Cuse ti' Fonì tu Gricu
Ascolta la voce del grico
Pascali: Ammès acatò èbbiannes èna
Allòra depòi mòtti, mòtti evò,Allora poi, quando, quando io,
mòtti emì estàzamo ecì sti Llìmini, quando noi giungevamo lì alla Limini,
dòpu ka sparèamo stu pàparu - dopo aver sparato ai paperi,
ka pìane apòde, che fuggivano via,
ka pìane cèrtu apòde, che fuggivano sicuramente via.
ammès akatò èbbiannes èna - In mezzo a cento ne prendevi uno,
allòra depòi - ìbbie èna, dìo - allora poi - ne potevi prendere uno, due -
epìamo stin àcran ti Llìmini andavamo alla riva della Limini,
ecì ìkhe o passàggio, lì c'era il passaggio,
ìkhe o passàggio fse pàparu: c'era il passaggio dei paperi:
apu cì pu ìkhan èrtonta, da lì da dove erano venuti,
ìkha pànta i nnìtta na fàne, erano andati la notte per mangiare,
na paskulèfsune, per pascolare
allòra enònnatto òli ecì sti Llìmini, allora si radunavano tutti là alla Limini,
ste funtanèddhe, makà sti Llìmini tti mmàli, alle Fontanelle, no alla Limini grande,
ma ste funtanèddhe, cistèa Derentò. ma alle Fontanelle, verso Otranto.
In efsèro, in efsèro. La conosco, la conosco.
Allòra depòi esparèamo matapàle ecì, Allora poi sparavamo nuovamente lì,
sto passàggio attus pàparu. al passaggio dei paperi.
Mòtti depòi enzìgna ka Quando poi cominciava ad
kùkke n'àggui ìjo avvicinarsi il sorgere del sole
ìkhamo na piàme afsàri - dovevamo prendere il pesce -
ka ìkhamo na fàme de! - che dovevamo mangiare no! -
o m'i skioppèppa O (sparando) col fucile
o m'a mòrzo kàppussa o con un piccolo ordigno o
o m'a mòrzo pràma fse cìo. una piccola cosa del genere.
Epiànnamo matapàle an afsàri, dìo, Prendevamo nuovamente un pesce, due,
ce pùru plèo poddhì, anche molti di più,
pùru tèssare pènte kìlu kai forè. anche quattro, cinque chili alcune volte.
Ce o marèfsato ecì? Lo cucinavate là?
Ndè, depòi mòtti erkamòsto No, poi quando venivamo
o fèrnamo, o fìnnamo sto frìsko depòi o piànnamo lo portavamo, lo lasciavamo al fresco e poi lo prendevamo
mòtti ìkhamo na pàme apòde apucì, èkko. quando dovevamo andare via da là, ecco.
Mòtti depòi etaràfsamo apù cì Quando poi partivamo da là
ìkhamo na pàne 's Martàna dovevamo andare a Martano,
ma e' ppìamo Mmartàna derìtta, ma non tornavamo a Martano diritti,
sakùndu kànnamo mòtti pìamo, come facevamo all'andata,
epìamo, ndè, ndè, andavamo, no,
e' pìamo derìtta apòde èssu - non andavamo via diritti a casa
sakùndu kàmamo mòtti epìrtamo - come avevamo fatto quando eravamo venuti -
dè ka mòtti epìrtamo ìo nìtta - tieni presente che quando andavamo era notte -
ma mòtti ghiurìzamo ìkhamo na kàme in ghiurnàta de! ma quando tornavamo dovevamo fare (guadagnare) la giornata no!
Ecì, tòa ìkhe, ìkhamo na ìvrume an alavò, peresempiu, Là allora dovevamo trovare una lepre per esempio,
ma sìnneva pòddha fse pòddha [poddhi] ma c'erano nuvole di molte molte specie
makà èna, ka ìkhe na pài non ìvri, non uno che dovevi andare a trovarlo,
on ekkòntre on effrùnte. lo incontravi camminando.
Ce depòi estèamo, E poi stavamo,
epìamo kànnonta ìu. andavamo facendo così.
Ce depòi mòtti ghiurìzamo, E quando ritornavamo,
eghiurìzamo pànta ma pràmata, tornavamo sempre carichi di cose cacciate,
ma tin ghiurnàta ìon pànta ghenomèni. comunque la giornata era sempre fatta.
Ce m'us pàparu ti kànnete, ti kànnato? E con i paperi cosa facevate?
Epulìamo tikanè, epulùsamo tikanè. Vendevamo tutto.
Emì e tròamo tìpoti, Noi non mangiavamo niente,
jakài ìkhe na, perché dovevamo,
j'in ghiùrnàta epìamo, per (guadagnare) la giornata andavamo,
e' pìamo ja, j'o fàtto tu fài, non andavamo per, per il fatto di mangiare,
fàttu tu fài etròma n àkho per quanto riguarda il mangiare mangiavamo piselli
m'a pìtera. con la crusca.
Akho m'a pìtera! Piselli con la crusca!
[...] m'a pìtera, petàe, [Mangiavamo] piselli con la crusca, patate,
eh, a spirì pàsta, depòi mòtti ìo ciuriacì eh, un poco di pasta, poi quando era domenica
ka evò mòtti ìo ciuriacì ìbbionne, che io quando era domenica andavo (a caccia),
jakài ìkha na pào sti skòla pùru perché dovevo andare a scuola anche
a spirì mòtti ìmone ettà, òtto khronò un poco; quando avevo sette, otto anni
ìkha na pào sti skòla. dovevo andare a scuola.
Si può iniziare la riproduzione del brano dal rigo desiderato, cliccandovi sopra.
2012-2022
© www.rizegrike.com