della (cassapanca)
ce o mbìske ma olo citto prozimi ghenomeno la mischiavi con tutto quel lievito che intanto si era formato
ce mpàste tikanè Ed impastavi tutto.
ce enzigna ce mpaste. e cominciavi ad impastare
M'o nerò termò panta! sempre con l'acqua calda!
Panta m'o nerò tremmò. sempre con l'acqua calda.
Ce esquaje to ola, E scioglievi il sale,
t'ala o squaje ces sto nerò tremmò il salo lo scioglievi in quella acqua calda
ka su embiskes ecessu. che tu mischiavi li dentro.
en embèjase t'ala ecessu non buttavi il sale lì dentro (nella cassapanca)
E' to mbìskes ecessu, embiske tikanè ... non lo mescolavi li dentro, mescolavi tutto (con l'acqua)...
Nerò salao. Acqua salata.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2021
© www.rizegrike.com